Azioni

Migliori azioni recessione

AUTORE IN TEMA DI FINANZA, TRADING E INVESTIMENTI DA OLTRE 6 ANNI.

Anche se la maggior parte delle società tende a soffrire durante i periodi di recessione, alcuni titoli possono prosperare più durante una crisi che durante un boom economico. Questa guida vuole presentare proprio i titoli che dimostrano maggiore resilienza ai periodi di recessione, insieme a una spiegazione delle logiche con cui investire quando l’economia si contrae.

Ci sono due tipi di opportunità che un investitore non dovrebbe perdere durante una recessione. Nella prima parte della contrazione economica, si può sfruttare il potenziale dei titoli che crescono di più nei periodi di crisi. Nel frattempo il prezzo delle altre azioni tende a sgonfiarsi in fretta, lasciando la porta aperta alla seconda opportunità: comprare titoli in sconto, in vista della successiva fase di espansione.

Bisogna infatti ricordare che, per quanto una recessione possa fare paura, ogni periodo di riduzione dell’attività economica è seguito da un periodo di espansione. Nello stesso modo, ogni periodo di ribassi sui mercati è seguito da un periodo rialzista. Un buon investitore dovrebbe fare i conti con il presente, ma anche guardare al futuro.

È importante ricordare anche che un periodo di recessione può essere accompagnato da un’inflazione in calo o in crescita. Questo fattore pesa sulla decisione dei titoli da comprare, motivo per cui la guida alle migliori azioni anti-inflazione può essere una lettura utile da accompagnare a questa guida.

Azioni anti-recessione – Riassunto:

💰 Conviene investire
🔥 Perché investireMolti titoli venduti “in sconto”
💎 Strategia consigliataBuy & Hold
📈 Migliori brokereToro // Capital.com // FP Markets
💡 Settori miglioriBeni rifugio, beni di prima necessità
🧐 Settori peggioriBanche, intrattenimento, turismo
📊 Migliori da comprareVedi l’elenco
Azioni anti-recessione– Riassunto sintetico tabellare

Cosa significa recessione?

Nella tradizione dell’economia si definisce recessione un periodo in cui il PIL si contrae per due trimestri consecutivi. Questa è una definizione classica, insegnata comunemente anche in Università, ma non è la definizione più pratica. Ci sono altri fattori che vale la pena di considerare: tasso di disoccupazione, fiducia dei consumatori, produzione industriale, percentuale di crediti bancari in sofferenza e così via.

guida alle migliori azioni da comprare nei periodi di recessione con elenco di 20 titoli consigliati
Azioni da comprare in recessione – Analisi ed elenco dei migliori titoli anti-crisi per costruire un portafoglio diversificato | TradingOnline.com®

Oggi i confini della definizione di “recessione” sono diventati più labili. Affinché si parli crisi economica è necessario che avvenga un calo significativo, diffuso e duraturo dell’attività economica. Solo attraverso una valutazione di tutti i fattori che influenzano l’economia è possibile dire davvero se una flessione del PIL sia momentanea o un segno di reale recessione.

Al calo del PIL in due trimestri consecutivi potrebbe non essere associata una vera contrazione degli altri indicatori macroeconomici. In questo caso si parla di recessione tecnica, come quella in cui si trova l’economia americana durante il terzo trimestre del 2022: occupazione record, ottimi dati sui consumi, imprese cariche di ordini, ma con un PIL in calo nei due trimestri precedenti.

Quali azioni comprare in recessione? Migliori azioni recessione 2022

Non tutte le imprese rispondono nello stesso modo di fronte a una recessione. Dal momento che si tratta di una contrazione diffusa dell’attività economica, è normale che la maggior parte delle aziende conosca un periodo di contrazione nei dati di bilancio e nel valore prodotto per gli azionisti. Dall’altra parte, non è una contrazione universale.

Alcuni settori industriali sono particolarmente resilienti, e sono ottimi strumenti da comprare se si riesce a vedere arrivare la recessione prima degli altri investitori. Quando si scatena l’ondata di vendite e i titoli che resistono meglio all’inflazione vedono i prezzi crescere rapidamente, si rischia di essere già in ritardo per investire su quel tipo di azioni.

In quel caso, meglio passare direttamente a comprare titoli che sono stati troppo penalizzati dalle vendite e che dunque si trovano in sconto rispetto al loro valore intrinseco. Nel lungo termine questa è la strategia di position trading che paga meglio, dal momento che i periodi di recessione sono inferiori per durata e per intensità rispetto a quelli di boom economico.

Importante anche ricordare di utilizzare broker autorizzati Consob come eToro -visita il sito ufficiale qui- per comprare qualunque titolo, dal momento che ogni analisi è inutile se si finisce per venire truffati dalla propria piattaforma o se si spende in commissioni più di quanto si possa ottenere in anni di rendimento azionario.

1 – McDonald’s

📊 TickerNYSE: MCD
💡 SettoreRistoranti fast food
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaBurger King
Azioni McDonald’s

McDonald’s ha già attraversato con successo alcune delle recessioni più buie dell’ultimo secolo, dimostrando sempre che i ristoranti famosi per i loro archi dorati possono resistere alle contrazioni economiche. Il prezzo contenuto dei pasti, unito alla forza del brand, fa in modo che anche in periodi poco felici per l’economia la domanda continui a essere sostenuta.

Indubbiamente le recessioni spingono i consumatori a spendere meno in ristoranti, ma McDonald’s si colloca nella fascia di prezzo più bassa. Questo significa che chi normalmente frequenta ristoranti più costosi, quantomeno in periodi difficili, potrebbe ripiegare più spesso su alternativa low-cost come questa.

Non solo, ma McDonald’s è una società molto capitalizzata e molto grande, per cui percepita come un investimento sicuro. Questo tipo di titoli tende ad avere moltiplicatori molto alti anche in periodi di recessione, perché gli investitori preferiscono evitare di investire in strumenti molto rischiosi quando l’economia sta andando male.

2 – RingCentral

📊 TickerNYSE: RNG
💡 SettoreSoftware as a Service
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaOOma
Azioni RingCentral

RingCentral è un software per le telecomunicazioni aziendali, una growth stock in fortissima crescita con prospettive molto interessanti per il lungo termine. La funzione di questo tool è permettere alle imprese di gestire tutte le comunicazioni interne ed esterne, dalle chiamate alle chat. Il prezzo dell’abbonamento è piuttosto contenuto rispetto al valore aggiunto per le imprese, e soprattutto esistono delle forti barriere al cambiamento.

perché comprare le azioni RingCentral in periodi di recessione
La comunicazione in cloud è molto efficiente per le aziende, ed è un business in forte espansione

Con “barriera al cambiamento” si intende il costo che una società dovrebbe sostenere per passare da un fornitore a un altro. Nel caso dei software aziendali come RingCentral, la barriera è imponente. Servono ore per far capire a ogni dipendente come funzionano tutti gli aspetti del servizio, per cui una volta che la società ha deciso di rivolgersi a RingCentral diventa difficile passare a qualche competitor.

Una recessione può portare un’impresa a ristrutturare i costi, ma ce ne sono alcuni più difficili da eliminare di altri. RingCentral opera un modello di business molto solido in fase di recessione, ed è anche possibile comprare il titolo sul top broker eToro senza commissioni: facendo parte dell’elenco di azioni compatibili con la funzionalità RealStock, non si paga nemmeno un centesimo per la compravendita del titolo.

3 – Barrick Gold

📊 TickerNYSE: GOLD
💡 SettoreEstrazione di oro
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaNewmont
Azioni Barrick Gold

Barrick Gold è una delle più grandi società al mondo nel campo dell’estrazione mineraria di oro, forse il business per eccellenza quando si parla di titoli resistenti all’inflazione. Quando c’è incertezza sull’andamento dell’economia e delle valute nazionali, l’oro con il suo ruolo da bene rifugio ne beneficia. La serie storica dell’andamento della quotazione dell’oro non mente: i momenti migliori sono stati storicamente quelli di recessione.

Rispetto a investire direttamente sul metallo prezioso, è interessante il fatto che le azioni Barrick siano asset produttivi. La società estrae il metallo e lo vende, generando flussi di cassa per i soci; il metallo prezioso in sé si limita a essere uno scudo dall’inflazione e dalle recessioni, ma di per sé non è in grado di produrre nulla per chi lo possiede.

Altro aspetto da tenere a mente è che le azioni sono più liquide e flessibili rispetto ai lingotti d’oro. Si possono investire cifre anche contenute, senza andare incontro ad altissimi costi di intermediazione come avviene con le gioiellerie. Utilizzando un broker di CFD come Capital.com -qui per la demo 100% gratuita- è possibile anche acquistare il titolo in leva per amplificarne le oscillazioni. Trattandosi di una società large-cap in un settore molto tradizionale, non è un’idea da scartare.

4 – Pfizer

📊 TickerNYSE: PFE
💡 SettoreFarmaceutica
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaBayer
Azioni Pfizer

Pfizer è un ben noto colosso farmaceutico americano, in attività ormai da oltre un secolo. Gli investitori che hanno comprato il titolo in passato non se ne sono pentiti nel lungo termine: poche società sono così grandi da poter investire le cifre che Pfizer investe in ricerca e sviluppo. Investimenti da cui nascono brevetti in grado di fruttare molto alla società e agli azionisti per tanti anni.

Il motivo per cui questo titolo resiste bene alle recessioni, oltre ai brevetti, è che semplicemente è difficile risparmiare su cose come i farmaci. Se i consumatori non possono permettersele o troppe persone perdono la loro copertura sanitaria, eventualmente i governi si vedono costretti a intervenire con i fondi pubblici. I farmaci sono semplicemente troppo essenziali per poterne fare a meno.

Il business di Pfizer è segnato soprattutto dalla capacità dei suoi ricercatori di fare nuove scoperte. Un brevetto nato in periodo di recessione può fruttare tanto quanto uno nato in periodo di boom economico: la macroeconomia ha poco a che fare con la salute.

5 – Adecco Group

📊 TickerSWX: ADEN
💡 SettoreRisorse umane
🚀 ValutaFranco svizzero
🧐 Migliore alternativaRandstad
Azioni Adecco

Adecco si occupa di trovare risorse umane per conto delle aziende e viceversa. Il mercato del lavoro è uno dei primi a soffrire durante i periodi di recessione, dal momento che le aziende si occupano più di licenziare che di assumere. Il business di società come Adecco e Randstad ne risente particolarmente, rendendoli alcuni dei titoli più penalizzati e scontati in fase di recessione.

Proprio per questi motivi, prima di comprare le azioni di Adecco conviene aspettare che la recessione sia diventata evidente e che gli investitori scarichino il titolo per la preoccupazione. Non è difficile che in fase di recessione le azioni Adecco possano perdere anche il 50% del loro valore, ma questo non significa che le prospettive di lungo termine siano peggiorate.

Ricordando che dopo ogni recessione arriva un periodo di espansione, le azioni Adecco sono tra le prime a essere penalizzate ma anche tra le prime a riprendersi da queste fasi macroeconomiche. La durata media di una recessione è stata storicamente di 10 mesi, indicando che già dopo poco tempo chi acquista questo titolo in periodi di crisi può ottenere una plusvalenza importante.

Unica cosa a cui fare attenzione è che si tratta di una società quotata in Svizzera, e non tutti i broker offrono la possibilità di investire su questa Borsa. Fortunatamente è possibile comprare il titolo sull’affidabile broker eToro, approfittando anche della politica del broker per cui la transazione sarà soggetta a zero commissioni.

6 – Chegg

📊 TickerNYSE: CHGG
💡 SettoreNoleggio libri scolastici
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaeBay
Azioni Chegg

Chegg ha un modello di business ideale per le fasi di recessione. La società si occupa di noleggiare e vendere libri di scuola usati, oggetti notoriamente costosi ma altrettanto necessari. Con questo sistema, l’azienda riesce a far risparmiare gli studenti su una delle spese più impattanti del mondo della formazione.

In fasi di espansione economica è probabile che molti studenti decidano di optare per libri nuovi. Quando però il futuro economico è incerto e si diventa più attenti alle spese, si preferiscono alternative usate o metodi per avere accesso ai beni di proprio interesse piuttosto che diventarne proprietari. Lo stesso vale, ad esempio, per l’acquisto di abbigliamento usato.

Tutti i business che permettono ai consumatori di mantenere il proprio standard di vita, ma risparmiando, sono interessanti da considerare in periodi di alta inflazione. Chegg ha un modello di business particolarmente appropriato, perché i beni su cui esercita questo tipo di attività sono essenziali e riguardano un mercato essenzialmente immortale.

7 – Offerpad

📊 TickerNYSE: OPAD
💡 SettoreiBuyer immobiliare
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaOpendoor
Azioni Offerpad

Offerpad è un instant buyer immobiliare, cioè una società che compra immobili all’istante su richiesta dei proprietari. Questo modello di business tende a fare decisamente meglio durante i periodi di recessione, dal momento che quando il mercato è in crescita le persone possono permettersi di aspettare tutto il tempo che serve per vendere gli immobili al prezzo più alto possibile.

infografica che mostra come i periodi di recessione favoriscano Offerpad e gli altri instant buyer immobiliari
Nei periodi di recessione, Offerpad riceve più domanda per gli immobili da acquistare e può costruire il suo inventario a prezzi più bassi

Quando arriva un periodo di recessione, le cose cambiano. Chi perde il lavoro e si trova in crisi con il mutuo deve affrettarsi per vendere la propria casa, ed è proprio in questo tipo di circostanze che prosperano le aziende come Offerpad. In grado di offrire liquidità immediata a chi vende casa, gli iBuyer sono indubbiamente interessanti soprattutto in periodo di recessione.

Altro buon motivo per puntare su questo tipo di titoli è che durante le recessioni è possibile comprare gli immobili in sconto, per poi rivenderli nei periodi di crescita con notevole plusvalenza. Per tutti questi motivi, Offerpad si configura come un investimento perfettamente allineato con le caratteristiche dei periodi di contrazione.

8 – Opendoor

📊 TickerNASDAQ: OPEN
💡 SettoreiBuyer immobiliare
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaOfferpad
Azioni Opendoor

Seguiamo a ruota con un altro instant buyer immobiliare. Il settore è talmente ideale per un investimento in fase di recessione che vale la pena di non limitarsi a un singolo titolo. Opendoor è anche leggermente più grande di Offerpad per volume di transazioni, e opera in un modo diverso per alcuni tratti.

Nello specifico, Opendoor riesce a valutare gli immobili dei clienti totalmente online. Viene fatta un’offerta personalizzata in base alle caratteristiche dell’appartamento e tutto il processo richiede pochi giorni dalla richiesta alla consegna della somma per il pagamento. A differenza di molti altri instant buyer immobiliari, sia Opendoor che Offerpad sono noti per essere onesti nelle valutazioni e dunque godono di reputazioni molto solide presso i clienti.

Il mondo degli iBuyer rappresenta attualmente solo l’1-2% delle compravendite che avvengono negli Stati Uniti, ma la quota di mercato è in costante ascesa. Per chi sta cercando un investimento interessante sul lungo termine, comprare il titolo sul miglior broker eToro a commissioni basse e fisse, offre un modo conveniente di esporsi alla crescita del segmento degli instant buyer.

9 – Aaron’s

📊 TickerNYSE: AAN
💡 SettoreCredito al dettaglio
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaAffirm
Azioni Aaron’s

Aaron’s opera in un segmento anticiclico, cioè può contare su un modello di business in cui i periodi di recessione pagano meglio di quelli di crescita. La società si occupa di credito al dettaglio, fornendo accordi di leasing su oggetti come mobili, elettronica e computer. Si concentra, in particolare, sull’offerta di questo tipo di servizi a persone il cui merito creditizio è insufficiente per ottenere prestiti dalle banche.

Durante i periodi di recessione questo tipo di business può decollare facilmente. Le banche diventano molto più selettive nella scelta delle persone a cui concedere del credito, e dall’altra parte sempre più persone ne hanno bisogno. Uno schema a prova di recessione, che dall’altra parte tende a generare performance mediocri nei periodi di boom economico.

Per quanto Aaron’s sia un titolo poco conosciuto in Europa, negli Stati Uniti questo è un nome familiare. La società è stata fondata nel 1955 e ha dimostrato di poter resistere a qualunque tipo di condizione di mercato.

10 – Firstcash

📊 TickerNASDAQ: FCFS
💡 SettoreCatena di banchi dei pegni
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaN.D.
Azioni Firstcash

Firstcash è leader mondiale nel mondo dei banchi dei pegni, con oltre 2.800 location aperte dall’inizio della sua storia. Anche in questo caso abbiamo a che fare con un business fortemente anticiclico, nel quale i periodi di recessione sono quelli che offrono i migliori affari. Più le persone hanno bisogno di liquidità, più c’è bisogno di negozi dei pegni.

Il motivo principale per rivolgersi a un negozio dei pegni, in fin dei conti, è il bisogno di liquidità. Ed è un bisogno che aumenta notevolmente nei periodi di recessione, nei quali le persone perdono il lavoro e devono spesso liquidare i beni non necessari per far fronte alle spese correnti. Non è bello che succeda, ma è inevitabile.

Una rete così grande di negozi di pegni è in grado di catturare perfettamente le esigenze dei consumatori nei periodi di recessione. In questo modo si è meno esposti all’andamento dell’economia in posti circoscritti, permettendo al titolo di esprimere al meglio la sua capacità di resistere a una recessione generalizzata.

11 – Waste Connections

📊 TickerNYSE: WCN
💡 SettoreGestione dei rifiuti
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaRepublic services
Azioni Waste Connections

Waste Connections è una delle principali società americane nel business della gestione dei rifiuti, un business poco entusiasmante ma molto resistente alle recessioni. Che si tratti di un periodo ottimo o pessimo per l’economia, i governi locali devono comunque premurarsi di portare via l’immondizia dalle loro città.

Questo tipo di business tende a generare un free cash flow costante nel corso degli anni, a prescindere dall’andamento macroeconomico. La crescita della popolazione nel lungo termine permette anche di vedere crescere a poco a poco i numeri dei bilanci delle società più importanti, ma si tratta essenzialmente di value stocks molto stabili.

La stabilità porta con sé i suoi vantaggi, a partire dal fatto che le azioni di Waste Connections offrono un rapporto P/E conservativo e un dividendo che tende a crescere di anno in anno. Se si tratta di un titolo troppo poco volatile per il proprio profilo da investitore, è comunque possibile aumentare le oscillazioni aprendo un conto demo gratuito su Capital.com e investendo in leva attraverso i CFD.

12 – American Water Works

📊 TickerNYSE: AWK
💡 SettoreCatena di banchi dei pegni
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaAmerican States Water
Azioni Firstcash

Oltre 80.000 chilometri di tubi e più di 1.500 stazioni di pompaggio sono tra gli asset in gestione di American Water Works, che come suggerisce il nome è una delle aziende statunitensi più grandi nel mondo del trattamento dell’acqua. Un business essenziale, di cui non si può fare a meno tanto nei periodi di espansione quanto in quelli di recessione.

La resilienza delle azioni legate al trattamento delle acque reflue le rende buoni investimenti in tempo di recessione
Le società legate a commesse pubbliche su servizi essenziali hanno pochissima elasticità della domanda, anche in tempi difficili per l’economia

La società è stata fondata nel 1886, un dato che aiuta abbastanza a capire quanto resilienti siano i business che operano in questo settore. Godendo della fiducia di autorità locali e cittadini, non c’è motivo di pensare che qualcosa possa minacciare il business di American Water Works. Inoltre un piccolo dividendo si aggiunge ai motivi per investire.

13 – OppFi

📊 TickerNYSE: OPFI
💡 SettoreCredito al consumo
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaAffirm
Azioni OppFi

OppFi lavora con quei 60 milioni di americani che non hanno accesso al credito. Un numero che tende ad aumentare esponenzialmente nei periodi di recessione, dal momento che l’americano medio tende a risparmiare poco e la perdita del reddito è un fattore che può indurre le persone a non avere liquidità per le spese quotidiane in poche settimane.

Il business di questa società è facilitare l’accesso al credito alle persone che si trovano in questa situazione, essenzialmente operando come intermediario per prestare denaro a chi non può riceverlo dalle banche. Un business che può essere inizialmente molto penalizzato da una recessione, dal momento che alcuni crediti diventano difficili da riscuotere.

Passato questo primo impatto iniziale, che potrebbe anche aiutare a comprare il titolo a un prezzo particolarmente basso, la strada è in discesa per questa società e i suoi investitori. La domanda in periodo di recessione aumenta notevolmente, mentre il periodo di crescita successivo aiuta i creditori a diventare più solvibili.

14 – Ryanair

📊 TickerNASDAQ: RYAAY
💡 SettoreCompagnia aerea low-cost
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaEasyJet
Azioni Ryanair

Anche se le compagnie aeree possono soffrire i periodi di recessione più di altri business, Ryanair ha tutte le carte in regola per poter far bene durante una contrazione economica. A partire dal fatto che molti clienti business delle compagnie aeree, durante i periodi difficili, preferiscono far volare i loro dipendenti con una compagnia low-cost piuttosto che con le compagnie aeree di bandiera e i posti in business class.

Non solo, ma c’è anche un forte motivo legato al prezzo del petrolio che può portare più margini a Ryanair durante una recessione. Il carburante è la spesa maggiore che una compagnia aerea deve sostenere, subito dopo il personale, per un volo; quando l’economia si contrae il prezzo del petrolio tende a scendere rapidamente, permettendo alle compagnie aeree di mantenere o incrementare il margine sul venduto.

Specializzandosi in voli a corto raggio, Ryanair può anche capitalizzare sulla domanda dei viaggiatori che, per via della crisi economica, preferiscono fare le vacanze in posti più vicini. Un titolo che ha le carte in regola per attraversare una crisi senza grossi problemi, su cui si può investire senza commissioni su eToro.

15 – Asos

📊 TickerLON: ASC
💡 SettoreE-commerce di abbigliamento
🚀 ValutaSterlina inglese
🧐 Migliore alternativaAlibaba
Azioni Asos

Asos è un grande e-commerce di abbigliamento che si distingue da rivali come Yoox e Zalando per una caratteristica ben precisa: i prezzi contenuti, grazie ai quali è diventato un brand di riferimento per i più giovani. Consegne veloci e prezzi bassi hanno fatto in modo che Asos sia oggi uno dei più grandi player del settore, con un business a prova di recessione.

Per quanto la spesa in abbigliamento diminuisca nei periodi di crisi, alcuni titoli risentono di questo effetto più di altri. Una società nota per la sua capacità di offrire prezzi contenuti, unita al fatto che per certi versi l’abbigliamento è un bene essenziale -specie quando si tratta di capi low-cost- fanno sì che Asos possa tranquillamente attirare nuovi clienti in periodi di crisi.

Il fatto che le azioni siano quotate sul Nasdaq fa anche sì che il titolo sia compatibile con la funzionalità RealStock, per cui anche in questo caso registrandosi in demo gratis su eToro è possibile comprarlo senza commissioni anche sotto forma di azioni frazionali.

16 – Home Depot

📊 TickerNYSE: HD
💡 SettoreVendita al dettaglio
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaLowe’s
Azioni Home Depot

Home Depot è un marchio estremamente conosciuto negli Stati Uniti, che non ha ancora negozi in Italia e per questo motivo circola poco tra i nomi di azioni da comprare. Per avere un’idea chiara del modello di business, lo si può considerare un equivalente statunitense di Brico Center o Leroy Merlin. L’azienda vende al dettaglio materiali per l’edilizia, il fai-da-te e il miglioramento della casa.

In periodi di recessione, questo tipo di business in passato si è dimostrato estremamente solido. Le persone continuano ad avere bisogno di queste cose e i retailer in grado di offrire prezzi competitivi possono vedere incrementi del fatturato anche quando il PIL si contrae. Home Depot è un colosso del suo settore, in grado di praticare prezzi molto convenienti proprio grazie alle economie di scala.

Il titolo viene spesso venduto a multipli elevati, ma proprio perché si tratta di un’azione con forte resilienza a qualunque scenario macroeconomico. Lo si paga caro, dunque, ma è altrettanto facile rivendere il titolo a multipli altrettanto alti in un secondo momento. Il dividendo del 2,50% nel momento in cui scriviamo non è nemmeno così basso a ben vedere, e tende a crescere di anno in anno.

17 – Uber

📊 TickerNYSE: UBER
💡 SettoreMobilità e car sharing
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaLyft
Azioni Uber

Uber è nota per essere un’alternativa più conveniente ai taxi tradizionali, quantomeno in Europa. Negli Stati Uniti sopperisce soprattutto alla mancanza di taxi tradizionali, per i quali ci sono troppe poche licenze rispetto alla reale domanda di mercato. In ogni caso, si tratta di una società molto ben posizionata per poter approfittare dei periodi di recessione.

unità di business principali di Uber
Uber non è solo un’alternativa ai taxi, ma un conglomerato di soluzioni per trasporti più veloci e convenienti

Molte persone, durante una crisi, si rendono conto che una macchina di proprietà rappresenta un costo elevato e un modo poco efficiente di gestire gli spostamenti in rapporto alla spesa. Alcuni sono anche costretti a vendere la propria auto per intascare liquidità immediata, per cui diventa poi necessario trovare altri metodi per spostarsi.

Uber offre sia servizi di car pooling che servizi di micromobilità elettrica e non. Grazie a monopattini e biciclette, l’azienda ha aperto le porte a una nuova fonte di ricavi che può beneficiare della necessità dei consumatori di ridurre le spese associate agli spostamenti. Con una capitalizzazione da oltre 55 miliardi di dollari, è anche un’azienda molto consolidata e con un titolo poco volatile rispetto ad altre tech stocks.

18 – Nestlé

📊 TickerSWX: NESN
💡 SettoreAlimentari
🚀 ValutaFranco svizero
🧐 Migliore alternativaP&G
Azioni Nestlè

Nestlé, noto colosso svizzero dei generi alimentari, rappresenta quel tipo di conglomerati aziendali nati nel secolo scorso che sono cresciuti a suon di acquisizioni e marchi specializzati. Alcuni dei brand più noti in mano alla società sono Nescafé, Nespresso, Garnier, Purina e persino Giorgio Armani.

La grande diversificazione del modello di business è il primo motivo per cui Nestlé ha già attraversato tanti periodi di recessione, senza mai compromettere la sua crescita di lungo termine. I suoi marchi godono di un fortissimo riconoscimento presso il pubblico e vedono molto difficilmente calare la domanda, anche nei periodi in cui l’economia soffre un rallentamento.

Altro aspetto interessante di questo titolo è il fatto di essere quotato in Svizzera. Il franco è storicamente stata una valuta molto resistente ai periodi di recessione, anche grazie alla capacità dell’economia svizzera di farsi contagiare poco da ciò che avviene sullo scenario macroeconomico più ampio. Nel caso il titolo fosse troppo poco volatile per i propri gusti, c’è sempre la possibilità di acquistarlo in leva su FP Markets e amplificare le oscillazioni fino a 5 volte pagando commissioni estremamente basse.

19 – Diageo

📊 TickerLON: DGE
💡 SettoreBevande alcoliche
🚀 ValutaSterlina inglese
🧐 Migliore alternativaMartini e Rossi
Azioni Diageo

Diageo è un colosso degli alcolici quotato a Londra. Come per Nestlé e Procter & Gamble, la società non mette sul mercato prodotti a marchio proprio. Ed esattamente come nel caso delle altre due società, nel portafoglio di brand di Diageo rientrano alcuni dei nomi più famosi dell’industria: Tanqueray, Smirnoff e Baileys sono soltanto alcuni esempi.

Purtroppo, un trend economico già notato molte volte in passato è che le vendita di alcol tendono ad aumentare durante i periodi di recessione. Che sia per la disoccupazione o per altre dinamiche, è uno dei problemi sociali riscontrati più spesso in concomitanza di una contrazione dell’economia. Per quanto siano notizie poco felici per la società, si tratta al tempo stesso di un’opportunità per gli investitori.

Il grande vantaggio di Diageo rispetto ai rivali è il portafoglio diversificato di prodotti ed etichette, oltre all’impronta globale che permette all’azienda di mitigare la recessione di alcune aree geografiche con la crescita di altre. Interessante anche il dividendo, già generoso e comunque in crescita, che rende il titolo un ottimo investimento anti-recessione.

20 – Dollar General Corp

📊 TickerNYSE: DG
💡 SettoreNegozi discount
🚀 ValutaDollaro americano
🧐 Migliore alternativaCostco
Azioni Dollar General Corp

Dollar General Corp è una catena che opera negozi discount negli Stati Uniti. A differenza di Target e Costco, questo marchio si distingue dai supermercati per l’offerta di prodotti più ad ampio spettro. Si tratta di veri e propri bazar in cui si può trovare un po’di tutto, dall’abbigliamento fino agli oggetti di casa, con la costante di avere alcuni dei prezzi più bassi disponibili sul mercato.

La logica dietro a un investimento di questo genere in un periodo di recessione è piuttosto intuitiva. I consumatori tendono a risparmiare e scegliere alternative meno costose, indipendentemente dal fatto che abbiano perso il lavoro o meno. Molto spesso è semplicemente il timore per l’economia che causa un adattamento dei consumi.

Dando un’occhiata al grafico del titolo, per altro, appare evidente la sua capacità di continuare a crescere nel corso del tempo e di resistere tanto alle recessioni quanto ai periodi inflattivi. Un investimento a basso rischio, con un allettante ritorno potenziale: comprando il titolo sul top broker eToro, anche in questo caso, si possono evitare del tutto le commissioni sull’eseguito.

Dove comprare azioni in recessione

Scegliere un broker sicuro e conveniente per investire in periodi di recessione è importante quanto investire sui titoli giusti. La redazione di TradingOnline.com® prende molto seriamente questa scelta, ed è per questo che quotidianamente ci impegniamo a verificare quali siano i broker che offrono le migliori condizioni per investire in Borsa. Attualmente questo è l’elenco dei brand favoriti dalla redazione:

ETORO

eToro è il broker di Social & CopyTrading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios & Staking Crypto
  • Azioni Reali (estere) + ETfs a 0 commissioni

Inizia ora

67% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • TradingView + MetaTrader4
  • App educativa gratuita
  • Trading con algoritmi [New]

Inizia ora

81,40% of retail CFD accounts lose money.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

48% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,90% of retail CFD accounts lose money.

Chiaramente tutti i broker presenti nell’elenco sono autorizzati da Consob e operano in Europa con apposita licenza ottenuta in una delle nazioni dello SEE. La sicurezza è un tema imprescindibile, ma teniamo sempre a mente anche elementi come la facilità di utilizzo della piattaforma, la qualità dell’app mobile, i costi di negoziazione e l’assistenza clienti.

Conviene comprare azioni in recessione

Tantissimi investitori commettono l’errore di non investire durante i periodi di recessione, quando quasi sempre questi si rivelano essere i migliori per comprare titoli in sconto. Quando gli investitori perdono fiducia nei mercati azionari, i prezzi si abbassano spesso molto più di quanto cali il reale valore intrinseco delle aziende.

Non solo ci sono dei titoli che possono superare con successo le fasi di contrazione economica, ma ci sono titoli che durante questi periodi hanno prezzi irrisori rispetto al loro potenziale. Anche titoli che vengono effettivamente penalizzati nei numeri di bilancio, vengono penalizzati di più nei prezzi degli scambi in Borsa.

Per fare un esempio concreto, l’indice Nasdaq 100 è sceso del 44,50% durante la recessione del 2008. Da quel momento, però, ha registrato una performance del 1300% durante i 13 anni di boom economico successivi. Questo è il trend generale dei titoli azionari ed è il motivo per cui non si dovrebbe mai perdere la fiducia verso le capacità dei mercati nel lungo termine, anche quando il breve periodo è segnato da una crisi economica.

citazione di Peter Lynch sul tema degli investimenti durante i periodi di correzione dei mercati
Spesso il timore di una recessione in arrivo è più dannoso della recessione stessa, come ricorda la frase del leggendario investitore Peter Lynch

La nostra opinione

La redazione di TradingOnline.com® è composta da investitori che mettono in pratica i loro consigli, non semplicemente da editori. Per questo vorremo aggiungere la nostra opinione sull’atteggiamento da mantenere di fronte ai mercati azionari in periodi di recessione. Questo è l’atteggiamento che riflette anche il portafoglio di TradingOnline.com su eToro, che in periodi di crisi vede tantissimi acquisti su titoli azionari.

Le recessioni sono il meccanismo che permette di scremare gli investitori impazienti dagli investitori pazienti. Quando tutti fuggono dal mercato e accettano prezzi estremamente bassi per i loro asset, si generano le migliori opportunità per investire in sconto. Sono piuttosto i periodi di boom economico quelli in cui è difficile investire in azioni, perché spesso le aziende sono sopravvalutate.

Eccessi di entusiasmo ed eccessi di pessimismo sono una costante sui mercati azionari, nulla che non sia già successo nelle fasi di crescita e in quelle di contrazione dell’economia. La storia ci insegna che comprare azioni nei momenti più bui non è stato solo un buon investimento sul lungo termine, ma uno dei migliori che si possano fare in assoluto.

Chiaramente bisogna sempre considerare che ogni investitore ha un suo profilo di rischio e che non è possibile generalizzare troppo gli atteggiamenti che un investitore dovrebbe avere in periodi di recessione. Chi cerca rendite sicure e investimenti che nel breve termine non siano eccessivamente volatili, indubbiamente, dovrebbe pensare due volte prima di sbilanciare troppo il proprio portafoglio sulle stocks durante le recessioni.

Considerazioni finali

Si tende a generalizzare eccessivamente quando si discute il comportamento dei mercati azionari in recessione. Nel concreto, ogni azienda ha un suo modello di business e uno schema di fornitori e clienti che contiene tantissime variabili. Ci sono società fortemente cicliche che risentono molto del ciclo economico, società neutrali di fronte a questo tipo di dati e infine società che prosperano nelle recessioni.

Soprattutto quando si ha a che fare con periodi atipici per l’economia, è importante valutare bene i fondamentali di ogni azienda. Dal settore fino ai prezzi delle materie prime di cui l’impresa ha bisogno, ci sono tanti fattori che possono impattare il valore intrinseco di una stock nei periodi di crisi. Detto questo, indubbiamente i periodi di contrazione sono un’opportunità importante per gli investitori orientati al lungo termine.

FAQ: Domande e risposte frequenti sulle azioni anti-recessione

Quali settori del mercato azionario resistono alle recessioni?

Tipicamente le società associate a beni rifugio, beni di prima necessità, farmaci, servizi pubblici e prodotti low cost tendono a performare molto bene nei periodi di recessione.

Perché comprare azioni durante una recessione?

Molto spesso gli investitori hanno reazioni eccessivamente pessimiste di fronte ai periodi di recessioni, vendendo i titoli al punto da portare il prezzo di molti di questi ben al di sotto del loro reale valore intrinseco.

Quali sono i broker migliori per comprare azioni in recessione?

I broker più sicuri e convenienti per comprare azioni, in questo momento, sono eToro, Capital.com e FP Markets. Il primo permette di investire su azioni reali -anche frazionali-, mentre gli altri due offrono CFD sui titoli azionari.

Dove conviene investire in recessione?

I titoli azionari sono solitamente lo strumento ideale da comprare in una fase di recessione, approfittando dei prezzi solitamente scontati dovuti al pessimismo degli investitori.

Quali azioni crescono nei periodi di inflazione?

Le azioni legate a prodotti e servizi low-cost, oltre a tutto il mondo dei metalli preziosi (oro, argento e platino) tendono a performare meglio durante le recessioni che nei periodi di crescita economica.

Quali azioni bisogna evitare nei periodi di recessione?

Solitamente le banche sono società pericolose su cui investire durante una recessione. C’è sempre il rischio che la quantità di crediti in sofferenza e la sfiducia dei clienti possano causare un run on the banks, portando anche gli istituti di credito più solidi verso una crisi di liquidità.

Quanto dura in media una recessione?

Secondo un’indagine del National Bureau of Economic Research degli Stati Uniti, tra il 1945 e il 2020 la durata media di una recessione è stata di 10 mesi.

Il voto di ©TradingOnline.com


⭐⭐⭐⭐⭐

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *