TradingOnline.com


è il sito ufficiale sul Trading Online in Italia e disponibile in tutto il mondo.
il sito ufficiale di trading online

Guida pubblicata il - Aggiornata il

©TradingOnline.com è un portale d’informazione finanziaria, che ha fatto per la prima volta il suo esordio in rete nel 2004 e torna oggi con una veste grafica rinnovata e contenuti aggiornati. Lo scopo di ©TradingOnline.com è quello di divulgare materiale didattico-informativo per tutti coloro che vogliono imparare a fare trading in modo sicuro e con profitto.

Ma che cos’è e come funziona esattamente questa disciplina? Chiariamo subito il suo significato e i suoi principali aspetti.

Cos’è il Trading Online: chiariamo il suo significato

Il trading online, spesso citato con l’acronomico inglese “TOL”, è l’attività che consente di comprare e vendere strumenti finanziari su internet per mezzo di dispositivi elettronici come PC, Laptop, smartphone e tablet, con lo scopo di ottenerne profitto. In altre parole possiamo definire il trading online come quell’attività che permette di “investire in borsa attraverso internet“.

Principali caratteristiche del Trading On Line:

Entrata in vigore:1999
Regolatore europeo:ESMA🇪🇺
Istituto di vigilanza italiano:CONSOB🇮🇹
Quanto costa:Si può iniziare gratuitamente.
Materiale per imparare:eBook📚 / Videocorsi📺 / Guide analitiche📖 – Scarica eBook Gratis
Strumenti d’analisi:📊Indicatori e Grafici / News / Studi analitici
Come fare trading:Trading in DMA / Trading CFD
Dove fare trading:Migliori piattaforme trading
Piattaforma leader:eToro (recensione e opinioni eToro)
Trading On Line: principali caratteristiche

Andiamo ora a definire meglio in che cosa consiste, illustrando i dettagli del suo funzionamento.

Come funziona il Trading Online

Chiariamo subito il funzionamento del trading online. L’investitore, definito “trader”, per mezzo di dispositivi elettronici in suo possesso, si iscrive presso un broker online regolamentato presso il proprio Paese, esegue tutti i passaggi per l’attivazione del suo conto trading, dopodichè è già pronto per iniziare ad effettuare ordini a mercato per mezzo delle piattaforme trading messe a disposizione dal broker medesimo.

Il processo pocanzi illustrato è proprio ciò che occorre fare per iniziare a fare trading online in modo sicuro e professionale. Attraverso il trading online, è possibile investire in strumenti finanziari abbattendo i costi, altresì snellendone l’inter burocratico.

Rispetto al modello d’investimento precedente (prima del 1999, anno di entrata in vigore del Testo Unico CONSOB che ha regolato questa disciplina anche in Italia), effettuare negoziazione di:

è diventato più semplice. Attenzione: non intendiamo dire che è facile fare trading, ma lo è accedere ai mercati finanziari, diversamente da quanto avveniva prima del 1999.

Video di introduzione al Trading Online

Affinchè tu possa avere quante più informazioni per capire bene come funziona il trading online, abbiamo realizzato un video introduttivo alla disciplina: un percorso completo grazie al quale potrai apprendere tutti gli aspetti fondamentali del trading on line, ideale per chi parte da zero.

I macro-argomenti del video sono:

  • Chi è e che cosa fa TradingOnline.com – conosciamoci meglio;
  • Cos’è realmente il trading on line;
  • Come e dove fare trading? Analisi, congetture e falsi miti da sfatare;
  • Come è possibile fare pratica nel trading online;
  • Passi pratici per iniziare a fare trading online;
  • Imparare a fare trading: approfondimenti sulla didattica modulare e i migliori percorsi tracciati dai professionisti del trading;
  • Come fare analisi nel trading: elementi base ed infarinatura generale;
  • Quali sono i migliori strumenti integrativi di trading, come algoritmi di trading, EA script, come funziona il trading automatico etc;
  • Scambio di pareri ed opinioni sul trading, ed approfondimento sulla nostra tutela contro le truffe trading, fenomeno in continua escalation.
Video introduzione al trading on line – A cura di ©TradingOnline.com

Dove fare Trading Online

Si può fare trading online da ogni parte del globo. Attraverso internet oggi è possibile investire facendo trading su tutte le borse finanziarie del mondo, grazie a specifici supporti (piattaforme) e broker trading idonei per la contrattazione.

Come già anticipato nel precedente paragrafo, per fare trading online devi prima munirti di un conto trading dove puoi iniziare in modo corretto ad intraprendere questa attività.

Dove fare trading online - infografica a cura di TradingOnline.com
Dove fare trading online

Su TradingOnline.com ti consigliamo le migliori piattaforme trading, testate dal nostro team di trader professionisti, dove poter aprire un conto ed iniziare in modo sicuro. Per il tuo trading on line affidati solo a broker di trading certificati, affidabili e regolamentati in Europa, gli unici in grado di garantirti pagamenti sicuri.

ETORO

eToro è il broker di Social Trading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios
  • Azioni a 0 commissioni

Inizia ora

71% of retail CFD accounts lose money.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

65% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • Deposito min. 20€
  • App educativa gratuita
  • 3.000+ assets

Inizia ora

75% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,80% of retail CFD accounts lose money.

Importante: Devi sapere che questi broker di trading online, e le loro rispettive piattaforme trading, sono quelli che utilizziamo noi, e che reputiamo maggiormente idonei per fare trading.

  • Dettagli sui test eseguiti

I fattori che abbiamo preso in considerazione per selezionare gli operatori affidabili dove fare trading sono:

  • Approfondimento conoscitivo dell’azienda – cronostoria, regolamentazioni, sede legale e white paper;
  • Materiale formativo gratuito messo a disposizione del cliente;
  • Stress test sulle piattaforme trading al fine di capire fino a che punto possiamo spingerci con le tecniche di trading;
  • Studio dell’elemento distintivo che ne caratterizza l’unicità (ammesso che ce ne sia);
  • Sintonia e congruenza sulla funzionalità di deposito e prelievo;
  • Eventuale presenza di feedback reali negativi presenti su internet, e di eventuali denunce ufficiali in pendenza a carico della società;
  • Stress test sull’assistenza clienti: disponibile via chat e apertura ticket.

Ne abbiamo testati/e 143 (e 157 diverse piattaforme), dopodichè la nostra scelta è ricaduta proprio su questi che vedi menzionati in questa ed altre pagine:

  1. ETORO
  2. FP MARKETS
  3. CAPITAL.COM
  4. TRADE.COM

Per tali ragioni, dunque, ogniqualvolta che troverai menzioni su specifici broker e piattaforme di negoziazione, saprai già il motivo per il quale verranno citati solo queste determinate piattaforme.

La scelta delle piattaforme idonee è il passo chiave per iniziare a fare trading in modo sicuro e al tempo stesso professionale. Abbiamo oltre 15 anni di esperienza in questo settore, e possiamo dirti con assoluta certezza che mai come oggi abbiamo visto tante truffe.

Ti invitiamo quindi a fare trading solo su broker online sicuri ed affidabili, scelti accuratamente da un team di veri professionisti.

Trading Online sicuro

Su TradingOnline.com ti insegniamo a fare trading online in modo sicuro. Ti guidiamo affinchè tu possa imparare a selezionare le tue fonti di apprendimento didattico: questo settore è purtroppo pieno di impostori e truffatori che hanno un solo obiettivo: farti dilapidare tutti i risparmi.

Il nostro obiettivo è chiaro

Ci piacerebbe che tu possa imparare a capire, in maniera completamente autonoma, chi ti sta mentendo e chi ti sta raccontando la verità, senza donarti false illusioni.

Se sei un principiante, e stai leggendo queste righe, siamo quasi certi che, magari per sbaglio, tu possa esserti imbattuto su una (o addirittura più di una) pubblicità del tutto ILLEGALI che promettono guadagni strabilianti facendo trading online.

E’ tutto falso ed approfondendo i contenuti divulgativi che trovi sul nostro sito, capirai meglio il perché.

Il nostro consiglio è dunque quello di attingere solo su siti web ufficiali relativi al Trading Online. Per tali ragioni ti consigliamo la consultazione delle risorse d’approfondimento che trovi su ©TradingOnline.com.

Come fare Trading Online

E’ giunto il momento di entrare nel vivo della nostra guida introduttiva al trading online. Gli step che seguiranno ti illustreranno materialmente come fare trading online partendo dall’apertura di un conto trading su uno dei broker che usiamo noi (per l’esempio utilizziamo eToro).

  • 1° Passo Apertura di un conto trading

Se vuoi iniziare a fare trading online, il primo passo da compiere è aprire un conto trading presso un broker regolamentato nel tuo paese. Per l’Italia, TradingOnline.com ha selezionato questi:

ETORO

eToro è il broker di Social Trading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios
  • Azioni a 0 commissioni

Inizia ora

71% of retail CFD accounts lose money.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

65% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • Deposito min. 20€
  • App educativa gratuita
  • 3.000+ assets

Inizia ora

75% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,80% of retail CFD accounts lose money.

Prendiamo eToro come esempio, ovvero il primo della nostra lista, ma anche gli altri vanno bene: per aprire un conto gratuito, clicca su questo indirizzo e visita il sito ufficiale.

primo passo per fare trading - la scelta della piattaforma
Primo passo per fare trading – la scelta della piattaforma da usare

A questo punto clicca sul pulsante “Iscriviti subito”. Ti si aprirà una seconda schermata dove potrai inserire i tuoi dati per registrarti. Scegli il tuo nome utente, inserisci la tua email e scegli una password, e conserva bene questi dati. Ti serviranno per fare login sulla piattaforma – clicca infine su “Crea account”.

secondo passo per aprire un conto di trading online
Aprire un conto trading: secondo passo da effettuare

Hai ottenuto il tuo conto gratuito per fare trading online!

A questo punto hai subito due possibilità:

  1. Utilizzare il portafoglio virtuale;
  2. Utilizzare il portafoglio reale.

Con il primo puoi fare trading in modalità dimostrativa, quindi simulando investimenti reali. Col secondo, invece, puoi fare trading utilizzando i tuoi soldi.

Se usi il conto simulato non hai bisogno di verificare il tuo conto, mentre per iniziare a fare trading con soldi veri, dopo aver effettuato un deposito [bastano 200 euro iniziali] devi prima completare il profilo, cliccando sul bottone “Completa Profilo” disponibile in alto a sinistra.

  • 2° Passo apertura di una posizione

E’ il momento di effettuare il nostro primo trade! Come si fa? Se sei già loggato all’interno della dashboard di eToro (broker che abbiamo preso come esempio per questa dimostrazione), clicca su “Mercati”.

come aprire la prima posizione di trading
Come aprire la prima posizione trading in modo corretto

Ti troverai dinanzi alla gamma completa di strumenti finanziari sui quali poter fare trading. Ipotizziamo di voler fare trading delle azioni Amazon. Come facciamo?

Dirigiamoci su Azioni, e successivamente, dal menu a tendina, facciamo clic su “Servizi”.

Come scegliere l'asset sulla piattaforma trading
La scelta dell’asset sul quale investire

A questo punto ci troveremo dinanzi ad un lungo elenco di azioni disponibili, cerchiamo il riquadro di nostro interesse, AMZ e clicchiamoci. Ti si aprirà una pagina dove potrai controllare tutte le informazioni sul titolo come:

  • Feed dalla community di investitori;
  • Statistiche sull’andamento del titolo;
  • Grafico dei prezzi;
  • Ricerca.
selezione dell'asset sul quale aprire una posizione trading
Abbiamo selezionato l’asset – nel nostro esempio sono le azioni Amazon
  • 3° Passo Impostazione dell’ordine

Facciamo il primo trade! Clicca in alto a destra su “Investi”.

invio prima posizione trading
Invio del primo ordine trading – in esempio le Azioni Amazon

A questo punto ti uscirà la schermata della piattaforma trading di eToro. Eccola! A questo punto devi impostare alcune voci:

  • Acquista / Vendi – decidere se investire al rialzo o al ribasso (short selling);
  • Importo – l’importo che intendi investire in questo singolo trade;
  • Leva Finanziaria – puoi scegliere tra X1 / X2 / X5 nota: se selezioni X1 investirai nelle azioni reali, quindi non in CFD ed avrai zero commissioni;
  • Stop Loss – ti consigliamo di non eccedere il 10% dell’importo investito. La tua posizione si chiuderà nel caso il mercato crescerà a tuo sfavore,
  • Take Profit – se sei deciso sull’investimento puoi anche impostare il 50% del tuo capitale, ma non andare oltre. La tua posizione si chiuderà nel momento in cui toccherai quell’importo di guadagno.

Nel nostro esempio abbiamo impostato 100 dollari di investimento, prevendendo una crescita del prezzo di Amazon (abbiamo acquistato azioni), impostando una leva x5 per un valore ordinato a mercato pari a 500 dollari (100 x 5).

Abbiamo inoltre impostato uno Stop Loss del 10% e un Take Profit eventuale del 50% dell’importo investito, in quanto dopo aver effettuato un’analisi tecnica piuttosto specifica del titolo, siamo giunti a questa scelta.

Importante: In qualsiasi momento puoi decidere di chiudere la tua posizione di trading, qualora si verificasse una condizione che reputi idonea per compiere la tua scelta.

Fare pratica nel Trading Online

Quello illustrato pocanzi è un esempio su come fare trading partendo dall’apertura di un conto (virtuale nel nostro caso) sino all’apertura di una posizione, mediante un conto di simulazione. L’apertura di una demo su un broker di fiducia come i seguenti:

  1. ETORO
  2. FP MARKETS
  3. CAPITAL.COM
  4. TRADE.COM

è il primo requisito fondamentale se si intende iniziare l’attività di trader online in modo serio e professionale. Prima di iniziare questa disciplina consigliamo di anteporre studi tecnico-pratici, come:

Sul nostro portale trovi un intero percorso formativo completo, partendo dalle basi sino ad arrivare all’impostazione tecnica delle principali strategie trading usate quotidianamente dai professionisti.

Noi siamo professionisti nel Trading Online, ma nei primi anni del 2.000 eravamo principianti, magari proprio come te. Al tempo però non esistevano risorse formative gratuite in Italia, e quelle poche che esistevano si trovavano dall’altra parte del mondo.

Su TradingOnline.com hai a disposizione tutto ciò che ti occorre per diventare trader anche se inizi proprio da zero: un percorso completo tracciato per te affinché tu possa, partendo dalle basi, fare realmente pratica nel trading ed apprendere questa disciplina nel modo corretto.

Abbiamo realizzato un eBook sul trading ideale per i principianti, che puoi scaricare gratis qui sotto. Iscrivendoti oggi potrai ricevere una copia gratuita, comprensivo dei relativi aggiornamenti ogni qualvolta che verranno rilasciati.

ebook corso trading online

Diventare Trader” di ©TradingOnline.com

Il nostro eBook ti fornisce un percorso introduttivo completo agli elementi base del trading, ideale anche per chi parte da zero.

Le slides che troverai all’interno del nostro corso sono realizzate per risultare di facile comprensione anche ai principianti.

    Perché fare Trading Online?

    Tutto quello che ti insegniamo su TradingOnline.com ti permette di ottenere un consistente vantaggio quando ti appresti a fare trading, già a partire dalla prima volta.

    Se nel corso del precedente paragrafo ti abbiamo illustrato quelli che sono i passi iniziali per fare trading online, in questo paragrafo vediamo di capire meglio perché conviene fare trading online. Ne illustriamo vantaggi e svantaggi.

    Vantaggi

    Il Trading Online è vantaggioso, ma solo se utilizzi gli strumenti idonei, i medesimi utilizzati dai trader professionisti. Ti consigliamo, ancora una volta, di lasciar perdere i cosiddetti “dilettanti allo sbaraglio”, i quali scopiazzano informazioni qua e là col solo scopo di ottenere qualche clic in più.

    TradingOnline.com ti elenca a chiare lettere quali sono i vantaggi reali del trading online. A seguire, per dovere di cronaca, è giusto dedicare anche un paragrafo d’approfondimento agli svantaggi.

    Facilità di accesso al mercato

    Attraverso il trading online tutti possono avere accesso ai mercati in pochi minuti, diversamente di quanto avveniva nel passato (prima del 1999).

    Facilità di accesso al mercato

    Zero costi di gestione conto

    Solitamente i migliori broker trading non applicano costi fissi per l’apertura e la gestione del conto, diversamente da quanto avviene con le banche.

    Zero costi di gestione conto

    Conti demo per fare pratica

    Ottimi, facili da aprire, e utilissimi. I conti demo di trading rappresentano lo strumento didattico per eccellenza per imparare a fare trading online.

    Conti demo per fare pratica

    Commissioni basse o azzerate

    Il guadagno dei broker è commisurabile al differenziale tra BID ed ASK e rappresenta lo spread. eToro per il trading di azioni dirette non applica nessuna commissione.

    Commissioni basse o azzerate

    Strumenti d’analisi

    come ad esempio il calendario economico; questi permettono al trader di analizzare il mercato in modo piuttosto approfondito e di prendere conseguentemente le sue decisioni d’investimento.

    Strumenti d’analisi

    Gestione del rischio

    per mezzo di trailing stop, stop loss e take profit, da impostare nella piattaforma trading in fase di configurazione dell’ordine, puoi calibrare il rischio dell’investimento.

    Gestione del rischio

    Analisi tecnica e fondamentale

    Una delle grandi particolarità del trading online, forse quello cardine, è la possibilità che puoi investire in ogni momento, proprio quando tu e solo TU lo reputi più opportuno. Grazie ad un preventivo studio analitico, puoi decidere di fare trading nel momento che reputi più favorevole sul mercato.

    Analisi tecnica e fondamentale

    Corsi di formazione

    Se apri una demo hai tutto il tempo utile da dedicare all’apprendimento formativo, e mettendo in pratica quanto appreso grazie al conto demo. Affidati solo a corsi di formazione sul trading affidabili e di elevata qualità come il materiale didattico che trovi su TradingOnline.com.

    Corsi di formazione

    Segnali di Trading

    Rappresentano una gran bella realtà. Ma non tutti sono affidabili, specie quelli che vengono regolati da broker che guadagnano se tu perdi. Su TradingOnline.com affrontiamo questo ambiguo tema offrendoti uno sguardo critico sulla materia, anticipandoti che: “Siamo favorevoli all’uso di servizi di segnali, a patto che siano davvero di qualità”. Come fare per individuarli? Ti aiutiamo noi!

    Segnali di Trading

    Svantaggi

    Per fini meramente pubblicitari tutti ti elencano solo i vantaggi del Trading Online. Noi che dal lontano 2004 ci occupiamo di trading per mestiere e non come hobby, conosciamo bene anche l’altra faccia della medaglia. Subito una nota per non allarmarti: i vantaggi complessivi del trading online sono in misura maggiore rispetto a quelli che abbiamo illustrati (principali), ma è altresì lecito citare anche i suoi “svantaggi“:

    • La leva finanziaria è un’arma a doppio taglio – più è alta, maggiore è l’esposizione al rischio che si ottiene – per questo motivo consigliamo di utilizzare una leva molto bassa per fare trading;
    • Commissioni overnight – quando si tengono aperte posizioni dopo la chiusura del mercato, quindi in più finestre temporali, occorre prestare attenzione alle commissioni “notturne” applicate dai broker;
    • Presenza di truffe – quando si parla di trading online, molti pensano sia una truffa, perché ne esistono a migliaia in rete. Su TradingOnline.com ti insegniamo a riconoscerle e come fare per evitarle.

    Curiosità ed approfondimenti sul Trading Online

    Affrontiamo ora una serie di curiosità o meglio approfondimenti sul mondo del trading online. Un mondo che non può ridursi soltanto alla scelta della giusta piattaforma o del giusto mercato.

    Guadagnare con il Trading: è davvero possibile?

    Con il trading si può guadagnare. È una normalissima attività di investimento, che permette di impiegare i propri capitali sui mercati e che può dunque offrirci dei ritorni.

    Guadagnare nel trading - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Sì, si può guadagnare nel trading, anche se non tutti i metodi e sistemi sono uguali

    A questo tema sono però associate tante (e probabilmente troppe) falsità, carburante dell’enorme numero di truffe che circolano in rete proprio a tema trading. Il tema dei potenziali profitti va analizzato attentamente per capire cosa può offrirci il trading e cosa invece non è in grado di offrire.

    • Guadagni automatici con il trading: non esistono

    Quando si parla di possibili ritorni sugli investimenti del trading online, il campo va sgomberato dal più grande equivoco circolante soprattutto tra i meno esperti.

    No. Con il trading non si possono ottenere ritorni automatici. Non esistono sistemi in grado di fare trading al posto nostro e al tempo stesso di garantire la chiusura di operazioni in positivo al 100%. Ci sono sistemi, vedi il CopyTrading (qui puoi scoprire qual’è il miglior servizio), che ci permettono di copiare le posizioni altrui, ma anche in questo caso siamo molto lontani da un trading al 100% sicuro di portare ritorni.

    Quando vengono proposti sistemi automatici per guadagnare con il trading siamo davanti, nella totalità dei casi, a truffe più o meno organizzate.

    • Come funziona il profitto nel trading

    Con il trading acquistiamo e vendiamo titoli finanziari. Otteniamo un guadagno ogni volta che vendiamo il nostro titolo ad un prezzo maggiore di quello di acquisto. È questo il motivo che porta milioni di persone in tutto il mondo ad investire sui mercati finanziari.

    Quanto si può ottenere con queste operazioni? Teoricamente non esistono limiti superiori di guadagno: chi ha investito ad esempio in azioni Amazon o azioni Tesla negli ultimi anni, ha superato di gran lunga qualunque tipo di rendimento offerto da altri strumenti.

    Compravendita nel Trading - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Al mercato partecipano milioni di trader, ognuno con le proprie strategie
    • Quanto si può guadagnare con il trading?

    Per dare un dato numerico possiamo affidarci a quanto riportano i principali broker per il trading online. Nei sistemi di copia del trading vengono segnalati come estremamente positivi anche quei trader che hanno ottenuto circa il 20% di ritorno annuo sull’investimento.

    Tanti anni di esperienza sui mercati ci portano a confermare quanto abbiamo appena riportato: per chi non vuole correre rischi enormi, il 20% annuo di ritorno sull’investimento dovrebbe essere considerato come un ottimo ROI (l’acronimo che sta per Return-On-Investiment, ovvero ritorno sull’investimento).

    I guadagni nel trading non sono mai costanti. Anche i trader di una certa esperienza finiscono per ottenere profitti non uguali nei diversi periodi. Prima di fare calcoli su quanto guadagno ci servirebbe per vivere di trading, sarebbe necessario tenere conto di questa varianza.

    Quanto capitale serve per iniziare?

    Il trading online è popolare anche perché i minimi di investimento sono molto bassi. Oggi, grazie ai broker specializzati in trading online è possibile iniziare a investire sui mercati anche con 20 euro, come ad esempio con Capital.com.

    Non è questa però la risposta completa alla domanda che ci siamo posti. È possibile iniziare anche con piccolissimi capitali, anche se dovremmo chiederci quanto questo possa essere utile. La risposta generale che possiamo darci è che la quantità di capitale è relativa agli obiettivi che ci siamo posti.

    Per vivere di trading è necessaria una somma tra le 10 e le 20 volte il nostro fabbisogno di denaro attuale. Come abbiamo effettuato questo calcolo? È molto semplice in realtà. Siamo partiti da una stima del 5%-10% di ritorno annuo con le nostre operazioni. Stime che sono comunque ottimistiche e che presuppongono capacità di fare trading.

    Questo vuol dire che per ottenere una somma X che ci serve per vivere, che sarebbe costituita da quel 5/10% sul capitale, avremo bisogno di un monte da investire tra 10 volte (per chi riesce ad ottenere un 10% medio) e 20 volte (per chi invece riesce ad ottenere un 5% medio).

    Rendimento capitale - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Il capitale incide sui rendimenti nominali degli investimenti

    Calcoli più completi dovrebbero tenere conto anche dell’inflazione, della necessità di risparmiare una parte di quanto andremo a guadagnare e anche la copertura di alcuni imprevisti. Orientativamente, una somma tra le 10 e le 20 volte superiore al nostro reddito necessario annuale dovrebbe comunque essere sufficiente.

    Non dobbiamo investire nel trading soltanto allo scopo di abbandonare la nostra professione principale. Il trading può essere anche un utile incremento del proprio reddito o semplicemente un hobby.

    Possiamo facilmente impiegare delle piccole somme – cosa che ci è garantita dai minimi molto bassi richiesti dai principali broker. Possiamo pensare facilmente di investire 20 euro, 100 euro, 500 o 1000 euro, sebbene esistano delle differenze importanti anche tra queste soglie.

    Iniziare ad investire 20 o 50 euro vuol dire restringere di molto il proprio campo potenziale di azione. Non possiamo pensare di comporre portafogli diversificati oppure di scegliere tra decine di titoli.

    Grazie agli ordini frazionali che sono offerti dalla maggior parte dei broker, basta comunque poco per permettersi 4 o 5 titoli diversi in portafoglio: con 200 euro di investimento, secondo i limiti più bassi offerti dai broker, possiamo ad esempio scegliere fino a 4 azioni.

    Investire piccole somme è possibile – se non consigliato. Cominceremo, con investimenti oculati, a farle crescere nella speranza di avere un domani capitali più sostanziosi da investire.

    Quanto costa fare trading online?

    Il Trading Online ha dei costi variabili, relativi alle transazioni, al mantenimento delle posizioni e talvolta anche costi fissi, almeno secondo il modello di accesso diretto al mercato.

    Commissioni trading, cosa sono e come funzionano nel dettaglio - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Nel trading si possono applicare diversi tipi di commissioni
    • Spread

    Capire lo spread vuol dire capire quanto spendiamo per ogni operazione di trading in modalità CFD (e talvolta anche in modalità DMA). Lo spread è la differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo praticato dal nostro broker. Broker che riproduce i prezzi aggiungendo una piccola differenza, che finirà nelle sue tasche.

    Dai broker market maker teoricamente potrebbero essere applicati spread liberi. Tuttavia la forza della competizione costringe i broker, per farsi concorrenza, a mantenere gli spread su livelli molto bassi e contenuti.

    Lo spread è in genere la spesa maggiore per chi opera sul breve periodo con i CFD. Mentre cerchi opera su posizioni di lungo periodo, le commissioni overnight possono facilmente superare il costo dello spread.

    • Commissioni overnight

    Le commissioni overnight sono commissioni che vengono caricate dal broker su ogni posizione tenuta aperta dopo le 23:00. Si tratta di un tasso di interesse applicato in quanto, tecnicamente, quando investiamo in CFD stiamo accedendo a liquidità offerta dai partner dell’intermediario.

    Le commissioni overnight sono dovute sia sul Forex sia su tutti i contratti CFD – limitatamente alle posizioni che vengono tenute aperte, all’orario italiano, oltre le 23:00. Sono calcolate a partire dal tasso di interesse interbancario EURIBOR (e Libor sulle posizioni che riguardano la Sterlina Britannica) con un piccolo differenziale aggiunto dal broker.

    Tutti i migliori broker espongono in modo chiaro le commissioni overnight che applicano, anche in fase di ordine. Sarà così relativamente semplice calcolare quanto ci costerà tenere aperta una certa posizione.

    • Commissioni fisse

    Alcuni broker o intermediari applicano anche commissioni fisse – tendenzialmente quando si tratta di offrire accesso diretto al mercato. Anche in questo campo c’è varianza importante: i broker bancari e di vecchia generazione applicano commissioni fisse più alte, mentre i broker di nuova generazione tendono a contenerle.

    Le commissioni fisse vanno calcolate attentamente, soprattutto quando investiamo con capitali ridotti, sui quali l’impatto di una commissione fissa è purtroppo maggiore.

    Ci sono poi broker di nuova generazione che – pur offrendo accesso diretto al mercato – si sforzano di offrire azioni, ETF e criptovalute a zero commissioni. Sono casi però sporadici, sicuramente notevoli, ma da non considerare affatto come la normalità.

    • Per il breve periodo, sempre meglio i CFD

    Se quello che ci preoccupa è pagare troppe commissioni di trading, i CFD sono la risposta adatta a chi vuole investire sul breve periodo. La loro convenienza è indubbia, dato che vengono applicate commissioni variabili (e nell’ordine di pochi centesimi). Diverso il discorso per le posizioni di lunghissimo periodo. Quando pensiamo di poter tenere una posizione per diversi mesi, soprattutto se con leva finanziaria, dobbiamo tenere conto delle commissioni overnight.

    Trading Online: cosa serve per iniziare?

    Tutti o quasi possono iniziare, anche da subito, a fare trading online. I requisiti, anche fisici, sono pochi e in genere nella disponibilità di qualunque individuo. Cosa serve per iniziare?

    Cosa serve per iniziare nel trading online - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Per iniziare nel trading online basta poco, per avere successo dovremo impegnarci di più
    • Un dispositivo

    Che oggi può essere un PC oppure anche uno smartphone o un tablet. I migliori broker oggi offrono piattaforme in grado di funzionare anche su dispositivi mobili.

    Per quanto riguarda i computer – le piattaforme di trading via web funzionano indifferentemente su Windows, Linux o Mac. Quando invece vorremo una piattaforma da scaricare o installare potremo aiutarci nel caso dei sistemi UNIX-LIKE con emulatori o con versioni incapsulate.

    Le piattaforme sono poco avide di risorse e anche un computer non di nuovissima generazione è in grado di farle girare senza troppi problemi. Non dovremo preoccuparci di avere un PC troppo vecchio.

    • Connessione internet

    Per fare trading online è necessaria una connessione internet. Non si può transigere su questo specifico aspetto, perché altrimenti non potremo raggiungere il broker che smista i nostri ordini sul mercato.

    Non serve una connessione di banda ultra-larga. Una normalissima ADSL o la connessione del proprio smartphone sono più che sufficienti per fare trading in modo efficace. È bene però avere una connessione stabile per evitare di perdere connettività nei momenti cruciali del trading.

    Nel caso di connessione non sempre stabile, sarà utile fare ricorso a strumenti quali il take profit e lo stop loss, strumenti che possono gestire il nostro ordine anche quando non siamo connessi, operando con livelli di prezzo che innescano la vendita.

    • Formazione

    Studiare non è importante, è fondamentale. Il trading, come ogni operazione sui mercati, è una lotta di informazioni e non essere preparati vuol dire non avere alcuna chance di successo. Oggi la formazione prende la forma di siti di divulgazione come il nostro, corsi sia video che cartacei, libri e anche conti demo gratuiti, che sono un importante strumento di formazione pratica.

    La formazione rimane cruciale per chiunque voglia iniziare a fare trading con il piede giusto ed evitando perdite iniziali che potrebbero compromettere il nostro futuro sui mercati.

    • Capitale

    Non si può fare trading online senza capitale. Dovremo pur investire una parte dei nostri risparmi, per quanto contenuta questa possa essere. Oggi i broker più moderni ci permettono di iniziare a fare trading anche con soli 20 euro per il primo versamento. Altri richiedono limiti più alti (tra i 100 e i 200 euro), ma comunque abbordabili praticamente per tutti.

    In alternativa, possiamo iniziare a fare trading online anche con un conto demo gratuito: non costa nulla e ci mette a disposizione capitale virtuale per testare posizioni e piattaforme. Un ottimo modo anche per verificare la formazione che abbiamo seguito, senza correre rischi.

    Come bloccare le “telefonate di trading online“?

    Le telefonate del trading online sono purtroppo una costante degli ultimi anni, che continua a colpire moltissimi italiani, bombardati di sedicenti offerte irripetibili. In realtà, dietro le cosiddette cold call (telefonate a freddo, senza che ci sia stato un contatto precedente), si nascondono sempre o quasi delle truffe, o comunque dei broker non autorizzati.

    Nonostante ESMA (l’ente che regola gli intermediari finanziari) le abbia bandite e nonostante le leggi italiane che permettono telemarketing solo sui numeri presenti nella lista nazionale, le telefonate non si fermano, essendo una delle principali fonti di reddito per i broker non legali.

    Si possono bloccare? Sì, anche se serve un po’ di attenzione e rinnovare i propri blocchi di tanto in tanto.

    • Rimuoversi dalla lista di numeri autorizzati serve a poco

    In Italia è possibile rimuoversi dalla lista dei numeri che possono ricevere telefonate di telemarketing. Questa legge ha sortito effetti per gli operatori legali, che potrebbero essere facilmente multati, ma non hanno ovviamente sortito gli stessi effetti per intermediari che operano già nell’illegalità.

    Truffe di trading online, come fare per difendersi - le regole auree delineate da © TradingOnline.com.
    Occhio alle truffe di trading online! © TradingOnline.com intende tutelarti contro di esse – abbiamo preparato un ampio approfondimento relativo a questa tematica.

    Per bloccare le telefonate truffaldine del trading online rimuoversi dalla lista servirà a ben poco. Dovremo cercare di utilizzare strumenti proattivi, che possono essere installati anche gratuitamente su ogni smartphone.

    • Bloccare i numeri con una App

    Può essere utile bloccare i numeri con una App dedicata a questo scopo. Sia per iPhone che per Android ne sono presenti in realtà moltissime. Noi ne abbiamo selezionate alcune che sembrano svolgere al meglio questo tipo di compito.

    True Caller: è una App nata per identificare i numeri sconosciuti (confrontandoli con un imponente database interno) e in grado di segnalarci le chiamate di telemarketing aggressivo e illegale. True Caller sarà in grado di segnalarci quando le telefonate arrivano da numeri utilizzati dai broker illegali, permettendoci anche di bloccarle. Una delle migliori App del settore.

    WideProtect Spam Call Blocker: App per iPhone che permette di bloccare le chiamate isolando anche interi prefissi internazionali. Si possono inoltre bloccare anche i numeri verdi in entrata, tipologia di numero che talvolta viene utilizzata anche da broker poco legali.

    In alternativa, possiamo bloccare tramite il nostro telefono i singoli numeri che ci chiamano. Sarà però purtroppo un sistema che durerà poco. I call center si accorgono presto di essere stati bloccati e inizieranno a chiamarci con altri numeri che hanno a disposizione.

    Oggi, per i broker truffaldini, ottenere dei nuovi numeri è molto semplice e sarebbe meglio affidarsi ad una App con un buon database di numeri tipicamente usati da questi agenti truffaldini.

    Il trading online è da considerarsi un investimento?

    Il trading online è associato, nella maggior parte dei casi, a manovre speculative e di brevissimo periodo, molto diverse da un investimento classico.

    Trading online investimento - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    Il trading online può essere un investimento secondo qualunque tipo di criterio

    Questa risposta è però quella storica, che non tiene conto delle importanti evoluzioni in questo senso da parte degli intermediari di trading online e dei servizi che oggi sono in grado di offrire.

    • Speculazione contro investimento

    È una differenza più concettuale che effettiva. Si ritiene – a nostro avviso sbagliando – che l’investimento di breve periodo sia altamente speculativo, mentre quello di lungo periodo abbia lo status – sicuramente più nobile, di investimento.

    Ammesso, e non concesso, che questo sia vero, è necessario segnalare il fatto che oggi con il trading online possiamo investire anche sul lungo e lunghissimo periodo. Non è detto che l’investimento fatto tramite broker online debba necessariamente essere di brevissimo periodo.

    • È la strategia a fare differenza tra speculazione e investimento

    Prendendo per buona la differenza tra speculazione e investimento – cosa della quale non siamo sicuri – sarebbe comunque attinente più alla strategia che impieghiamo sui mercati che al tipo di intermediario che utilizziamo.

    Oggi anche i gruppi bancari offrono accesso ai mercati direttamente online, permettendo spesso (pur se a condizioni poco convenienti) di aprire e chiudere posizioni ogni pochi minuti. Non esistono differenze sostanziali tra i due canali almeno in relazione alla possibile durata dell’investimento.

    • Il caso della vendita allo scoperto

    La vendita allo scoperto, soprattutto sulla stampa non specializzata, gode di pessima reputazione. Viene considerata come un movimento altamente speculativo e fondamentalmente dannoso per la salute dell’economia nel complesso.

    Una concezione che però ignora 30 anni di letteratura scientifica, che dimostrano invece che lo short selling ha effetti molto positivi in termini di facilitazione dell’aggiustamento al prezzo corretto di una qualunque Equity, che si tratti di azioni di altro tipo di titolo.

    Vendita scoperto - infografica a cura di ©TradingOnline.com
    La vendita allo scoperto? Gli studi scientifici negano la sua dannosità

    La letteratura è vasta e chi volesse informarsi ulteriormente può farlo qui (in uno studio che prende ad esempio gli effetti dello short selling sulla borsa di Istanbul) o in aggiunta qui (paper a valenza scientifica che raccoglie la migliore letteratura in materia).

    Se il concetto di speculazione dovesse pertanto essere quello di movimenti dannosi ed egoistici, l’accusa deve essere rispedita al mittente anche per quanto riguarda la vendita allo scoperto.

    • Speculare o investire: la differenza oggi conta poco o nulla

    L’investitore di lungo periodo – il cosiddetto cassettista – è mosso dallo stesso identico movente che agita lo speculatore di breve periodo: il guadagno, che sia questo di piccola o grande entità. I mercati funzionano spinti da queste forze, dal desiderio di guadagno degli agenti e grazie a ciò è in grado di prezzare correttamente gli asset che vengono scambiati sulle piazze finanziarie.

    Creare una differenza tra investitori (che sarebbero di prima classe) e speculatori (che sarebbero invece un male da estirpare) non ha senso storico e scientifico, a prescindere dal fatto che si decida di operare o meno con il trading online.

    La differenza tra canali, anche in relazione alla dicotomia investimenti-speculazione, è altrettanto inutile e comunque poco rispondente al vero. Oggi, inoltre, possiamo sicuramente usare il trading online anche per investire sul lungo periodo, rimanendo pienamente nell’alveo degli investimenti puri.

    Formazione di Trading Online

    La formazione è il cardine di ogni percorso nel Trading Online. Senza capire come funzionano i mercati, senza conoscere e saper utilizzare gli strumenti, senza comprendere le funzionalità delle piattaforme, siamo destinati a soccombere sui mercati, senza alcuna possibilità di appello.

    Fortunatamente esistono una serie di canali formativi che oggi possiamo utilizzare per apprendere i fondamentali del trading e per sviluppare anche competenze avanzate, quindi non adatte soltanto ad un pubblico di soli principianti.

    I corsi di trading offrono un approccio formativo organico, incasellando in un percorso coerente lezioni ed approfondimenti. Vale però un’avvertenza anche per il mondo dei corsi: data la grande popolarità del trading online negli ultimi anni, ne sono nati tantissimi – anche di dubbia qualità. Meglio affidarsi ad una selezione di esperti, curati editorialmente e scelti da chi conosce già il mondo del trading.

    L’eBook gratuito realizzato dalla redazione di ©TradingOnline.com. Un eBook diviso in lezioni e sezioni, che parte dagli aspetti più basilari del trading online, per accompagnare tutti verso argomenti anche più complessi.

    Si può scaricare gratuitamente – e con il nostro sistema di alert intelligenti rimarremo sempre aggiornati sui nuovi capitoli inseriti. Gratuito, perché sforzo di divulgazione di informazioni corrette nel mondo del trading, un mondo dove ancora in troppi offrono materiale scadente, o parte di schemi truffaldini ben articolati.

    • Webinar

    Tra broker e gruppi bancari, sono in molti ad offrire webinar, ovvero sessioni live in forma di classe, che ci permettono di seguire lezioni monotematiche, sui principali argomenti del trading. Quando organizzati a modo e tenuti da veri esperti, i webinar possono essere una buona fonte di formazione per gli investimenti. Nel nostro sito segnaliamo periodicamente i migliori.

    • Sessioni individuali 1:1

    Alcuni broker – talvolta gratuitamente come ad esempio Trade.com – offrono la possibilità di partecipare a sessioni 1 a 1 con esperti del trading. Una sorta di ripetizione del mondo del trading, con il vantaggio di avere un rapporto diretto con il nostro insegnante.

    Il modo migliore per formarsi su aspetti specifici o per chiarire punti della formazione che non ci sono ancora particolarmente chiari. Quando si ha la possibilità di parteciparvi, magari anche senza spendere nulla, se ne dovrebbe approfittare.

    • Forum tematici sul trading online

    Anche i Forum sul trading possono aiutarci a migliorare la nostra formazione. Ci sono diversi forum sia in italiano che in inglese che vivono di trading – dove vengono attivate nuove discussioni ogni giorno e dove possiamo intrattenere anche discussioni per chiarire alcuni aspetti, tecnici o analitici, dei mercati.

    I forum sono e rimarranno a lungo una risorsa molto importante per chi vuole formarsi – uno scambio e un flusso di informazioni costante perfetta integrazione per percorsi maggiormente strutturati.

    Considerazioni finali

    Sei giunto al termine della guida introduttiva al Trading Online. Riteniamo ora tu possa avere la reale consapevolezza di cos’è e come funziona.

    Sei pronto per iniziare ad approfondire meglio ogni specifico argomento relativo a questa affascinante disciplina.

    Il Trading Online è concretamente un’opportunità, ma solo se affidi il tuo prezioso tempo all’approfondimento didattico su siti web ufficiali. ©TradingOnline.com è il sito ufficiale che ti consente di ottenere tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare il tuo percorso formativo completo.

    FAQ Trading Online: domande e risposte frequenti

    Che cos’è il trading online?

    Il trading online è l’insieme di sistemi e piattaforme che ci permettono di investire sui mercati finanziari, utilizzando una connessione internet e un computer o uno smartphone.

    Su cosa si può investire con il trading online?

    Con il trading online possiamo investire sul mercato del Forex, sulle azioni, sulle materie prime, sulle criptovalute, sulle obbligazioni e gli ETF. Molto broker offrono anche Indici e Futures.

    Cosa serve per fare trading online?

    Per fare trading online bastano un PC o uno smartphone, una commissione internet e un piccolo capitale. Chi vuole però farlo al meglio, dovrà preoccuparsi anche della formazione.

    Quanto costa fare trading online?

    Dipende dal broker che sceglieremo. Oggi la maggior parte dei broker offre piani di commissioni con spread e commissioni overnight (pochi centesimi ogni 1.000 euro di investimento), oppure commissioni fisse per ogni transazione.

    Quali sono i migliori broker per fare trading online?

    ©TradingOnline.com consiglia eToroCapital.comFP Markets e Trade.com per fare trading online. Sono i broker che offrono i migliori listini, le migliori condizioni di trading e le migliori piattaforme.

    Quali sono le migliori piattaforme per fare trading?

    Le migliori piattaforme trading votate oggi sono quella proprietaria offerta dal broker eToro, grazie all’esclusiva funzione social trading/copy trader e servizi associati come le azioni a zero commissione. C’è poi MetaTrader offerta da FP Markets e Trade.com, ideale per fare trading automatico. Infine c’è quella proprietaria di Capital.com, munita di intelligenza artificiale.

    In quali mercati si può investire con il trading online?

    Oggi i migliori broker offrono accesso incondizionato a tutti migliori mercati del mondo. Comodamente da casa potremo investire in Europa, in Asia, in Australia e anche in America. Alle stesse condizioni e con le stesse commissioni ridotte.

    Fare trading online è rischioso?

    Tutti gli investimenti sono rischiosi. Il trading online ha il vantaggio di permetterci una buona diversificazione del portafoglio, per diluire il rischio su diversi asset.

    Ultimi articoli sul Trading On Line

    Se intendi restare aggiornato sulle nostre ultime pubblicazioni, qui sotto puoi prendere visione degli ultimi contenuti redatti dalla nostra redazione.

    Ti ricordiamo che ©TradingOnline.com pubblica solo contenuti originali, scritti da esperti analisti dei mercati finanziari con oltre 20 anni di esperienza, e certificati dalle autorità competenti. ©TradingOnline.com è il portale ufficiale sul Trading Online nonchè prima voce divulgativa in Italia e disponibile nel mondo.

    • Social Trading: Cos’è e come funziona – Guida 2021
      14 Gen 2021

      Social Trading: Cos...

      Cos’è e come funziona il Social Trading Online? Social Trading permette agli investitori di ricevere informazioni da altri trader che […]

    • Trading Automatico
      14 Gen 2021

      Trading Automatico

      Il trading automatico prevede di delegare lo studio e la gestione dei propri investimenti a un algoritmo in grado di […]

    • Forex Forum
      14 Gen 2021

      Forex Forum

      I forum Forex sono piazze digitali dove gli utenti, in libertà (rispettando le policy della community), possono scambiarsi consigli e […]

    • Capital.com
      14 Gen 2021

      Capital.com

      Capital.com è un broker internazionale di CFD, che opera in tutto il continente europeo con regolare licenza. Questo broker ad […]

    • Azioni da comprare
      12 Gen 2021

      Azioni da comprare

      Le migliori azioni da comprare non sono uguali per tutti gli investitori. A seconda della nostra propensione al rischio, alle necessità […]

    • Psicologia del Trading
      12 Gen 2021

      Psicologia del Trading

      La psicologia del trading – e conseguentemente quella del trader – è l’aspetto più importante per chi vuole ottenere buoni […]

    • Commissioni Trading
      12 Gen 2021

      Commissioni Trading

      Ogni operazione di trading online è accompagnata dal pagamento di commissioni, di diverso tipo in relazione al canale, al broker […]

      Glossario sul Trading Online

      AssetRappresenta il sottostante su cui si intende aprire una posizione.
      ASICE’ l’organo di controllo che regola i mercati finanziari australiani. Per antonomasia è considerata una delle più prestigiose licenze che possono esser possedute da un broker di trading online in grado di attestarne qualità e sicurezza.
      AskE’ il prezzo alla lettera, ovvero il prezzo indicativo per il quale un venditore è disposto a cedere un determinato strumento finanziario.
      BidE’ il prezzo indicativo che un acquirente è disposto a pagare un determinato strumento finanziario.
      BrokerIl broker è l’intermediario professionale, abilitato e munito di regolamentazioni, il cui compito è offrire
      CFDAcronimo del termine inglese “Contract for Difference”, sono lo strumento di tipo derivato più utilizzato nel trading online.
      CYSECAcronimo di “Cyprus Securities and Exchange Commission“, si tratta di una delle principali licenze europee e, se posseduta da un broker di trading online, ne certifica la conformità alla fornitura dei suoi servizi legati al trading sul territorio Europeo.
      Day TradingStrategia d’investimento a breve termine, che consiste nell’aprire e chiudere tutte le posizioni nell’arco di una sola finestra di mercato.
      DMA MarketAcronimo inglese di “Direct Market Access” è la tipologia di trading che permette di avere accesso diretto al mercato; un caso tipico sono il trading di azioni pure. I migliori broker in DMA oggi sono eToro e Trade.com.
      ESMAAcronimo di “European Securities and Markets Autority“, è il massimo organo di controllo di vigilanza sui mercati europei. Ad essa fanno capo l’italiana CONSOB e tutti gli enti regolatori dei Paesi dell’Unione Europea.
      HedgingStrategia che permettere di coprire il rischio d’investimento attraverso l’investimento in altri sottostanti.
      Leva finanziariaE’ lo strumento che permette di moltiplicare il capitale investito in un singolo trade. Questa è la caratteristica tipica del trading di CFD.
      Piano di tradingImpostazione strategica di un investimento multi assets complesso che tiene conto di diverse variabili come propensione al rischio del trader, esposizione, tipologia di trading ed obiettivi da raggiungere.
      PiattaformaLa piattaforma è il mezzo software col quale si inviano ordini a mercato.
      PipRappresenta l’unità di misura minima di movimento del prezzo di un asset valutario.
      RolloverProcesso di mantenimento di una posizione trading aperta anche dopo una sua scadenza.
      SpreadDifferenziale tra il prezzo di vendita “Bid” e il prezzo di acquisto “Ask”. Nel trading di CFD acquisisce un ruolo fondamentale in quanto ne determina il prezzo.
      Spread TradingSimile all’Hedging, consiste in aprire una posizione accessoria alla prima con l’obiettivo di coprirne il rischio, sfruttando la correlazione di due asset interconnessi.
      TraderIl trader è colui che fa trading. In altre parole è l’investitore.
      Vendita allo scopertoShort Selling in inglese, rappresenta la possibilità di aprire una posizione di “vendita” investendo sul ribasso del prezzo di un determinato sottostante.
      Glossario Finanziario del Trading Online