ETF Cannabis

Avatar di Alessandro Calvo
Written by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali

Gli ETF legati alla cannabis permettono di ottenere esposizione a portafogli di azioni legate alla produzione e commercializzazione di cannabis legale. Inizialmente si è partiti con le società che producevano marijuana a scopo medico, la prima a essere legalizzata in molte nazioni del mondo; ora che anche la cannabis a scopo ricreativo è diventata legale in sempre più nazioni, questo nuovo mercato sta facendo nascere decine di imprese. Alcune di queste operano ancora su scala locale, mentre altre sono già diventate delle vere e proprie multinazionali.

Il settore della cannabis è fortemente regolamentato e presenta delle sfide uniche rispetto a qualunque altro tipo di commodity agricola. Avere successo in questo settore, tra una concorrenza sfrenata e un’imposizione fiscale che supera quella di qualunque altro segmento economico, è tutt’altro che scontato. Gli ETF permettono di diversificare l’investimento su tante aziende del settore senza doverne scegliere una in particolare. In questo modo ci si può esporre alla crescita di questa promettente industria senza dover scegliere per forza una o poche società specifiche su cui investire.

In un settore ancora così giovane, dove le regolamentazioni cambiano continuamente e i gusti dei consumatori stanno evolvendo, è molto difficile dire quale sarà la società che si affermerà come leader di mercato e quali saranno quelle destinate a scomparire o essere acquisite. Gli ETF aiutano a navigare questa complessità attraverso la diversificazione su più aziende, segmenti di mercato e aree geografiche.

Top 3: I migliori ETF Cannabis per il 2024

Abbiamo selezionato 3 fondi che offrono buone caratteristiche in termini di diversificazione geografica e su diversi segmenti del mercato della cannabis, selezionandoli in base a criteri precisi:

  • Effettiva pertinenza al settore della cannabis;
  • Diversificazione su diverse aree, segmenti di mercato e dimensioni delle società;
  • Costi di gestione annui;
  • Gestione dei dividendi;
  • Armonizzazione UCITS.

Vogliamo ricordare ai nostri lettori che questa selezione rappresenta l’opinione della redazione di TradingOnline.com® e non è in alcun modo da intendersi come consulenza d’investimento o come un consiglio finanziario.

💡Conviene investire oggi:
Rischio dell’investimento:Alto
💸Costi e commissioni:0,35-0,75% TER annuo
💼Dove acquistare:Capital.com / FP Markets / eToroDegiro
💰Investimento minimo:Una quota (15-20€)
ETF cannabis – Riassunto tabellare delle caratteristiche principali

1. ETFMG Alternative Harvest ETF

📍ISINUS26924G5080
Dove comprareCapital.com / eToro 
💲TER0.78% annuo
📈Metodo di replicaSintetica totale
💱Valuta del fondoDollaro USA
💰Strategia di reinvestimentoDistribuzione trimestrale
Principali caratteristiche del ETFMG Alternative Harvest ETF

Questo è un fondo storico, essendo stato il primo in assoluto a essere quotato negli Stati Uniti e ad avere come focus specifico quello della cannabis legale. Il suo obiettivo è quello di replicare la performance dell’indice Prime Alternative Harvest Index, che include tutte le principali società legate sia alla cannabis a scopo ricreativo che medico. Il fondo cerca di mantenere un’esposizione globale, ma il fatto che la regolamentazione favorevole sulla cannabis sia più permissiva rispetto ad altre nazioni del mondo fa sì che questo sia il mercato più rappresentato.

Le 5 azioni più presenti nel portafoglio del fondo sono:

  1. SNDL Inc.
  2. Cronos Group
  3. Tilray Brands
  4. Canopy Growth
  5. Aurora Cannabis

Oltre il 70% del portafoglio è rappresentato da aziende statunitensi, seguite poi da quelle canadesi (9%) e da una piccola esposizione ad altre nazioni del mondo. Interessante notare che circa la metà del fondo è attualmente investita in un contratto swap, tipico dei fondi che utilizzano la replica sintetica. Significa che il fondo non ha direttamente in portafoglio tutte le azioni che compongono l’indice di riferimento, ma ha dei contratti derivati che replicano la performance di tutto il paniere su cui il fondo non investe direttamente. Da notare anche le spese annue alte, che arrivano a somigliare a quelle di un fondo a gestione attiva.

infografica che mette in mostra la supply chain della cannabis legale
Un buon ETF dovrebbe offrire esposizione a tutti i segmenti della supply chain della marijuana legale

2. AdvisorShares Pure Cannabis ETF

📍ISINUS00768Y4531
Dove comprareCapital.com 
💲TER0.80% annuo
📈Metodo di replicaGestione attiva
💱Valuta del fondoDollaro USA
💰Strategia di reinvestimentoDistribuzione annuale
Principali caratteristiche del AdvisorShares Pure Cannabis ETF

Questo ETF vanta una capitalizzazione di mercato leggermente più alta rispetto al primo, collocandosi attualmente a circa 500 milioni di dollari. Al tempo stesso, però, ha dei costi maggiori e un profilo di rischio altrettanto più alto. Anziché replicare passivamente un indice, infatti, in questo caso i gestori fanno attivamente trading cercando di ottenere una performance migliore. Anche in questo caso abbiamo a che fare con un fondo a replica sintetica, che per oltre metà del suo capitale ha in portafoglio degli swap. Molto rischioso il fatto che oltre l’82% di questi swap sia presso una sola controparte (Nomura). Al contrario dei fondi armonizzati UCITS, che devono seguire regole precisa sulla diversificazione degli swap, quelli quotati negli Stati Uniti possono gestire più liberamente la propria esposizione.

Detto questo, rimane comunque uno dei maggiori ETF legati alla cannabis al mondo. Le società a cui si ottiene più esposizione sono:

  1. Green Thumb Industries
  2. Curaleaf Holdings
  3. Verano Holdings
  4. Trulieve Cannabis Corp
  5. Terrascend Corp

Le cinque azioni più possedute dal fondo rappresentano complessivamente oltre il 65% del portfolio totale. Questo significa che l’elemento di diversificazione è limitato, malgrado questa sia teoricamente una delle ragioni principali per acquistare un ETF. La gestione attiva non sembra star performando particolarmente bene, alla luce del fatto che dal 2020 a oggi il fondo ha ottenuto una performance annualizzata del -31.01% contro un +8.24% dello S&P 500.

3. Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

📍ISINIE00BJXRZ273
Dove comprareDegiro
💲TER0.65% annuo
📈Metodo di replicaFisica totale
💱Valuta del fondoEuro
💰Strategia di reinvestimentoAccumulazione
Principali caratteristiche del Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

Questo è l’unico fondo attualmente disponibile con la sigla UCITS che sia interamente dedicato al mondo della cannabis legale. Traccia passivamente la performance dell’indice Foxberry Medical Cannabis & Life Sciences index, composto da aziende che ricavano una gran parte del proprio fatturato dalla cannabis. Teoricamente sarebbe un ETF con tutte le carte in regola per posizionarsi in cima alla nostra classifica: l’armonizzazione UCITS garantisce importanti vantaggi fiscali ai residenti UE, e la replica fisica totale diminuisce i rischi. Inoltre i costi di gestione annui sono più bassi rispetto a quelli degli ETF che abbiamo menzionato fino a questo momento.

Il limite principale di questo ETF è il fatto di avere scarsa liquidità. Con soli 14 milioni di euro di capitalizzazione, i volumi di scambi delle quote sono molto bassi e le transazioni possono avvenire a prezzi anche molto lontani rispetto a quelli di mercato. Questo è un problema da considerare, soprattutto dal momento che la quotazione in Borsa dovrebbe essere uno dei vantaggi principali di un ETF.

Al momento le aziende più rappresentate nel portafoglio sono:

  1. Jazz Pharmaceuticals
  2. Perrigo Co
  3. Perkinelmer
  4. Scotts
  5. Novartis

Come si evince bene guardando questo elenco, molte delle società su cui il fondo investe sono irlandesi. L’Irlanda è infatti la seconda regione a cui si ottiene più esposizione (38%) dopo gli Stati Uniti (47%). Questo non sembra però coerente con le proporzioni del mercato della cannabis negli USA e in Irlanda. Per questo, anche se sulla carta sembra un fondo molto attraente, nella nostra classifica si ferma alla terza posizione.

Migliore alternativa agli ETF Cannabis

Gli ETF non sono l’unico modo per esporsi in modo diversificato all’andamento dell’industria della cannabis. Ci sono altri modi, anche più innovativi e semplici, per investire su un portafoglio diversificato di società connesse a questo settore. Uno in particolare, su cui vogliamo concentrare la nostra attenzione, è lo SmartPortfolio CannabisCare di eToro. Si tratta di un prodotto creato direttamente da eToro. Il broker possiede direttamente le azioni del portafoglio su cui il cliente investe, esattamente come se si trattasse di un ETF a replica fisica. La differenza è che questo strumento non è quotato in Borsa.

Ci sono diversi vantaggi importanti che spingono verso questa scelta, il primo dei quali è il fatto di non pagare commissioni per la gestione annua del portafoglio, cosa che invece è presente negli ETF tradizionali. Inoltre questo Smart Portfolio ha un portafoglio estremamente diversificato, al punto da offrire un’esposizione più ampia rispetto a due dei tre ETF che abbiamo analizzato in precedenza. Considerando che nel settore della cannabis i costi di gestione degli ETF sono molto più alti rispetto alla media, un prodotto che non prevede alcuna commissione annua risulta piuttosto appetibile.

infografica con le principali caratteristiche del portfolio CannabisCare di eToro
Il prodotto di eToro è pensato per funzionare in modo simile a un ETF, ma evitando le commissioni di gestione annue

Dove investire in ETF Cannabis

Di seguito riportiamo la lista dei migliori broker per investire su ETF legati al mondo della cannabis ricreativa e a scopo medico. Si tratta di intermediari autorizzati Consob, selezionati manualmente dalla nostra redazione, che offrono delle ottime condizioni di negoziazione in generale e non soltanto per quanto riguarda questi prodotti. L’elenco è aggiornato continuamente dagli analisti di ®TradingOnline.com.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

48% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • TradingView + MetaTrader4
  • App educativa gratuita
  • Trading con algoritmi [New]

Inizia ora

78,1% of retail CFD accounts lose money.

ETORO

eToro è il broker di Social & CopyTrading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios & Staking Crypto
  • Azioni Reali (estere) + ETfs a 0 commissioni

Inizia ora

67% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,90% of retail CFD accounts lose money.

SKILLING

Nuova piattaforma rivoluzionaria, con strumenti per auto-trading, analisi e copy trader a zero commissioni per trading CFD su azioni, crypto, ETF, indici, commodities e forex.

  • Spread da 0.1pips
  • cTrader, MetaTrader 4 e Segnali
  • Copytrading incluso gratis

Inizia ora

73% of retail CFD accounts lose money.

Conviene investire in ETF sulla cannabis?

A nostro avviso, gli ETF legati alla cannabis non sono così interessanti rispetto a quelli di altri settori. Questo per due ragioni principali: la prima è che i prodotti tra cui si può scegliere sono pochi, spesso non sono armonizzati UCITS e prevedono dei costi di gestione estremamente alti per essere degli ETF; la seconda ragione è che offrono una scarsa diversificazione sulle società del settore, al punto che un investitore potrebbe manualmente ricostruire lo stesso tipo di portafoglio e risparmiarsi delle commissioni piuttosto salate.

Inoltre c’è da dire che, nel corso del tempo, il settore non ha performato bene. Al momento il settore della cannabis legale è stretto tra problemi interni ed esterni:

  • Anche laddove la cannabis è stata legalizzata, spesso il mercato nero rimane quello più florido. Questo perché la tassazione a cui la marijuana legale è soggetta rende i prezzi estremamente più alti di quelli praticati dai venditori illegali;
  • Nelle aree dove la cannabis è legale per la vendita a scopo ricreativo, è legale anche la coltivazione in proprio. I consumatori si stanno dimostrando più interessati a coltivare in proprio che a comprare -a caro prezzo- dai rivenditori, sia per risparmio che per passione. Una sola pianta produce una quantità notevole di inflorescenze, per cui non servono grandi spazi e la coltivazione si può fare anche indoor;
  • Le società che rimangono a spartirsi ciò che rimane del mercato sono troppe in questo momento. Lo dimostra il fatto che nessuna di queste sia profittevole. La concorrenza è fortissima e lo rimarrà probabilmente per diverso tempo, con impatti negativi per gli investitori.

Per una volta, riteniamo che la scelta migliore sia quella di fare una selezione manuale dei titoli. Approfittando di piattaforme come Capital.com, che offrono migliaia di titoli negoziabili, non è difficile costruire un portafoglio per esporsi alla cannabis. Al tempo stesso si risparmia sui costi di gestione e si possono scegliere con attenzione le aziende su cui investire, piuttosto che esporsi in modo diversificato a un settore che sta oggettivamente performando molto male.

Conclusioni e considerazioni finali

Oggi gli investitori hanno a disposizione una grande quantità di titoli legati alla cannabis, ma pochi ETF e quasi sempre estremamente cari. La situazione è particolarmente poco felice in Europa, per lo meno se si intende andare alla ricerca di fondi armonizzati UCITS. Detto questo, quantomeno i tre fondi di cui abbiamo parlato ci sembrano dei prodotti soddisfacenti -anche se non eccezionali-. In altri settori, come nel caso degli ETF di energia rinnovabile o gli ETF sulle batterie al litio, la diversificazione offerta dai fondi appare sia più attraente che più efficace.

Siamo piuttosto convinti che nei prossimi anni emergeranno nuovi ETF legati alla cannabis, sempre più in grado di riflettere la situazione attuale del mercato. Ci sarà più spazio per imprese che si trovano in nuovi paesi dove la marijuana sta diventando legale -non solo gli Stati Uniti- e cominceranno a esistere più fondi dedicati in grado di offrire costi più bassi e un ventaglio di diversificazione più ampio. Considerato quanti capitali stiano andando verso le società grandi e piccole che si occupano di cannabis, di certo l’offerta di ETF migliorerà in futuro.

Nel frattempo, siamo quantomeno felici di aver trovato almeno tre fondi che possono essere negoziati facilmente usando delle piattaforme sicure e che offrono agli investitori una buona offerta di titoli. Torneremo immancabilmente ad aggiornare questa guida ogni semestre, per parlare di qualunque nuovo fondo interessante possa emergere in futuro.

FAQ: Domande e risposte frequenti sugli ETF cannabis

Gli ETF cannabis sono rischiosi?

Gli ETF sulla cannabis sono considerati piuttosto rischiosi, dal momento che i titoli del settore tendono a mostrare una volatilità elevata. In ogni caso, il rischio è proporzionale al ritorno potenziale.

Dove investire in ETF cannabis?

Le migliori piattaforme per investire in ETF sulla cannabis sono Capital.com, eToro e FP Markets. Si tratta di piattaforme autorizzate da Consob che offrono la possibilità di investire con piattaforme intuitive e costi nettamente più bassi rispetto a quelli delle banche o SIM tradizionali.

Quanti ETF cannabis sono approvati UCITS?

Al momento soltanto il Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF è armonizzato secondo le normative europee, ma si tratta di un fondo con costi di gestione elevati e un portafoglio sbilanciato verso il piccolo mercato irlandese.

Quali sono i rischi degli ETF cannabis?

Il settore della cannabis è fortemente concorrenziale, soggetto a imposte elevate e continua a risentire della concorrenza del mercato nero. La situazione migliorerà con il graduale consolidamento del mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *