Strategie di Trading Online

Una strategia trading è una combinazione tra strumenti di analisi tecnica (indicatori e oscillatori) e strumenti di analisi fondamentale (notizie macroeconomiche e correlazioni tra asset) con il fine di generare segnali operativi di trading per l’apertura di operazioni long o short.

L’utilizzo di una strategia di trading è alla base dell’operatività giornaliera di investitori e trader, poiché determina gli strumenti di analisi che dovranno utilizzare e consultare quotidianamente, le news sui market mover alle quali dovranno porre attenzione e al verificarsi di quali situazione dovranno entrare a mercato.

Una buona parte del profitto di ogni investitore nasce infatti nel momento dello studio di una strategia di trading vincente e solo in parte all’apertura di un’operazione corretta, in quanto è la logica conclusione di una tecnica di investimento ben studiata.

Cosa sono e come funzionano le strategie trading - elenco delle migliori con grafici, spiegazioni e come usarle al meglio. a cura di ©TradingOnline.com
Cosa sono e come funzionano le strategie di Trading – Elenco migliori strategie di trading con spiegazione, come e dove usarle, consigli utili e grafici illustrativi – A cura di ©TradingOnline.com

Vediamo ora nel dettaglio cos’è una strategia di trading e quali sono le migliori utilizzate ad oggi.

  • Money Management
    24 Feb 2021

    Money Management

    Il Money Management è l’insieme delle regole volte alla gestione del rischio e alle tutela del capitale nel mondo degli […]

  • Hedging: Cos’è e come funziona
    23 Feb 2021

    Hedging: Cos’è ...

    L’hedging è un insieme di strategie di trading che prevedono l’utilizzo di investimenti a copertura dei rischi derivanti da altri […]

  • Strategia Golden-Death Crossover
    4 Feb 2021

    Strategia Golden-Death...

    La strategia Golden-Death Crossover è una tecnica di trading utilizzata per generare segnali operativi di buy o di sell mediante […]

  • Strategia Scalping
    29 Gen 2021

    Strategia Scalping

    La strategia scalping è una tecnica di trading a brevissimo periodo utilizzata dagli investitori per generare piccoli profitti ripetuti in […]

    Strategia di Trading Online: cos’è esattamente

    Una strategia di trading è una metodologia di investimento ideata a monte dall’investitore per individuare i segnali di acquisto e vendita su un grafico sul Forex o su altri mercati come:

    Operare sui mercati finanziari senza strategie di trading, ovvero a grafico libero, è una tecnica estremamente rischiosa poiché basata esclusivamente sul sentiment del trader e non su fattori oggettivi.

    Nonostante gli investitori che operano basandosi sull’analisi fondamentale, ovvero le news macroeconomiche, non siano obbligati ad utilizzare indicatori e oscillatori per le caratteristiche intrinseche del trading su news, essi sono soliti inserire comunque strumenti di analisi grafica nelle loro strategie per renderle complete e per evitare l’apertura di operazioni senza punti di riferimento decisi preventivamente.

    Una strategia di trading ben definita combina dunque 3 fattori:

    • Strumenti di analisi tecnica (indicatori, oscillatori e candlestick);
    • Notizie macroeconomiche, finanziare e politiche (analisi fondamentale);
    • Money Management.

    Indicatori e oscillatori sono strumenti di analisi dei mercati che studiano oggettivamente tramite algoritmi alcuni fattori come volatilità del mercato o volume delle transazioni per definire la direzione del mercato e i punti di ingresso per le operazioni, basati principalmente su breakout, incroci e divergenze.

    Puoi trovare guide dettagliate sui migliori indicatori sul mercato nella pagina “Indicatori e Oscillatori di trading”, senza la conoscenza approfondita del funzionamento dello strumento selezionato nella strategia di trading è complesso comprendere le meccaniche che portano all’apertura di operazioni long o short.

    Le notizie macroeconomiche, invece, sono fattori esterni al grafico che possono influenzare fortemente l’andamento del prezzo di valute, azioni, indici, criptovalute e commodities. Discorsi del presidente della Federal Reserve o della BCE hanno spesso un forte impatto sui prezzi e possono causare violente fluttuazioni all’interno dei grafici.

    Esistono strategie che si basano esclusivamente sui movimenti generati dalle news (ad esempio strategie sul dati NFP, Non Farm Payroll, il quale mostra i dati sull’occupazione negli USA e impatta fortemente sul dollaro) e altre strategie che prevedono l’uscita dal mercato in prossimità di eventi macroeconomici che possono impattare sui grafici.

    Un ulteriore fattore da valutare per creare una corretta strategia di trading è il money management, ovvero la gestione del capitale e della posizione. I trader esperti combinano il money management in una strategia di investimento per gestire correttamente i take profit e gli stop loss, oltre alle giuste proporzioni di capitale per ogni trade.

    Dopo anni di esperienza un trader riesce a creare una strategia efficace e funzionale in solitaria ma esistono tecniche per fare trading semplici già utilizzabili da trader principianti, come quelle di cui parleremo in questa guida.

    Come funzionano?

    La particolarità delle strategie di investimento è la loro versatilità, ovvero è possibile scambiare gli strumenti di analisi con altri appartenenti alle stesse categorie senza variare di molto i segnali generati, ma occorre considerare che una stessa strategia può produrre risultati diversi a seconda del mercato o dell’asset analizzato.

    Una strategia di trading si avvale dunque di uno o più strumenti di analisi tecnica (indicatori, oscillatori) o analisi del candlestick per generare segnali di ingresso a mercato, sia di acquisto che di vendita in base alla strategia selezionata.

    Una volta individuato il segnale, non è finito il compito di un trader online, occorre infatti valutare una serie di fattori interni ed esterni come la possibile influenza di notizie di analisi fondamentale sull’operazione che l’investitore andrà ad aprire. Se la nostra strategia non si basa sulle news, è bene cautelarsi da esse evitando di entrare a mercato in concomitanza ad un evento che può falsare la nostra strategia.

    Le migliori strategie di trading prevedono tutte un corretto approccio ai take profit e agli stop loss, il cui posizionamento deve essere deciso in fase di creazione della strategia a seconda dei criteri del money management. L’operazione aperta, si conclude infatti, solo al raggiungimento di TP o SL ed è una pratica rischiosa chiudere preventivamente un trade se si sta seguendo una strategia ben definita, a meno che non si seguano tecniche che prevedono i trailing stop.

    Esistono strategie più adatte di altri per i trader principianti, ovvero tecniche di facile interpretazione e che si basano su segnali facilmente individuabili dall’investitore. Qui di seguito puoi trovare le 10 migliori strategie di trading ad oggi, ovvero quelle che garantiscono migliori risultati sul lungo periodo.

    Importante premessa: Per mettere in pratica le nostre strategie ci siamo serviti del broker eToro, il quale permette di aprire un conto gratis con 100.000$ per fare trading in modalità virtuale. Puoi ottenerlo anche tu a questo indirizzo.

    Il conto demo è uno strumento indispensabile per fare test ed imparare in modo efficace e senza rischi le migliori tecniche e strategie di trading che ti insegniamo su ©TradingOnline.com. Tutte le migliori piattaforme trading menzionate su questo sito regalano ai nuovi iscritti un conto demo col quale fare pratica.

    Le Migliori 10 strategie di trading: recensioni complete + grafici [Lista Aggiornata]

    • STRATEGIA GOLDEN-DEATH CROSSOVER

    La strategia Golden e Death crossover si tratta di una delle prime tecniche che un trader impara e inizia ad utilizzare, grazie alla sua intuitività e semplicità di utilizzo.

    Strategie di trading - Golden Cross - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Golden Cross individuato su EUR-USD – Media SMA a 50 (blu) e 200 (rossa) periodi

    Questa strategia di trading si basa infatti sulle medie mobili, uno strumento basilare di analisi dei mercati. Il Golden e Death Cross, in particolare, utilizza medie mobile a 50 e 200 periodi, nel grafico sopra identificabili rispettivamente con il colore blu e rosso. Le medie utilizzate sono solitamente SMA, Simple Moving Average, ovvero la prima versione sviluppata dello strumento, che utilizza come fattori di calcolo i prezzi di chiusura di N periodi, ma esistono versioni che si basano su EMA (Exponential Moving Average).

    Utilizzando SMA a 50 e 200 periodo lo strumento tiene in analisi principalmente il trend di fondo del grafico, trattandosi di Moving Average di medio-lungo periodo.

    La preparazione della strategia non è complessa e si divide in 4 semplici operazioni:

    • Impostazione SMA 50 periodi (blu);
    • Settaggio SMA a  200 periodi (rossa);
    • Definizione Stop Loss;
    • Scelta ratio Stop Loss-Take Profit.

    L’impostazione o settaggio delle Medie Mobili Semplici è immediato una volta che l’investitore prende dimestichezza con la piattaforma utilizzata. Nella guida su Golden/Death Cross mostriamo la sua preparazione sulla piattaforma eToro.

    La scelta dello Stop Loss e del conseguente rapporto tra Stop Loss e Take profit dipendono dal money management scelto dell’investitore: gli studiosi del trading consigliano di impostare al massimo il 2% del proprio capitale totale come Stop Loss.

    Un ratio accettabile, invece, è qualsiasi rapporto maggiore a 1:2 tra SL e TP, ovvero la quantità di pips impostata per il take profit è consigliata essere almeno il doppio di quella prevista per lo Stop Loss. In questo modo, anche nel caso in cui solo la metà dei trade sia andato a buon fine, il trader sarà in profitto.

    La strategia in questione genera segnali sell mediante il crossover dall’alto verso il basso da parte della SMA a 50 periodi sulla SMA a 200 (Death Cross) e viceversa (Golden Cross).

    Indicatori: SMA o in alternativa EMA
    Efficacia: 8/10
    Semplicità: 8/10
    Recensione: Strategia Golden-Death Crossover
    La strategia Golden-Death Crossover in pillole

    • SCALPING

    Lo scalping è una strategia di brevissimo termine che esula completamente da tutte le altre tecniche di trading. Chi applica lo scalping, infatti, si disinteressa totalmente della tendenza del mercato, sia di breve che di lungo periodo, lavorando su time frame molto brevi (da M1 a M15) per “rubare” al mercato una manciata di pips per operazione, raramente superiore a 10.

    Strategie di trading - Scalping - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Strategia di Scalping su EUR-USD – Impostata SMA 200 periodi per definite il trend e generazione segnali tramite Stocastico (14) – Grafico a 5M

    Lo scalper apre moltissime operazioni nell’arco di poche ore, raccogliendo profitti minimi da ognuna di esse che, sommati, portano gli stessi risultati delle altre tecniche, con un periodo di attività sui mercati inferiore. Si tratta di una strategia di trading frenetica che permette però all’investitore di disinteressarsi di molti dei fattori interni (trend) ed esterni (news macroeconomiche) del grafico.

    Lo scalping viene spesso effettuato su derivati e con leve finanziarie elevate, per massimizzare i profitti ottenuti. Gli strumenti di analisi più utilizzati per attuare queste strategie a brevissimo termine sono:

    • Variazioni grafiche del candlestick come Renko e Heikin Aishi;
    • Bande di Bollinger;
    • Ichimoku;
    • Medie Mobili;
    • MACD;
    • RSI; 
    • Parabolic Sar;
    • Fibonacci.

    Le caratteristiche intrinseche di un mercato adatto allo scalping sono volatilità e liquidità, per questo gli scalper prediligono i mercati degli indici e quello valutario.

    I trader più esperti consigliano l’utilizzo di piattaforme con spread percentuali se si fa scalping, ovvero delle tipologie di spread molto vantaggiose per che apre molte operazioni, come gli scalper. Una commissione fissa per l’apertura di ogni operazione, infatti, andrebbe ad abbattere i profitti dell’investitore.

    Indicatori: Renko / Haikin Ashi / Bollinger / MACD / Ichimoku / RSI / SAR / Fibonacci / Medie Mobili
    Efficacia: 9/10
    Semplicità: 8/10
    Recensione: Strategie Trading Scalping
    La strategia Scalping trading in pillole

    • DAY TRADING

    La strategia day trading è una tecnica basata sull’operatività di breve periodo, sfruttando time frame orari (H1) o H4.

    I trader che opera seguendo strategie di day trading apre e chiude operazioni entro la chiusura delle contrattazioni giornaliere, non prorogando mai la chiusura alla giornata successiva per non applicare lo swap alle sue operatività, ovvero un tasso percentuale richiesto dai broker per garantire l’apertura del trade anche durante il periodo di chiusura dei mercati.

    Strategie di trading - Day Trading - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Segnali di Day Trading su EUR-USD generati su time frame orario tramite supporti e resistenze statici e trend line

    Il day trading, o trading intra-day, prevede l’acquisto e la vendita dello stesso asset anche più volte durante la stessa giornata. L’investitore che applica strategie di investimento giornaliere aprirà dunque un elevato numero di operazioni veloci con profitto ridotto durante un breve periodo di contrattazioni.

    Le strategie di day trading prevedono principalmente lo studio delle candele del grafico per individuare brevi spinte direzionali, ma si avvalgono anche dell’utilizzo di alcuni indicatori, i quali applicati in un contesto di operatività intraday, forniscono segnali affidabili.

    Gli strumenti di analisi migliori per gli investimento giornalieri sono le Bande di Bollinger, Fibonacci, i Pivot Point e gli indicatori grafici come trend line, canali di prezzo e livelli di supporto e resistenze.

    Questa strategia prevede inoltre Stop Loss molto piccoli per ridurre il rischio e chiudere velocemente le operazioni sbagliate con poche perdite. L’operatività di un day trader è, infatti, principalmente trend following poiché non ha tempo di attendere trade con lunghi rimbalzi ma predilige le operazioni con una direzione veloce e ben definita, sfruttando il momentum.

    I trader più esperti consigliano l’utilizzo di broker che applicano commissioni di trading variabili (spread) basse per l’operatività giornaliera, per ridurre i costi dell’apertura di un elevato numero di trade.

    Indicatori: Bollinger / Fibonacci / Pivot Point / Trend Line / Supporti e resistenze
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Day Trading
    La strategia Day Trading in pillole

    • SWING TRADING

    Lo swing trading è una strategia che si basa sull’operatività a breve-medio periodo, mediante l’apertura e la chiusura di operazioni nell’arco di pochi giorni, fino a un massimo di 3-4 sessioni.

    Il time frame su cui opera lo swing trader predilige candele H4 e D1, utilizzando lassi temporali più bassi (H1) esclusivamente per individuare il punto di ingresso corretto di un’operazione.

    Strategie di trading - Swing Trading - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Segnali di Swing Trading su EUR-USD generati su time frame 4H tramite supporti e resistenze statici e trend line – Media Mobile Semplice a 200 periodi in rosso

    Il trader che sceglie di applicare strategie di swing trading baserà dunque la sua operatività sull’apertura e la chiusura di più operazioni nell’arco di qualche giorno, ricercando profitti più elevati per ogni trade e concedendo stop loss più ampi ad ogni operazione, in concordanza con le regole di money management.

    Il termine “swing” significa oscillazione, poiché il movimento del prezzo di un grafico di un asset non è mai lineare ma composto da continue spinte direzionali e ritracciamenti nella direzione contraria.

    Lo swing trader analizza il trend di fondo del grafico e cattura per intero le oscillazioni nella stessa direzione della tendenza di lungo periodo del prezzo. Si tratta dunque di vere e proprie operazioni trend following, che possono durare svariati giorni, fino ad un nuovo ritracciamento di prezzo.

    Gli strumenti più utilizzati per l’operatività giornaliera mediante lo swing trading sono: i livelli Fibonacci, le Medie Mobili, l’oscillatore MACD e i livelli di supporto e resistenza.

    Questa strategia presenta molte similitudini con il day trading, ma lascia più “spazio” nel grafico alle operazioni aperte, concedendo più giorni ad ogni trade per catturare per intero spinte direzionali di breve-medio periodo.

    Indicatori: Fibonacci / Medie Mobili / MACD / Supporti e Resistenze
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Swing Trading
    La strategia Swing Trading in pillole

    • STRATEGIA TREND FOLLOWING

    Le strategie trend following sono le più utilizzate dai trader, soprattutto i principianti, poiché si basano sul concetto che il trend in corso continui nella sua direzionalità fino ad un chiarissimo segnale di inversione (reversal signal).

    Trend is your friend

    Strategie di trading - Trend Following - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Strategia Trend Following su EUR-USD applicata mediante SMA a 200 periodi e Oscillatore RSI

    Ovvero “il trend è tuo amico”, la teoria alla base di ogni teoria di trend following, che, a differenza delle strategie basate sulle inversioni, pongono la loro operatività sulla continuazione della tendenza in corso.

    Questa popolare strategia di trading si compone in due fasi:

    • Individuazione del trend di fondo del grafico (ovvero la tendenza a lungo periodo)
    • Ricerca del segnale di ingresso della stessa direzionalità

    Uno degli strumenti più banali utilizzati nella strategia trend following sono le medie mobili, indicatori di tendenza che indicano le direzionalità attuale del movimento di prezzo e per questo particolarmente utile nell’applicare la tecnica. Non solo medie mobili, gli indicatori più utilizzati in queste strategie sono quelli grafici, ovvero resistenze, supporti, trend line e canali di prezzo.

    L’operatività delle strategie trend following è basata su:

    • Breakout;
    • Rimbalzi.

    Una volta identificato il trend di fondo, infatti, l’investitore si concentrerà alla ricerca di segnali di vendita o acquisto (in base al trend rialzista o ribassista) tramite rotture o rimbalzi delle medie mobili o di indicatori grafici.

    Indicatori: Supporti e Resistenze / Canali di prezzo / Trend Line
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Trend Following
    La strategia Trend Following in pillole

    • STRATEGIA REVERSAL

    Il concetto alla base di una strategia reversal è opposto alle più comuni strategie di trend following. Se quest’ultime si basano sulla continuazione di un trend, una strategia reversal ricerca i punti in cui una tendenza inverte la sua direzionalità ( da rialzista a ribassista o viceversa), per catturare per intero un nuovo movimento di prezzo, un evento molto profittevole per l’investitore.

    Strategie di trading - Reversal Trading - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Strategia di Reversal trading su EUR-USD basata sull’individuazione di pattern di inversione – Nell’immagine due Shooting Star

    Questa strategia individua quindi i punti in cui il movimento di prezzo perde forza e cambia direzione, passando da un mercato bearish ad un mercato bullish o viceversa.

    Per attuare una strategia di reversal trading sono principalmente utilizzati indicatori grafici, ovvero conformazioni di candele riconosciute dai trader come pattern di inversione, oltre a supporti, resistenze e trend line.

    I trader che scelgono di attuare questa tecnica sanno riconoscere i principali pattern di inversione:

    • Hammer;
    • Hanging Man;
    • Doji;
    • Bearish Engulfing;
    • Bullish Engulfing.

    Questi pattern rappresentano efficaci segnali di ingresso a mercato se abbinati ad oscillatori di momentum e di volume, utilizzati per segnalare possibili indebolimenti della tendenza in corso.

    I trader che scelgono di applicare una tecnica basata sulla ricerca di punto di inversione sono soliti cautelarsi attentamente tramite gli Stop Loss, essendo strategie solitamente più complesse e rischiose del comune trend following.

    Lo Stop loss, in una strategia reversal con un buon money management, è posizionato rispettivamente:

    • Poco al di sopra dell’ultimo massimo in caso di inversione da trend rialzista a ribassista;
    • Appena al di sotto dell’ultimo minimo generato se l’inversione avviene da trend ribassista a rialzista.

    Per attuare una strategia di reversal trading è necessaria dunque una è profonda comprensione degli strumenti di analisi utilizzati e, soprattutto, del mercato in cui si opera e delle sue meccaniche.

    Indicatori: Pattern di inversione / Supporti e Resistenze / Trend Line
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Reversal
    La strategia Reversal in pillole

    • RANGE TRADING

    Il range trading è una strategia di trading non direzionale, ovvero utilizzata per operare nelle fasi laterali del grafico. I mercati, infatti, per il 70% del tempo non hanno un trend ben definito ma il prezzo si muove lateralmente in attesa che una delle due forze sul mercato prevalga (bull o bear).

    Le strategie di range trading intervengono dunque in queste fasi di accumulazione, generando segnali in entrambe le direzioni e permettendo dunque all’investitore di conseguire profitti maggiori.

    Strategie di trading - Range Trading - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Creazione di un canale di trading in un trend laterale con ausilio del MACD (12,26,9) per validare i rimbalzi – Presente rottura del canale con pullback nella fase finale

    Gli strumenti di analisi tecnica maggiormente utilizzati per mettere in atto queste strategie sono:

    • Oscillatori;
    • Indicatori grafici.

    La tecnica principale di range trading è la creazione di un canale di prezzo, ovvero la costruzione di un supporto e di una resistenza sui massimi e sui minimi del movimento laterale e sfruttare i rimbalzi su questi strumenti grafici come timing per l’apertura di operazioni long (rimbalzo su supporto) e operazioni di Short Selling (rimbalzo su resistenza).

    La combinazione degli oscillatori ai canali di prezzo sono un fattore fondamentale della strategia, poichè aiutano a prevenire i breakout del canale. Per questo compito sono utilizzati principalmente oscillatori che indicano fasi di ipervenduto e ipercomprato, per validare i rimbalzi all’interno del canale.

    Se il prezzo tocca la resistenza superiore del canale ma il suo momentum è ancora forte (non essendo l’oscillatore selezionato in fase di ipercomprato) e dunque più che un rimbalzo sarà previsto un breakout, decretando il culmine della fase di accumulazione e della tendenza laterale del mercato. Lo scenario contrario è valido in caso di breakout del supporto con l’indicatore che non ha raggiunto la fase di ipervenduto.

    Il range trading, però, può essere applicato solo in presenza di un mercato in fase di lateralità.

    Indicatori: Oscillatori / Indicatori Grafici
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Range Trading
    La strategia Range Trading in pillole

    • STRATEGIA TESTA E SPALLE

    La strategia Testa e Spalle è una tecnica che genera segnali di inversione al verificarsi di un determinato pattern grafico. Il pattern grafico Testa e Spalle è una figura di inversione tra le più famose di reversal trading, la quale indica il termine della tendenza in atto nel grafico e sancisce l’inizio di una nuova tendenza inversa.

    Strategie di trading - Testa e Spalle - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Individuazione di un pattern di inversione “Testa e spalle” completo di Pullback su Neck Line su EUR-USD

    La figura di inversione è composta, in un trend rialzista, da tre massimi di cui il secondo è il più alto e il terzo (decrescente) si attesta allo stesso livello del primo, formando così una figura che ricorda due spalle con la testa al centro, ovvero il secondo massimo più alto.

    In un trend ribassista, invece, il pattern Testa e Spalle è rappresentato da 3 minimi, di cui il secondo più basso e il terzo crescente,  quest’ultimo solitamente si attesta sugli stessi livelli del primo.

    Nonostante riconoscere il pattern non sia una pratica immediata e richieda esperienza, l’operatività è semplice è immediata: il trader, una volta individuata la figura, procede a tracciare la cosiddetta “Neck Line”, ovvero una trend line che collega il rimbalzo dei ritracciamenti dei primi due massimi/minimi. La rottura della Neck Line è il segnale operativo che restituisce all’investitore il punto di inversione.

    Una strategia base Testa e Spalle prevede l’abbinamento di un indicatore di volume per valutare le posizioni di mercato attive: se l’oscillatore mostra volumi bassi al terzo massimo/minimo, l’inversione di tendenza è prossima.

    L’entrata a mercato con un operazione reversal individuata tramite il la figura Testa e Spalle prevede il posizionamento dello stop loss rispettivamente:

    • Al di sopra del terzo massimo del pattern in un trend rialzista;
    • Appena sotto il terzo minimo della figura in un trend ribassista.

    Indicatori: Pattern Grafici / Neckline
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Testa e Spalle
    La strategia Testa e Spalle

    • STRATEGIA DOPPIO MINIMO/MASSIMO

    La strategia doppio massimo/minimo, o double top/bottom, si avvale dell’analisi grafica per generare segnali di inversione, rivelandosi particolarmente adatta se abbinata all’interno di un contesto di reversal trading.

    Questa tecnica è una delle più comuni tra gli investitori vede è principalmente utilizzata sui mercati più liquidi e volatili come il Forex e i CFD in azioni.

    Strategie di trading - Doppio Minimo - Immagine a cura di ©TradingOnline.com
    Pattern di inversione “Doppio Minimo” Su EUR-CHF – Rottura Neckline e conseguente spinta rialzista

    La strategia del doppio minimo – o doppio massimo– rientra nella categoria dei pattern di inversione, ovvero una particolare conformazione del candlestick di prezzo che preannuncia un possibile cambio di tendenza.

    A livello grafico il doppio minimo si presenta come una successione di 2 minimi in un mercato bearish dove il secondo minimo non riesce a superare il livello del primo, evidenziando segni di debolezza per il trend in corso e aprendo dunque le porte ad una possibile inversione di tendenza.

    È possibile invece applicare una strategia volta alla ricerca dei doppi massimi in trend rialzisti o nelle fasi di accumulazione del mercato. Questo pattern grafico è più frequente nei mercati bullish ed è riconoscibile dalla formazione di due massimi al culmine di una spinta rialzista, dove il secondo non riesce a superare il livello del primo, mostrando segni di cedimento del trend.

    A livello operativo, i passaggi da seguire per entrare a mercato con un strategia doppio minimo non sono complessi:

    • Occorre inizialmente individuare il pattern grafico;
    • Tracciare una linea sul ritracciamento del primo minimo, detta anche Neckline;
    • Alla rottura della Neckline, entrare a mercato con un’operazione long.

    Lo stop loss è posizionato in modo corretto se collocato al di sotto del secondo minimo, mentre il take profit si colloca calcolando la distanza tra il secondo minimo e la neck line, traslandola verso l’alto.

    Il processo contrario è valido per operare correttamente in un contesto di trend rialzista che culmina con un doppio massimo.

    Indicatori: Pattern Grafici / Neckline
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Doppio Minimo/Massimo
    La strategia doppio Minimo/Massimo in pillole

    • STRATEGIA TRIPLO MINIMO/MASSIMO

    La strategia triplo minimo/massimo Рo triple bottom/top Р̬ una tecnica di trading basata sulla ricerca nel grafico di un pattern di inversione formato della linea di prezzo.

    Si tratta principalmente di un’evoluzione del pattern doppio minimo/massimo, ma la caratteristica che caratterizza questa figura è la formazione di 3 minimi – o massimi- prima dell’inversione di prezzo.

    Grafico sul pattern di inversione nella fase di tendenza ribassista - strategia Triplo Massimo a cura degli esperti di ©TradingOnline.com.
    Pattern di inversione “Triplo Massimo” Su EUR-USD – Rottura Neckline e conseguente spinta ribassista

    Per far si che la strategia abbia successo, occorre operare in una fase di mercato con un trend ben definito, poichè la formazione di questo pattern in una fase di laterali del mercato è molto comune e poco significativa. Questa figura, invece, è molto rara da individuare all’interno di un mercato in tendenza e non è utilizzabile dunque come una strategia giornaliera.

    Identifichiamo un triplo minimo quando, in un mercato ribassista, due minimi successivi non riescono a superare il livello di un minimi precedente, creando dunque una linea di supporto statica. Questo segnale precede una forte inversione di tendenza che sarà, con molte probabilità, caratterizzata da momentum.

    L’evento contrario è il triplo massimo, ugualmente difficile da individuare ma altrettanto efficace. Anche il triplo massimo genera una forte spinta direzionale contraria al trend in atto, verificandosi esclusivamente in un contesto di mercato bullish.

    Il trader individua un triplo massimo quando, al verificarsi di tre massimi, il secondo e il terzo non superano i livelli del primo, evidenziando la debolezza della tendenza in atto.

    L’operatività in seguito al verificarsi di un triplo massimo o un triplo minimo prevede:

    • L’individuazione del pattern,
    • Il tracciamento della Neckline sui punti di ritracciamento del secondo e terzo massimo/minimo,
    • Al breakout della Neckline, si genera il segnale operativo di ingresso a mercato.

    Il posizionamento dei livelli di stop loss e take profit, invece, è in tutto e per tutto simile a quanto avviene in una strategia di doppio minimo o doppio massimo.

    Indicatori: Pattern Grafici / Neckline
    Efficacia: XX/10
    Semplicità: XX/10
    Recensione: Strategia Triplo Minimo/Massimo
    La strategia Triplo Minimo/Massimo in pillole

    Strumenti per imparare le strategie di trading

    Le strategie di trading sono alla base dell’operatività di ogni investitore, sia principiante che esperto.

    La pianificazione, infatti, è un processo fondamentale, nel trading online non esiste profitto senza un’accurata pianificazione che parte dal money management, passando per i segnali operativi fino alla chiusura del trade al take profit inserito in partenza.

    La creazione di una strategia d’investimento comprende però alcuni fattori che sono estranei al trading teorico di cui parlava Charles Dow nella sua Teoria di Dow. Tematiche come il money managent – ovvero la gestione del rischio- e la scelta della piattaforma di trading non sono da sottovalutare quando si crea una strategia.

    Se il money management permette di preservare correttamente il capitale dell’investitore, la scelta della corretta piattaforma di trading è una variante fondamentale all’interno di una strategia. Non esiste infatti una piattaforma di trading perfetta in assoluto, ma ci sono 3-4 broker che offrono i migliori servizi sui mercati diversificando, però, le loro piattaforme.

    Un esempio tanto pratico quando attuale riguarda la figura dello scalper, ovvero colui che applica una tecnica di investimento finalizzata nell’apertura di una moltitudine di operazioni in brevissimo tempo. Questa strategia, naturalmente, richiede una tipologia di piattaforma di trading diversa da chi applica tecniche diverse, come lo swing trading.

    La piattaforma perfetta per uno scalper, dunque, offre commissioni molto basse, un fattore relativo per uno swing trader, il quale predilige piattaforme con swap e tassi overnight convenienti, per tenere le operazioni aperte più giorni pagando meno commissioni.

    Si sconsiglia fortemente, inoltre, di testare le nuove strategia nei conti reali per non incorrere in ingenti perdite. Qualsiasi nuova strategia necessita di essere testata per più sedute in un conto trading online demo, ovvero con denaro non reale, per essere padroneggiata al meglio.

    Qui di seguito si possono trovare i conti demo dei migliori 4 broker selezionati dagli esperti di Tradingonline.com, come già anticipato in precedenza, che presentano le condizioni più vantaggiose per un trader principiante.

    L’affidabilità di queste piattaforme trading è stata testata da membri dello staff del sito e le tabelle sono aggiornate anche giornalmente se necessario, per offrire sempre un’informazione che rispecchia la realtà.

    Conti demo per fare pratica con le strategie

    ETORO

    eToro è il broker di Social Trading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

    • Copia i traders migliori
    • CopyPortfolios
    • Azioni a 0 commissioni

    Inizia ora

    67% of retail CFD accounts lose money.

    CAPITAL.COM

    Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

    • Deposito min. 20€
    • App educativa gratuita
    • 3.000+ assets

    Inizia ora

    75% of retail CFD accounts lose money.

    FP MARKETS

    FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

    • Spreads 0.0 pips
    • MetaTrader 4/5
    • Segnali trading

    Inizia ora

    48% of retail CFD accounts lose money.

    TRADE.COM

    Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

    • MetaTrader 4
    • Segnali di trading
    • Corsi individuali gratuiti

    Inizia ora

    79,90% of retail CFD accounts lose money.

    eToro – qui il sito ufficiale è un broker multi-asset che permette sia di acquistare direttamente le azioni, sia di operare attraverso i loro derivati (senza possederle fisicamente) sul mercato dei CFD. Si tratta di uno dei broker più importanti a livello mondiale, con 2200 asset trattabili e decine di mercati disponibili.

    La piattaforma demo di eToro è una delle migliori “palestre” per i trader principianti, grazie all’intuitività dei comandi e alla possibilità di utilizzare la maggior parte degli strumenti di analisi sviluppati per gli investitori. Il conto demo eToro è inoltre gratuito.

    Il broker in questione ha portato in Europa il concetto di copytrading e, grazie alle basse commissioni applicate, è uno dei principali fautori dell’avvento del trading nel territorio europeo. Qui di seguito le commissioni applicate da eToro, tra le più basse sul mercato:

    • Oro: 45 pips
    • Argento: 5 pips
    • Petrolio: 5 pips
    • EUR/USD: 1 pip
    • USD/JPY: 1 pip
    • Bitcoin: 0,75%
    • Ethereum: 1,90%

    La guida completa su eToro: eToro opinioni e recensione

    Capital.comqui il suo sito – è uno dei broker più affidabili a livello internazionale per il trading di CFD, con un portfolio di oltre 3.000+ asset tra valute, criptovalute, azioni, indici e commodities (materie prime).

    Il conto demo offerto dal broker è gratuito, ma permette di fare trading con 1.000 USD, a differenza di altri broker che permettono di provare a fare trading con 100.000 USD virtuale. Una scelta comprensibile, quella di Capital.com, per abituare i propri clienti già nei conti demo ad operare con cifre più vicine a quelle che realmente investiranno una volta acquisita sicurezza sui mercati finanziari.

    Il broker trattato mantiene una posizione leading nel settore grazie ai servizi aggiuntivi offerti ai suoi clienti, come la possibilità di gestire i conti da un’app interattiva, lo sfruttamento di potenti algoritmi per generare segnali operativi per i suoi clienti e commissioni tra le più basse a livello internazionale.

    La piattaforma, inoltre, mette l’intelligenza artificiale a disposizione dei suoi clienti per l’analisi del portafoglio e la conseguente individuazione di errori.

    La guida completa su Capital.com: Capital.com opinioni e recensione

    Fp Markets – per il sito vai qui è un broker australiano che opera in Italia con regolare licenza CySEC, specializzato in trading su CFD, principalmente nei mercati di Forex, azioni, criptovalute, indici e materie prime.

    Questo broker è uno dei più apprezzati al mondo per le basse commissioni che permettono di fare trading online abbattendo i costi fissi e per la totale sicurezza e tutela dei conti dei clienti.

    Fp Markets si appoggia alla migliore piattaforma di trading in circolazione, ovvero Metatrader, con la possibilità si seguire le proprie operazioni sia attraverso la versione per Mac o Windows, sia attraverso la versione mobile disponibile per iPhone, iPad e sistemi Android.

    Per permettere agli investitori di testare sempre nuove strategie, Fp Markets mette a disposizione conti demo illimitati per i suoi clienti, con una capacità di 100.00 USD virtuali per permettere al trader di sbagliare e per mostrate la bontà dei servizi offerti dalla piattaforma.

    L’offerta di Fp Markets, infatti, è molto varia e mette a disposizione degli investitori molti servizi accessori tra cui:

    La guida completa su FP Markets: FP Markets opinioni e recensione

    Trade.com è un broker market maker e DMA regolato sia su mercato europeo (licenza CySEC) che italiano (assenza di segnalazioni CONSOB), il quale offre, ai suoi clienti, decine di migliaia di asset su cui fare trading, di cui solo 2.300 CFD.

    L’offerta di questo broker è una delle più varie nel mondo del trading online e permette di operare senza limiti e mediante basse commissioni e spread sui seguenti mercati: Forex, azioni, criptovalute, CFD, commodities e indici.

    Come gli altri top player del trading, anche Trade.com offre la possibilità di operare gratuitamente su conti demo con valute virtuali di 100.000€ per testare nuove strategie e nuovi indicatori.

    Quello che distingue Trade.com dagli altri operatori sul mercato è un corso individuale privato di trading per tutti i nuovi iscritti, senza costi annessi. Oltre al corso one to one, il broker promette di formare i propri iscritti tramite il download di materiale informativo (ebook, videocorsi professionali,…) e mediante segnali di trading gratuiti.

    Inoltre, anche Trade.com rientra nella categoria dei broker che offrono la possibilità di fare trading sia su pc che su mobile in modo interattivo, ovvero attraverso un app dedicata per iPhone, iPad e sistema operativo Android.

    La guida completa su Trade.com: Trade.com opinioni e recensione

    Studi e approfondimenti analitici

    Una corretta strategia di trading tiene in considerazione qualsiasi fattore che possa influenzare il grafico di prezzo, considerando dunque sia strumenti di analisi tecnica sia di analisi fondamentale per avere sempre una visione completa e aggiornata dell’asset su cui si sta operando.

    Per contro, non è detto che una strategia basata esclusivamente o sull’analisi tecnica o sull’analisi fondamentale sia sbagliata a priori. Esistono infatti tecniche che non richiedono la presenza di entrambi i fattori di analisi per come sono ideate.

    Tuttavia un trader esperto è sempre aggiornato sugli eventi di natura macroeconomica che potrebbero influenzare gli asset su cui opera, oltre a tener sempre d’occhio il candlestick per monitorare l’eventuale formazione di pattern di inversione o continuazione del trend.

    L’analisi tecnica viene citata a i primi del Novecento per la prima volta nella celebre “Teoria di Dow” di Charles Dow ritenuto da molti il fondatore dello studio tecnico dei grafici, oltre che ideatore dell’indice Dow Jones.

    Dow è il primo ad individuare la presenza di un trend nei grafici di prezzo, dando vita a tutte quelle strategie che oggi conosciamo con i nomi di trend following (tecniche che seguono il trend) e reversal trading (tecniche che ricercano l’inversione del trend).

    L’analista statunitense ha riconosciuto, nel movimento dei prezzi, tendenze cicliche suddivise in:

    • Trend rialzista;
    • Trend ribassista;
    • Trend laterale o fase di accumulazione.

    Più precisamente Dow ha stilato 6 principi che ancora oggi rappresentano i capisaldi dell’analisi tecnica per ogni trader. Si tratta di teorie totalmente rivoluzionarie all’epoca su cui oggi sono basati ragionamenti e operatività di analisti e algoritmi.

    I 6 principi di Dow, su cui poggia tutta la teoria dell’analisi tecnica sono:

    1. Ogni mercato è formato da 3 tendenze: trend primario di lungo periodo, tendenza secondaria di medio periodo e tendenza minore di breve periodo;
    2. Il mercato sconta preventivamente tutte le news, il prezzo di un’azione attuale incorpora già i risultati di qualsiasi operazione disponibile;
    3. Ogni trend è diviso a sua volta in 3 fasi: una fase di accumulo in cui operano solo i grossi player del mercato, una fase di partecipazione dove la massa dei trader comincia a entrare a mercato e un’ultima fase di distribuzione dove i trader più informati chiudono le proprie operazioni a causa di un inversione di tendenza ormai prossima;
    4. Il trend primario non è in discussione finché i due indici principali, ovvero Dow Jones e Transportation Index, vanno nella stessa direzione; 
    5. I volumi delle transazioni di acquisto e vendita devono sempre confermare la direzione del trend; 
    6. Una tendenza primaria esiste fino al momento in cui non si verifica un chiaro e definitivo segnale di inversione.

    L’analisi fondamentale, a differenza di quella tecnica, non cerca di stabilire l’andamento del prezzo di un asset dal suo grafico ma dalle caratteristiche sociali, economiche e politiche intrinseche al titolo analizzato.

    Nel caso di una società, l’analisi fondamentale prende in esame una serie di fattori esterni al grafico come i bilanci d’esercizio, la redditività e la solidità patrimoniale oltre a tutti gli eventi macro e micro economici che possono in qualche modo influire sul valore delle azioni della società.

    Tramite l’analisi combinata di questi fattori, il trader che utilizza tecniche di studi dei grafici basate sull’analisi fondamentale sarà in grado di stabilire un Target Price – ovvero il valore reale del prezzo – che scandisca la sua operatività.

    Nel caso di valute, indici, materie prime, l’analisi fondamentale si avvale dello studio e dell’elaborazione di tutti gli eventi anche in piccola parte influire sul sentiment e sulla percezione che gli operatori economici hanno nei confronti di un asset.

    Un’analista fondamentale segue in tempo reale le notizie socio-economiche più rilevanti conscio che influiranno nel brevissimo periodo sugli strumenti finanziari in analisi, elaborando strategie e operando in funzione di questo.

    Si va dunque dal trading in seguito a l’emissione di dati market mover -come ad esempio il Non Farm Payroll – fino all’operatività in seguito a dichiarazione di persone di spicco nell’economia mondiale – come i presidenti o portavoce di BCE o FED.

    La combinazione di dati raccolti dall’analisi grafica e da fattori macro e micro (fattori esterni) permette al trader di elaborare una strategia completa che si adatta a diverse fasi del mercato.

    Come già affermato in precedenza, l’utilizzo di solo una delle due metodologie di analisi non significa che la strategia utilizzata non sia corretta, poiché esistono tecniche che non necessitano di una visione di mercato completa.

    Nonostante ciò, un trader padroneggia sia l’analisi tecnica sia quella fondamentale per comprendere meglio qualsiasi movimento inaspettato del grafico.

    Previsioni

    Lo sviluppo di una strategia di trading completa e ben elaborata consente di effettuare previsioni di breve, medio e lungo periodo sull’andamento futuro del prezzo del grafico di un asset. La previsione si presenta tanto più precisa quanto accurata e l’applicazione della strategia scelta dall’investitore.

    Nel momento di apertura dell’operazione, il trader che segue una strategia di investimento fissa il Take profit in una fascia di prezzo ben precisa, ovvero il target price individuato al momento dell’entrata a mercato. Essere in grado di leggere correttamente un’analisi grafica e interpretare nel modo esatto una notizia macroeconomica permettono al trader di fare previsioni di mercato.

    Due esempi pratici possono riguardare la coppia di valute EUR/USD, che si presta spesso a previsioni sia di breve sia di lungo periodo.

    • Analisi fondamentale

    Sono molti i fattori che possono incidere su questa coppia di valute nel breve termine mediante notizie macro e microeconomiche. Un esempio tipico è il Non Farm PayRoll, il report sull’occupazione negli USA, un valore diverso dalle previsioni degli analisti provoca una spinta ribassista nell’immediato se il valore è maggiore di quanto preventivato, viceversa la spinta direzionale sarà rialzista se più basso del dato previsto.

    Non è un caso che la correlazione tra NFP e EUR/USD sia inversa. È vero che un dato positivo dell’indice rafforza il dollaro, il quale sta al denominatore della coppia di valute: un rafforzamento del dollaro, quindi, abbassa il valore della coppia di valute e viceversa.

    • Analisi tecnica

    Una strategia basata sull’utilizzo di indicatori di trend permette di identificare e analizzare il trend di fondo del grafico. Una semplice media mobile a 200 periodi impostata su EUR/USD permette dunque di captare le variazioni della tendenza di fondo dell’asset.

    Nel caso di un passaggio da un mercato bearish a bullish, l’investitore inizierà a ricercare le fasce di prezzo critiche al rialzo mediante resistenze di prezzo, sia statiche che dinamiche, per poi fare vere e proprie previsioni impostando dei target price.

    Corsi d’approfondimento 

    Applicare correttamente una strategia di trading senza un “mentore” che l’abbia già fatto è spesso complicato e controproducente. Le strategie di trading non sono complesse da applicare, o almeno non tutte, ma occorre molto tempo (e molti profitti mancati e magari qualche perdita) per imparare ad utilizzarle correttamente in ogni fase del mercato.

    Il metodo per velocizzare il proprio apprendimento e diventare profittevole in fretta Рe soprattutto evitare di perdere valanghe di denaroР̬ seguire corsi di esperti di settore.

    The best investment you can make is in yourself

    Ovvero “il miglior investimento che puoi fare è in te stesso” sostiene Warren Buffett, probabilmente il più grande investitore di tutti i tempi. La regola dell’investire in se stessi è non buttare via denaro, naturalmente. Nel mondo del trading è meglio diffidare di guru che promettono guadagni immediati, spesso i guadagni sono esclusivamente loro.

    Seguire dei corsi di trading è fondamentale per diventare trader di successo, nessuno è mai diventato un investitore di successo da solo, ma bisogna affidarsi esclusivamente a firme certe che sono nel settore da decine di anni e lo hanno visto evolvere. Sono consigliati dunque i corsi proposti dai broker più famosi per raggiungere velocemente un livello intermedio.

    A questo proposito, Tradingonline.com, il sito di trading ufficiale italiano, propone vari corsi sul trading online e su strategie ideate e mostrate passo passo da trader con esperienza decennale.

    Puoi trovare tutti i corsi a questo link: Migliori corsi sul trading online

    Videocorsi strategie gratuiti

    Nell’apprendimento di una strategia di trading è importante comprendere bene tutti i passaggi che la compongono per evitare errori di impostazione che possono costare cari al trader.

    Su TradingOnline.com, naturalmente, le guide sulle strategie sono corredate da video-tutorial di esperti che spiegano passo passo come impostare correttamente una strategia, come inserire gli indicatori nel grafico e come individuare i punti di ingresso e uscita.

    Di seguito, invece, 3 video da fonti affidabili italiane su tematiche riguardanti le tecniche di trading. Il primo video riguarda il Money Management, spiegato da Filippo Diodovich, Marketing Strategico di IG Italia.

    Il secondo video, invece, riguarda un esempio pratico su come si applica una strategia di trading basata sulle news.

    In questo video, invece, un chiaro specchietto delle più famose strategie di trading per investitori alle prime armi.

    Migliori libri strategie di trading

    La lettura di libri di settore aumenta la consapevolezza del trader nelle sue capacità e permette di accedere ad informazioni più dettagliate su specifiche strategie di investimento.

    Ecco i migliori libri di trading selezionati da TradingOnline.com:

    • TITOLO: Analisi tecnica dei mercati finanziari

    AUTORE: John J. Murphy

    EDITORE: Hoepli

    • TITOLO: Day Trading For Dummies

    AUTORE: Ann C.Logue

    EDITORE: John Wiley & Sons

    • TITOLO: Il Metodo Warren Buffett

    AUTORE: Robert Hagstrom

    EDITORE: Hoepli

    Strategie di Trading Pdf [gratis]

    I pdf di trading scritti da esperti sono un’altra fonte affidabile per comprendere meglio le meccaniche che si nascondono dietro ad una strategia di trading, a patto che la fonte selezionata sia un investitore navigato o un sito composto da investitori esperti.

    Qui di seguito, i Pdf sulle strategie di trading selezionati da Tradingonline.com. Il primo documento selezionato si tratta di una guida base ma dettagliata redatta da Banca Sella sull’analisi tecnica e fondamentale, due temi trattati su questa pagina. PDF-1

    Il secondo pdf di trading selezionato, invece, è più avanzato tratta 7 strategie di trading a cura di Grace Cheng, trader con più di 10 anni di esperienza sui mercati finanziari. PDF-2

    Considerazioni finali

    Le strategie di trading permettono di operare in modo profittevole sui mercati finanziari, individuando i corretti punti di ingresso per un’operazione e – non meno importanti- i punti di uscita migliori per il trade.

    Questa guida ha voluto trasmettere uno dei concetti che caratterizza tutti i trader di successo, ovvero:

    Non esiste una strategia di trading migliore, ma esistono strategie più performanti in base alle esigenze e alle capacità di ogni investitore.

    Tutte le strategie citate in questa guida sono tra le più famose e comuni tra i trader di tutto il mondo ma, naturalmente, possono – anzi devono-  essere personalizzate per cercare di sviluppare un proprio stile di trading. Il successo dei trader più esperti è, infatti, dato dalla profonda comprensione di ogni strumento utilizzato nell’analisi di un asset e di quali siano i fattori esterni che possano influire sulla sua generazione di segnali.

    Glossario Strategie di Trading Online: Domande e Risposte comuni

    Quali sono le migliori strategie di trading? Ogni strategia di trading è vincente se applicata rispettando il money management. Una delle migliori è il trading intraday.
    Quali strategie di trading sono le più utilizzate? Le strategie più utilizzate sono le tecniche di trend following, lo scalping e il day trading.
    Quali sono le strategie di trading a breve termine? Nel breve periodo i trader utilizzano principalmente strategia basate su scalping o day trading. Si possono utilizzare anche tecniche di reversal trading su H1/H4.
    Esistono strategie di trading che funzionano meglio di altre? Tutte le strategie di trading sono affidabili se testate e funzionanti correttamente su conti demo.
    Strategie di Trading: Glossario riepilogativo con domande frequenti