Pubblicato il

Azioni Unicredit

Azioni

Unicredit è tra i primi gruppi bancari in Italia e in Europa. Offre, tramite una capillare rete di sportelli, servizi bancari sia per privati che per aziende, operando anche come banca d’affari e di gestione per capitali altrui.

Chi vuole posizionarsi sul mercato bancario italiano può essere interessato all’acquisto di azioni Unicredit, anche se dovrà fare, come sempre, le giuste analisi prima di prendere posizione sul mercato. Con il settore bancario italiano in forte crisi ormai dal 2009, puntare sulle azioni Unicredit può essere una scommessa che non tutti sono disposti a fare.

Guida completa alle azioni Unicredit - a cura di ©TradingOnline.com
UNICREDIT: la nostra analisi tecnico-finanziaria completa e guida alla compravendita. Conviene comprare azioni Unicredit UCG oggi? Guida a cura di ©TradingOnline.com.

Ci sono diversi tipi di intermediari che ci offrono accesso, a condizioni vantaggiose, a questo titolo. Sarà nostra premura individuare, insieme ai nostri lettori, il miglior modo di procedere per investire su Unicredit, alle migliori condizioni e con i migliori strumenti possibili. Per un gruppo bancario che, complice un avvicendamento ai piani alti, potrebbe avere le carte in regola per ripartire.

Azioni Unicredit – Principali caratteristiche introduttive:

📱ISIN & Sigla:IT0005239360 : UCG
🏦Dov’è quotata UCG:Borsa di Milano
💰Capitalizzazione:20 Miliardi di Euro Circa
⚡Come comprare azioni UCG:Trading in CFD / Azioni Pure / In banca e Posta
👍Conviene comprare oggi:Incertezza sul breve periodo, ok sul lungo periodo
📈Target price medio UCG:10€
Broker consigliati:eToro / Capital.com
Tabella introduttiva Azioni Unicredit – principali caratteristiche tecniche

👍Conviene acquistare azioni Unicredit oggi?

Il periodo per l’intero settore bancario italiano ed europeo è molto complesso. Target price, analisi tecniche di breve periodo e analisi fondamentali restituiscono risultati in conflitto tra loro. Muoversi all’interno di questo settore e nello specifico anche sulle azioni Unicredit può essere complesso, soprattutto per chi non ha grande esperienza del settore bancario e degli investimenti in azioni. È stato questo il motivo che ha spinto la redazione di TradingOnline.com a realizzare questo speciale, con l’obiettivo di fare da bussola in uno dei comparti più complessi del settore azionario mondiale.

La convenienza di Unicredit oggi è da valutare attentamente
  • Unicredit è una banca completa

Questo è il punto di partenza per muoversi nelle indagini. Unicredit è sia banca retail, ovvero che offre servizi di conto corrente, prestito e investimento ai privati, sia banca d’affari, che investe in partecipazioni e che gestisce patrimoni anche di tipo istituzionale. Quando facciamo analisi sul gruppo, dobbiamo partire da questa sua ubiquità nel settore economico.

  • Banca Internazionale

Unicredit è legata all’Italia, ma non è questo l’unico paese in cui opera: è presente oggi in 18 paesi con controllate o direttamente con sue filiali. È uno dei gruppi maggiormente estesi in ambito europeo per quantità di capitale gestito. Anche se la capitalizzazione potrebbe dire il contrario, Unicredit è a tutti gli effetti un grandissimo gruppo e come tale andrebbe considerato.

  • L’arrivo di un nuovo CEO

Orcel è il nuovo Amministratore Delegato di Unicredit – o se preferiamo le locuzioni straniere – il nuovo CEO. Ha davanti compiti molto gravosi, ma anche l’onore di guidare un gruppo bancario che presto (lo vedremo tra pochissimo), potrebbe iniziare a fare shopping nel capitalismo italiano che conta. Nel mirino, lo anticipiamo già da qui, MedioBanca. Anche se in realtà le rivoluzioni targate Orcel potrebbero essere diverse. A partire da quella digitalizzazione del gruppo che ormai non è più rimandabile.

mediobanca unicredit
Tra le mire di Unicredit oggi ci sarebbe MedioBanca
  • Shopping in Italia?

È ormai qualche mese che si rincorrono le voci su acquisizioni di UniCredit ai danni di altri importanti gruppi italiani. Mancano ancora le conferme, ma il gruppo sembrerebbe essere fortemente interessato ad un ingresso in MedioBanca dalla porta principale, nonostante si sia liberato delle azioni del gruppo soltanto 2 anni fa. Sarebbe una notizia molto importante per l’intero settore bancario. – e ancora di più per Unicredit, che diventerebbe così il punto di riferimento per tutto il firmamento bancario italiano.

  • Gruppo da ristrutturare

Quantomeno per la presenza sul territorio, per l’accesso ai servizi digitali e, cosa forse più importante, anche per quanto riguarda i servizi assicurativi. Come vedremo nella sezione specificatamente dedicata all’analisi fondamentale, l’arrivo del nuovo CEO coincide proprio con importantissimi obiettivi di ristrutturazione. Saranno quelli decisivi per permettere a Unicredit di prendere il largo? Ci saranno altre valutazioni da fare. Per il momento l’arrivo di un nuovo CEO ha infuso quell’entusiasmo che per il gruppo mancava da tempo.

  • Previsioni di breve molto incerte

Le previsioni di breve sono molto incerte, così come lo sono, a conti fatti, anche quelle di lungo periodo. Dovremo pertanto muoverci con massiccerò cautela quando si parla di questo gruppo – e del settore bancario italiano in generale. Perché i rischi ci sono, la volatilità anche e stiamo assistendo ad una guerra di posizionamento che potrebbe lasciare qualcuno indietro. Dubitiamo che quel qualcuno sia Unicredit, ma si dovrà comunque valutare con estrema attenzione la salute del gruppo nel tempo.

🏦Dove comprare azioni Unicredit UCG

ETORO

eToro è il broker di Social Trading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios
  • Azioni a 0 commissioni

Inizia ora

67% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • TradingView + MetaTrader4
  • App educativa gratuita
  • Trading con algoritmi [New]

Inizia ora

75% of retail CFD accounts lose money.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

48% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,90% of retail CFD accounts lose money.

Abbiamo diversi canali se oggi vogliamo acquistare le azioni Unicredit. Possiamo rivolgerci infatti alle banche, che propongono accesso al mercato italiano sempre o quasi, o in alternativa puntare su soluzioni più specifiche, come quelle offerte dai broker in CFD e in DMA. Sono soluzioni diverse, che potranno incontrare il favore di diverse categorie di investitori e che pertanto inizieremo ad analizzare già dalle primissime battute della nostra guida le differenze, i vantaggi e gli svantaggi dei diversi sistemi.

  • Comprare Azioni Unicredit con broker trading online CFD

I broker per il trading online in CFD offrono Contratti per Differenza, ovvero titoli derivati che rappresentano l’andamento del titolo in rapporto 1:1. Sono un titolo di intermediazione, che non ci consente di avere in cassa l’azione effettiva. Perché ricorrere ad un sistema del genere? Perché in realtà può offrirci diversi servizi aggiuntivi, che altrimenti non potremmo utilizzare.

Ci sono diversi broker che possono offrire, tramite CFD, le azioni del gruppo UCG:

  1. eToro – Visita la piattaforma
  2. Capital.com – Visita la piattaforma
  3. Trade.com – Visita la piattaforma

In primo luogo con i CFD abbiamo a disposizione la leva finanziaria, uno strumento che permette di investire al margine e di moltiplicare l’andamento del titolo che abbiamo scelto. Un meccanismo che sicuramente aumenta i rischi, ma anche le possibilità di profitto. Sulle azioni questo tipo di strumento è offerto, secondo le leggi europee, ad un massimo di 1:5 e ci permette la moltiplicazione sia dei profitti che delle eventuali perdite. Può essere utile quando siamo certi o quasi del futuro andamento delle azioni Unicredit, ovvero quando siamo in presenza di trend evidentemente chiari.

unicredit cfd - infografica a cura di ©TradingOnline.com
I CFD oggi sono molto convenienti per chi vuole puntare anche su azioni italiane come Unicredit

L’altro strumento esclusivo che ci viene messo a disposizione dai contratti per differenza è la vendita allo scoperto, che ci permette di investire puntando sul ribasso del titolo sottostante – in questo caso delle azioni Unicredit. Questo strumento è un’altra esclusiva vantaggiosa dei contratti per differenza, che non possiamo trovare quando acquistiamo direttamente azioni Unicredit.

I broker CFD sono oggi uno dei canali più utilizzati da parte di chi investe sui mercati, sia in modo professionale che in modo amatoriale, grazie ai servizi che abbiamo già descritto e grazie alla presenza di tantissimi intermediari di qualità.

  • Comprare azioni Unicredit pure

Quando invece andiamo a comprare azioni pure stiamo acquistando direttamente il titolo Unicredit, come facevamo un tempo con le banche. Un’opzione che non presenta vantaggi particolari, se non l’eliminazione di costi overnight, ovvero di commissioni che vengono fatte pagare dai broker CFD su tutti i titoli che vengono mantenuti oltre le 23:00.

Tali commissioni ammontano comunque, soprattutto in un periodo di tassi di interesse bassi come quello che stiamo affrontando, a pochissimi centesimi ogni migliaio di euro che andiamo ad investire. Non dovrebbero essere fonte di eccessiva preoccupazione per chiunque voglia investire sul mercato.

Questi sono i migliori broker che offrono accesso alle azioni in DMA:

  1. eToro – Visita la piattaforma
  2. FP Markets – Visita la piattaforma
  3. Trade.com – Visita la piattaforma

La scelta dell’accesso in DMA al mercato delle azioni italiane e non è una questione di preferenze. Le differenze tra il detenere un contratto CFD che rappresenti un titolo o il titolo stesso sono oggi davvero minime.

  • Comprare azioni Unicredit UCG in banca o tramite Poste

Le azioni Unicredit sono un titolo italiano e pertanto possiamo trovarle facilmente anche tramite banche e Poste – istituzioni che da sempre offrono accesso al mercato azionario italiano, ovvero ai titoli che troviamo quotati a Piazza Affari. Tuttavia questa opzione, purtroppo, è la peggiore sul tavolo. Perché anche se abbiamo davanti istituti dei quali siamo abituati a fidarci, dovremo fare i conti con condizioni di trading e di investimento non sempre convenienti.

La piattaforma per il trading, ovvero il software che viene utilizzato per interfacciarci con il mercato, non è sempre all’avanguardia e pecca di strumenti rispetto a quelli che abbiamo già individuato in questa guida. Mancano in genere strumenti per l’analisi tecnica così come mancano strumenti avanzati per la gestione degli ordini.

Anche l’assortimento di titoli è spesso carente: sono poche le piazze straniere offerte, soprattutto quando non di massima importanza. E anche quando sono proposte, i costi in genere sono molto più alti di quelli che troviamo all’interno delle piattaforme di trading specializzate. Non un grande affare, in soldoni.

L’arrivo di gruppi anche esteri ha contribuito ad una normalizzazione del mercato, con un abbassamento consistente delle commissioni che vengono richieste e anche un miglioramento delle piattaforme offerte. Tra i migliori oggi ad offrire questo tipo di servizio troviamo:

  • FinecoBank
  • Degiro
  • ING
  • Servizio Poste Italiane

Tuttavia, anche per quanto riguarda le azioni Unicredit, siamo davanti a sistemi molto poco convenienti: chi vuole investire somme ridotte si troverà a fare i conti con piani di commissioni fisse, che impattano in modo considerevole soprattutto sugli acquisti di entità ridotta. Ad oggi le opportunità offerte dal mercato sono molto più interessanti quando valutate tramite i servizi offerti dai broker specializzati.

📈Analisi tecnica azioni Unicredit

L’analisi tecnica delle azioni Unicredit può aiutarci ad individuare dei trend di breve periodo, che noi abbiamo fissato ad 1 mese, per investire il rialzo o al ribasso con maggiori chance di profitto. Nell’analisi che offriamo per in nostri lettori andremo ad analizzare tutto quanto viene offerto dalle Nuvole Ichimoku, dagli indicatori e dagli oscillatori dell’analisi tecnica.

  • Nuvole Ichimoku sulle azioni Unicredit

Le Nuvole Ichimoku, che possiamo trovare presso tutti i migliori broker di azioni che abbiamo segnalato nel corso di questa guida, sono uno strumento di analisi tecnica molto interessante: oltre a combinare diversi tipi di oscillatori e indicatori, offrono anche uno spaccato immediatamente visibile dell’andamento di un titolo.

Unicredit Ichimoku
Le nuvole Ichimoku su Unicredit

Le nuvole Ichimoku indicano un chiaro trend rialzista di breve periodo, anche se di intensità piuttosto moderata. Tuttavia, se dovessimo fermarci qui con l’analisi tecnica, questo sarebbe un chiaro segnale di trend rialzista, che dovrebbe spingerci almeno sul breve periodo all’acquisto di questo titolo.

  • Pivot, supporti e resistenze sulle azioni Unicredit

Anche i Pivot, i Supporti e le Resistenze possono essere utili per comprendere il trend atteso dal mercato su Unicredit. In corrispondenza di un punto di resistenza, si ritiene che potrebbe esserci un’inversione di trend positivo. Nel caso invece dei supporti, siamo davanti ad un punto che dovrebbe invertire un trend negativo.

 CLASSICOFIBONACCICAMARILLA
S30,9375,330
S20,9374,1506,100
S14,296,146,87
P9,39,39,3
R112,7212,588,42
R217,7914,579,19
R326,2217,799,96
Pivot, resistenze e supporti per le azioni Unicredit

Per quanto riguarda supporti e resistenze, siamo davanti ad una grandissima varietà per quanto riguarda i prezzi indicati dai tre diversi metodi, ovvero appunto una forbice ampia che denota una relativa incertezza anche per quanto riguarda il futuro di breve periodo.

  • Indicatori e oscillatori sulle azioni Unicredit

Il secondo gruppo di strumenti che può esserci di aiuto per capire l’andamento di breve per il titolo Unicredit sono le medie mobili. Anche in questo caso le abbiamo impostate ad 1 mese e offriremo tutti i valori più rilevante. In aggiunta, in forma sintetica, riporteremo anche gli oscillatori più importanti. Le indicazioni sono, come sempre accade per questo tipo specifico di strumenti, divise tra tieni, compra e vendi.

STRUMENTOFORECAST
RSITieni 🖐️
StocasticoTieni 🖐️
CCITieni 🖐️
MomentumCompra 📈
MACDCompra 📈
Media Mobile Esponenziale (5)Compra 📈
Media mobile semplice (5)Compra 📈
Media Mobile Esponenziale (10)Vendi 📉
Media mobile semplice (10)Compra 📈
Altre medie mobiliVendi 📉
Le previsioni con i principali indicatori e oscillatori dell’analisi tecnica sulle azioni Unicredit.

Le previsioni non sono chiare: c’è incertezza sul breve periodo, anche se il trend sembrerebbe essere comunque moderatamente rialzista. Questo andrà comunque verificato anche in relazione a quanto offriremo anche nella nostra analisi fondamentale.

⚡Come comprare azioni Unicredit

I canali che oggi abbiamo a disposizione per comprare azioni Unicredit sono diversi. Possiamo scegliere, come abbiamo visto, tra diversi operatori per il trading online, oppure ricorrere a chi offre circuiti più classici, come banca e poste.

In questa sezione della guida ci occuperemo proprio di capire quale di questi canali possono essere i più consoni per le nostre operazioni, facendo anche due ordini di prova, utili per chi non ha mai acquistato azioni (o contratti su azioni).

Investire in azioni Unicredit Online

Acquistare azioni Unicredit oggi è davvero alla portata di tutti. Anche chi non ha mai fatto esperienza di alcun tipo su questo tipo di mercati può, in pochi secondi, andare ad investire su queste azioni (e su tutti gli altri titoli che vengono offerti dai migliori intermediari). Per dimostrare quanto abbiamo appena affermato, procederemo in questa sezione con due diversi ordini di prova, sfruttando quanto viene offerto da broker quali eToro (che offre azioni senza commissioni aggiuntive) e Capital.com. Non avremo bisogno di spendere neanche 1 euro per arrivare a questa conclusione. Ci basterà infatti utilizzare i conti demo che entrambi i broker appena citati ci mettono a disposizione.

  • Acquistare azioni Unicredit tramite eToro

eToro offre oltre 2.300 titoli sul mercato ed ha una buona copertura anche per quanto riguarda i titoli che sono quotati a Piazza Affari. Con il suo conto dimostrativo gratuito potremo fare degli ordini di prova, senza costi e senza commissioni, per capire da un lato come funziona la piattaforma e dall’altro per comprendere se l’acquisto di azioni Unicredit sia quanto possa fare al caso nostro.

APRIRE IL CONTO DEMO: il primo passo deve essere quello dell’apertura del conto demo. Seguiamo il link e riempiamo il modulo che ci viene proposto. Preoccupiamoci di inserire dati veritieri: attraverso la casella e-mail riceveremo infatti la mail di attivazione del conto demo. E gli altri dati saranno comunque verificati in una seconda fase.

Una volta che avremo inserito tutti i dati di nostra pertinenza, potremo procedere cliccando su Crea Conto. In pochi secondi dovremmo ricevere una mail di conferma con un link di attivazione. Seguiamolo per avere accesso alla piattaforma del broker, tramite la quale potremo comprare CFD sulle azioni Unicredit.

LA PIATTAFORMA: seguendo il link di attivazione ci troveremo istantaneamente sulla piattaforma di trading di eToro. Non serve installare nulla, perché è perfettamente funzionale via web. Andiamo sulla colonna di sinistra e clicchiamo Mercati. Successivamente scegliamo Azioni e poi Scambi. Scegliamo Milano e scorriamo il listino fino a trovare UCG, che è il ticker con il quale è conosciuta Unicredit sui mercati azionari. Clicchiamo su ACQUISTA o su B per procedere con la schermata di ordine.

eToro unicredit - infografica a cura di ©TradingOnline.com
L’ordine su eToro per le azioni Unicredit è relativamente semplice

FARE UN ORDINE CON ETORO: anche la schermata di ordine tiene fede alla filosofia di questo broker. Ovvero semplicità senza però ridurre le funzionalità disponibili. Potremo infatti inserire all’interno di questa schermata di ordine la quantità di denaro che desideriamo investire, nonché stabilire la leva finanziaria, e anche i Take profit e gli Stop Loss. Quando tutti i dettagli del nostro ordine saranno pronti, potremo procedere con l’ordine, cliccando su Apri Posizione. In meno di 5 minuti complessivi abbiamo piazzato il nostro primo ordine di acquisto sulle azioni Unicredit.

  • Comprare CFD su azioni Unicredit con Capital.com

Abbiamo anche un’altra alternativa per comprare le azioni Unicredit tramite CFD. Possiamo infatti rivolgerci al conto demo gratuito di Capital.com, che ci permette di andare ad investire nel complesso su oltre 3.000 titoli, anche in questo caso con un’invidiabile copertura del mercato italiano. Anche in questo caso non ci servirà versare neanche 1 euro. Ci basterà infatti andare ad investire con il capitale virtuale che ci viene messo a libera disposizione.

APRIRE IL CONTO DEMO: questa procedura è, se vogliamo, ancora più semplice con Capital.com. Possiamo infatti andare ad aprire il conto seguendo il link e inserendo un indirizzo di posta elettronica valido e una password che avremo scelto al momento. Saremo, senza mail di attivazione, catapultati subito all’interno della piattaforma di Capital.com.

LA PIATTAFORMA: anche in questo caso, nonostante il gran numero di titoli che abbiamo a disposizione tramite questo broker, non sarà affatto difficile trovare le azioni che ci interessano maggiormente. Potremo infatti partire alla ricerca sia tramite la barra, inserendo Unicredit, oppure tramite i listini presenti sulla sinistra, raggiungendo prima Azioni, poi Italia per accedere al listino definitivo. Clicchiamo su Compra per accedere, sulla destra, alla schermata di ordine.

ORDINE SU CAPITAL.COM: anche l’ordine su Capital.com è semplice. Come vediamo nell’infografica allegata, qui dovremo stabilire quante azioni vorremo comprare. Potremo anche impostare dei limiti al di sopra o al di sotto dei quali il nostro ordine verrà chiuso automaticamente. Non abbiamo la selezione della leva finanziaria, perché su Capital.com è impostata automaticamente al massimo di 1:5. Per modificarla, potremo andare su Impostazioni e poi selezionare la leva applicata alle generalità delle azioni.

Unicredit Capital - infografica a cura di ©TradingOnline.com
Anche su Capital.com non dovremo fare molta fatica per chiudere il nostro ordine

Anche in questo caso avremo chiuso il nostro ordine nel giro di pochissimi minuti e troveremo nel portafoglio le azioni (o meglio i contratti su Unicredit) che avremo acquistato. Da qui potremo decidere di chiudere il nostro ordine oppure di modificare i limiti impostati.

Acquistare azioni Unicredit in Banca e Posta

Con azioni che sono quotate a Piazza Affari come nel caso di Unicredit, possiamo anche andare a scegliere i canali bancari o postali per comprarne i relativi titoli. Tuttavia, come abbiamo già detto nella fase di apertura del nostro approfondimento, siamo davanti ad un canale che è molto poco conveniente per diversi motivi.

I piccoli spendono di più: a meno di non fare un investimento molto corposo, le commissioni fisse offerte dalle banche e da Poste incidono molto di più sul capitale che abbiamo investito. In virtù di ciò, il nostro investimento su Unicredit diventerà molto meno conveniente.

Le piattaforme sono meno semplici da usare: come abbiamo visto nei due ordini di prova, con i broker specializzati è molto semplice aprire e chiudere ordini. Con le piattaforme offerte dalle banche e dalle poste abbiamo in genere un maggior numero di ostacoli, soprattutto se non siamo ancora esperti del funzionamento del mercato.

Più difficile muoversi sugli altri mercati: tutti i broker che abbiamo presentato in questo approfondimento sulle azioni Unicredit hanno il pregio i offrire tutti i mercati a condizioni identiche. Nel caso delle banche e delle Poste invece i titoli stranieri finiscono per essere molto più costosi. Questo limita le opportunità di investimento e rende più difficile posizionarsi correttamente sul mercato.

🤔Dove conviene investire in Unicredit? Confronto piattaforme

Abbiamo realizzato anche un prospetto che ci aiuterà a capire come muoverci all’interno dei diversi canali che offrono le azioni Unicredit, con una tabella comparativa completa che rende immediatamente evidenti le differenze tra i diversi sistemi.

CaratteristicheBroker CFDBroker DMABanca e Posta
Commissioni:Spread variabili e 0 commissioni fisseSpread fissi + variabili (con eToro zero commissioni)Commissioni di transazione e sul totale investito
Investimento minimo:1 azione50 USDVariabile (almeno 1.000 euro)
Analisi tecnica:DisponibileDisponibileDisponibile sulle piattaforme trading professionali
Investire al ribasso:DisponibileNon disponibileNon Disponibile
Conto demo:DisponibileDisponibileNon Disponibile
Formazione:DisponibileDisponibileDisponibile su FinecoBank
Script intelligenti:Sono disponibili EA su Metatrader.Non disponibileNon disponibile
Leva finanziaria:Fino a 1:5Non DisponibileNon Disponibile
Approfondimenti:Migliori broker CFDMigliori broker DMAN.d.
Confronto piattaforme e tipologie di investimento in Unicredit: cosa conviene?

Dovrebbe essere evidente che l’investimento tramite broker specializzati, anche per le azioni di Unicredit, è molto più conveniente. Questo ovviamente è rimesso alle sensibilità e alle necessità proprie di ogni risparmiatore o investitore.

📊Previsioni azioni Unicredit UCG 2021/2022

Ci sono diverse considerazioni da fare mentre ci apprestiamo ad occuparci delle previsioni sulle azioni Unicredit, parlando sia in generale di quanto avviene nel suo comparto di riferimento, sia invece in particolare per le attività aziendali.

Senza integrare con un po’ di analisi fondamentale e di analisi delle interazioni sui mercati, diventa pressoché impossibile andare a confermare o meno i target price che circolano sul titolo di Unicredit S.P.A.

  • Difficoltà del comparto post COVID

Il comparto bancario – soprattutto italiano – non se la passava già bene prima della crisi COVID che ha travolto le economie. I tassi di interesse molto bassi non hanno contribuito a migliorare la situazione. Anche Unicredit è molto indietro rispetto ai valori che circolavano prima del Marzo 2020. Il gruppo non ha ancora recuperato.

  • Buone nuove grazie all’arrivo di un nuovo CEO

L’arrivo di un nuovo CEO sembra essere una boccata d’aria fresca per il gruppo. Deciso, dal pugno di ferro, potrebbe effettivamente rivoluzionare il gruppo proprio nei punti in cui è più debole. Le aspettative che il mercato ripone in Orcel sono altissime, ma lui è anche abituato, ed è la storia a parlare, a confermare le aspettative che si hanno su di lui.

  • La ripresa economica sembra lontana

La ripresa economica sembra essere ancora molto lontana, tanto in Italia quanto in Europa, che son pur sempre i territori di riferimento per il gruppo. In un contesto economico del genere diventa molto difficile per una banca come Unicredit migliorare i profitti e ristrutturarsi. Questa rimane la più grande incognita per il gruppo, soprattutto sul medio periodo.

PREVISIONI 2021: le previsioni per il 2021 non sono molto entusiasmanti. Sebbene alcuni analisti americani, nelle ultime settimane, abbiano indicato un rialzo fino a 12€ per il titolo, riteniamo che questo debba essere considerato come un target price alto. Un consenso più ragionevole è intorno ai 10€ per titolo, con quelli maggiormente ribassisti che vanno verso gli 8,50€.

Con il momento straordinariamente convulso che stanno vivendo le borse negli ultimi tempi, riteniamo che queste previsioni siano da considerarsi con uno scarto almeno del 10% verso l’alto o verso il basso. Ad ogni modo, se dovesse essere confermato il Target Price Medio del titolo, ci troveremmo davanti ad un aumento di circa l’8% rispetto ai prezzi attuali.

Previsioni UNicredit 2021
Le previsioni su Unicredit al 2021

PREVISIONI LUNGO PERIODO UNICREDIT: sulle previsioni di lungo e lunghissimo periodo per Unicredit pesano decisamente più incognite. Non riteniamo assurda la ripresa del gruppo, soprattutto se dovesse andare in porto l’ipotesi acquisizione di MedioBanca. Tuttavia, anche con un grande CEO arrivato alla guida del gruppo, non è per nulla facile fare previsioni sul lungo periodo con una buona possibilità di azzeccarci.

Per noi, come per moltissimi analisti, un target price sul lungo di 15€ è più che credibile, ammesso che Unicredit S.P.A. arrivi a superare i suoi problemi – ormai diventati atavici – e a recuperare parte della sua profittabilità. Non sarà facile, soprattutto nel settore retail, dove ormai la concorrenza dei piccoli gruppi presenti su internet si fa sempre più feroce.

  • Oscillatori e indicatori: cosa dicono le previsioni di breve periodo su Unicredit

La situazione, da qui ad 1 mese, è particolarmente piatta. Gli indicatori per il trading segnalano infatti un modesto rialzo, senza che ci siano forti spinte né verso l’alto né verso il basso. Chi cerca profitti e rischi di breve, dovrà guardare necessariamente altrove, alla ricerca di titoli che almeno sulla carta siano più movimentati.

previsioni analisi tecnica Unicredit - a cura di ©TradingOnline.com
Le previsioni offerte dall’analisi tecnica

Azioni Unicredit Target Price

Per comodità di consultazione riportiamo in questa sezione della nostra guida i target price.

I target price hanno una forbice molto stretta sul 2021, il che lascia pensare ad un titolo relativamente stabile, nonostante, come vedremo dall’analisi fondamentale, ci siano diversi progetti a bollire in pentola.

TPMTPATPB
10 €12 €8,5 €
Target price azioni Unicredit – target price UCG Medio, Alto e Basso

🏦Analisi fondamentale Unicredit UCG

Dopo aver affrontato analisti tecnica e previsioni + target price, è il momento dell’analisi fondamentale sulle azioni di Unicredit, cercando di individuare quelli che sono i fattori che potrebbero influenzarne il prezzo nel futuro di lungo periodo.

Analisi concorrenza Unicredit S.P.A.

Unicredit S.P.A. opera in un settore altamente competitivo, seppure con enormi barriere all’ingresso. Esistono diversi gruppi che operano sia negli stessi settori, sia invece sugli stessi territori. Partendo dall’Italia il concorrente più importante del gruppo è sicuramente Banca Intesa San Paolo, che opera gli stessi servizi – anche di tipo assicurativo e di gestione del patrimonio – e che punta da tempo alla supremazia anche in termini di capillarità degli sportelli.

Concorrenza Unicredit - infografica a cura di ©TradingOnline.com
La concorrenza principale per Unicredit

Tra gli altri gruppi importanti che operano sul medesimo territorio non possiamo che includere anche BNP Paribas che controlla in Italia il gruppo Banca Nazionale del Lavoro, nonché il gruppo Credit Agricole che controlla diverse sigle prima legate al credito cooperativo, nonché il gruppo del Banco Popolare, Monte Paschi, e gli altri istituti di credito presenti nel nostro paese.

Sul piano europeo, dove pure Unicredit è presente in diversi paesi, dobbiamo segnalare anche Deutsche Bank. Il gruppo si scontra poi nei paesi dove è maggiormente presente con le realtà locali. Parliamo delle principali banche austriache, della Repubblica Ceca, della Slovacchia, della Turchia, della Bulgaria. Il settore è dunque ricco di competitor, anche se la posizione di Unicredit rimane, anche in ottica europea, una posizione di assoluta rilevanza.

Analisi Bilancio Unicredit S.P.A.

L’analisi dei numeri del bilancio è sempre utile, perché ci permette di capire l’andamento temporale dell’azienda, proprio dai numeri più importanti, ovvero quelli di cassa. La situazione di Unicredit SPA non poteva che essere problematica, in un 2020 che ha fatto soffrire tutto il settore bancario.

VALORE2019Q42020Q32020Q4
TTM REVENUE4,850 B4,354 B4,238 B ⬇️
GROSS OPERATING PROFIT2,325 B1,945 B1,780 B ⬇️
NET OPERATING PROFIT681 M1,204 B-278 M ⬇️
TOTAL ASSET1.004 M1.061 B 1.061 B
DEBT TO EQUITY2.0631.675 2.260 ⬆️
I numeri di bilancio di Unicredit

I dati raccontano, come prevedibile, di grandi difficoltà per il gruppo, che dovrà cercare di recuperare, nel 2021, un anno orribile per tutto il comparto finanziario italiano. L’arrivo di un nuovo CEO potrebbe dare la scossa giusta.

Banca Unicredit: prospettive di crescita

Le prospettive di crescita di Unicredit sono tutte legate al nuovo corso che sarà intrapreso dal nuovo AD Orcel. Ci sono davanti moltissime questioni importanti per il gruppo bancario, che ha perso strada rispetto ad alcuni concorrenti e che sembra avere bisogno di forti sforzi sia sul fronte degli sportelli, sia sul fronte dei servizi integrati.

  • Spunta Generali?

Per il settore banc-assicurativo, Unicredit potrebbe aprire ad una collaborazione con Generali, dato che il contratto con il precedente fornitore si concluderà a breve, ovvero quello con Allianz. Gli analisti guardano con molto ottimismo a questo tipo di possibilità, che dovrà però ancora concretizzarsi. Ricordiamo inoltre che Allianz detiene poco più dell’1% delle azioni del gruppo e che dunque potrebbe dire la sua a riguardo.

Orcel - infografica a cura di ©TradingOnline.com
Orcel è il nuovo CEO / Amministratore Delegato del gruppo
  • Digitalizzazione

Il processo di digitalizzazione delle banche italiane è stato lento e incompiuto. E queste carenze non risparmiano sicuramente neanche il gruppo Unicredit, che potrebbe fare molto di più per tenere correntisti e investitori lontani dagli sportelli bancari. Il nuovo AD Orcel ha già fatto intendere che spingerà molto sul gas di questa possibile evoluzione digitale.

  • Presenza estera

Il gruppo oggi ha superato quella fase fortemente espansionista e pur continuando ad avere partecipazioni, dirette e non, in molti paesi, non sembra essere in grado almeno per ora di allargare la sua presenza. Rimangono molto rilevanti i volumi in Austra, Bulgaria e Turchia, con la presenza negli altri paesi che si va assottigliando. Non è ancora chiaro se nei desiderata del nuovo amministratore delegato ci sia un tentativo di crescita anche al di fuori dell’Italia.

  • Il ridimensionamento delle partecipazioni

Chi segue da vicino le sorti del gruppo si ricorderà che soltanto nel 2019 Unicredit si era liberata delle partecipazioni in MedioBanca e in Fineco, allo scopo principale di far cassa, in seguito a rialzi importanti dei due titoli. Una manovra necessaria per un periodo relativamente complicato per il gruppo.

Oggi, almeno secondo le voci dei principali giornali, Unicredit potrebbe essere addirittura interessata all’acquisizione di una quota di maggioranza di Mediobanca. Dovrebbe venire acquistata con un premium importante per il gruppo rispetto ai prezzi di mercato. Tuttavia si tratterebbe comunque di un asset strategico e fondamentale per il gruppo, che probabilmente ne porterebbe in alto le quotazioni e l’importanza.

  • La ristrutturazione non è ancora finita

È ancora attivo il programma di ridimensionamento delle maestranze e delle filiali, da completarsi entro il 2023. Era stato avviato dal vecchio amministratore delegato Mustier, al fine di tagliare i proverbiali rami secchi della gestione del brand e dei servizi. Sono stati individuate circa 450 filiali da chiudere entro il 2023, con il conseguente licenziamento di circa 5.000 unità. Non è chiaro, almeno per adesso, come questo possa coniugarsi con i piani espansionistici del nuovo amministratore delegato.

Unicredit: i numeri dell’analisi fondamentale

Ci sono altri numeri dell’analisi fondamentale che possono aiutarci a capire com’è messo il gruppo Unicredit e quali sono le potenziali traiettorie future della sua crescita.

EPS-1,31 🔴🔴
BETA1,96 🔴🔴🔴🔴🔴
LIQUIDITA TOTALE182 B 👌👌
Debt/Equity2,26 🔴
I numeri dell’analisi fondamentale di Unicredit

Dai numeri dell’analisi fondamentale emerge il quadro di un’azienda che non è in ottimo stato di salute, con ricavi netti molto poco interessanti (e addirittura negativi) per azione, una liquidità totale sufficiente e un buon rapporto tra debito e asset, almeno in relazione all’andamento dell’ultimo anno.

La Beta denota un gruppo le cui azioni sono state scambiate alla velocità della luce, almeno rispetto ai movimenti medi che siamo abituati a vedere sulla borsa italiana. Tutto questo, come abbiamo già visto, rende il titolo particolarmente rischioso, almeno per chi si aspetta dei brevissimi spostamenti sul breve periodo.

Unicredit Banca: business model

Unicredit è una banca a 360°, che si occupa sia di fornire servizi bancari ai privati, sia di fornirli alle imprese. In aggiunta, gestisce tramite controllate e anche direttamente capitali di terzi, operando anche come banca d’affari. Un istituto dunque completo, che è quintessenziale al capitalismo italiano e che oggi presenta delle caratteristiche comunque interessanti anche in termini di gestione.

  • Settore assicurativo in esterna

I prodotti assicurativi, che pur nel segmento retail hanno oggi una rilevanza enorme sui bilanci delle banche, sono forniti da terzi. Per ora Unicredit è in accordo con Allianz, ma alla scadenza prossima del contratto si vocifera di un subentro di Generali. Non vi è ancora alcun tipo di certezza a riguardo.

  • Retail anche all’estero

Come abbiamo già detto, il gruppo Unicredit è oggi presente in 18 paesi, con presenza rilevante in Austria, dove è il primo gruppo bancario, in Repubblica Ceca, in Turchia, in Germania e in altri paesi dell’Europa Centrale. In tutti questi paesi opera in modalità molto simili a quanto fa in Italia e dunque con offerte di conti, di prodotti assicurativi e di credito.

  • La banca in versione mobile

Il gruppo Unicredit è anche possessore della banca only mobile BuddyBank, che ricalca un po’ il fenomeno delle banche completamente digitali e a basso numero di servizi integrati. Sebbene il settore e il brand abbiano avuto una crescita molto importante negli ultimi anni, siamo comunque davanti ad una parte relativamente irrilevante del business condotto dal gruppo.

  • Banca Old School

Nel senso che, come moltissime banche di grandi dimensioni, è sia banca retail che banca d’affari, con una divisione non sempre netta tra le due divisioni. Ad oggi Unicredit gestisce una quantità di capitali molto importante, che deriva sia dall’enorme numero di conti corrente aperti presso le sue filiali, sia dalla gestione di diversi clienti aziendali e istituzionali. Possiamo dire che non ci sono dei servizi bancari che non vengono offerti da Unicredit.

Unicredit: Management

Per quanto riguarda il management, proprio nel momento in cui vi scriviamo è in corso l’avvicendamento alla guida del gruppo tra Munster, dimissionario, e Orcel. L’arrivo del nuovo Amministratore Delegato, votato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione, ex di UBS e di Merril Lynch. Definito il Cristiano Ronaldo del settore bancario, è conosciuto per uno stile di management molto duro e orientato ai risultati. Le borse hanno apprezzato la nomina di Orcel a dirigente di massimo rango del gruppo.

💰Valore azioni Unicredit: Grafico con quotazione aggiornata in tempo reale

Il grafico con quotazione aggiornata in tempo reale di Unicredit ci aiuta a studiare l’andamento storico del prezzo del titolo, raffigurandolo nella modalità più semplice possibile per un’immediata analisi grafica. Come sempre però è bene ricordare a chi ci legge che le indicazioni di prezzo passate non possono essere considerate come valide anche per i prezzi futuri.

[CODICE AZIONI UNICREDIT CON QUOTAZIONE PREZZO AGGIORNATO IN TEMPO REALE]

Rimane importantissimo analizzare l’andamento del titolo facendo ricorso agli strumenti dell’analisi tecnica, per chi vuole individuare a partire dal grafico i possibili trend di breve periodo. Neanche i migliori specialisti sono in grado di analizzare un trend semplicemente guardando il grafico, per quanto importanti siano le informazioni che ci offre sul passato di Unicredit.

Andamento azioni Unicredit UCG

L’andamento delle azioni Unicredit ricalca grandemente quello dell’intero comparto bancario italiano. La crisi COVID 19 ha colpito molto duro il settore, con perdite che hanno superato, sul breve, anche il 30%.

Azioni unicredit andamento - infografica a cura di ©TradingOnline.com
L’andamento per l’ultimo anno delle azioni Unicredit

Il settore ha poi avuto una leggera ripresa, seppure in misura inferiore rispetto alle controparti europee e americane, complice un quadro nazionale, sia pubblico che privato, in Italia molto più complesso. Chi aveva investito soltanto 1 anno e qualche mese fa in Unicredit deve ancora recuperare delle perdite importanti. Recupero che potrà esserci se e soltanto se dovessero confermarsi per il 2021 i target più alti.

🔑Azioni Unicredit S.P.A.: approfondimenti e consigli utili

Ci sono altri approfondimenti e consigli che possiamo valutare per completare il quadro su Unicredit, parlando sia della collocazione all’interno del nostro portafoglio, sia invece dei rischi coinvolti con questo tipo di titolo. Informazioni e consigli aggiuntivi che ci possono fornire uno spaccato ancora più dettagliato per chi investe in Unicredit S.P.A. o ha intenzione di farlo.

Quanto investire in azioni Unicredit?

Nei nostri approfondimenti sulle migliori azioni da comprare abbiamo imparato a costruire un portafoglio e a tenere sempre a mente la diversificazione necessaria per evitare rischi. Questi discorsi, queste strategie e queste tecniche valgono anche per Unicredit, che pur essendo un gruppo molto solido, deve essere comunque inserito in un contesto equilibrato in termini di portafoglio.

  • Anche per il comparto bancario, mai superare il 15%

Come regola generale su TradingOnline.com fissiamo sempre il massimo di un comparto, in termini di esposizione di portafoglio, intorno al 20%. Per il settore bancario, sottolineati tutti i rischi del settore (soprattutto in Italia), ci sentiamo di ridurre questa percentuale a circa il 15%. Questo vale anche nel caso di Unicredit, che pur essendo gruppo molto solido, non dovrà avere un peso specifico troppo alto.

  • Bilanciare anche con titoli del settore bancario estero

Consigliamo inoltre, sempre all’interno del comparto bancario, di tenere in considerazione anche i titoli di compagnie che operano in altri paesi, possibilmente negli USA. Sul nostro sito si trovano molte guide approfondite anche su altri titoli del settore attivi negli Stati Uniti. C’è solo l’imbarazzo della scelta a riguardo.

  • Diversificare con titoli in correlazione inversa

L’andamento del settore bancario è legato anche al livello di attività economica, coinvolgendo però anche le performance dei titoli di stato e il tasso di interesse generale fissato dalle banche centrali. Nella composizione del nostro portafoglio dovremo tenere conto di queste grandezze che troviamo scandagliate anche dal calendario economico e che possono davvero fare la differenza per l’intero comparto. Chi vuole proteggersi, facendo hedging sui titoli del settore bancario, dovrà scegliere titoli in correlazione inversa.

Rischi Unicredit - infografica a cura di ©TradingOnline.com
Unicredit presenta dei rischi, che possiamo affrontare però in modo intelligente

Azioni Unicredit UCG Lotto Minimo

Uno dei grandi vantaggi che abbiamo quando scegliamo di operare tramite i CFD è che i lotti minimi sono davvero ridotti. E questo vale anche quando scegliamo dei prodotti in accesso diretto, sempre però facendo riferimento ai broker specializzati in azioni.

Nel caso delle azioni Unicredit, che hanno comunque un costo contenuto, il minimo di investimento con broker come Capital.com è di una singola azione. Tenendo conto del fatto che possiamo investire anche aprendo un conto con soli 20 euro, vuol dire che poteremo partire con un investimento davvero accessibile a tutti.

Per quanto riguarda invece eToro, siamo davanti ad un broker che offre come minimo di investimento sui titoli azionari 50 euro, quando si tratta di titoli quotati nella nostra valuta. Anche qui la quantità di denaro per iniziare ad investire su Unicredit è davvero minima e accessibile per tutti, anche per i piccolissimi risparmiatori.

Investire in azioni Unicredit è rischioso?

I titoli azionari sono sempre rischiosi e questo è il caso anche delle azioni Unicredit, che pure per anni sono state considerate degli autentici titoli da cassettisti. Tutti gli investimenti di tipo finanziario incorporano una certa quantità di rischio, che non va ignorata, ma tenuta in debita considerazione quando strutturiamo il nostro investimento.

  • Il comparto bancario ha dimostrato di essere rischioso

Soprattutto in una fase di ristrutturazione importante del comparto, come sta avvenendo in Italia, con diverse fusioni prima programmate e poi annullate e con la necessità per il settore di concentrarsi. Si preannunciano dei periodi di altissima volatilità nel comparto, con delle Beta che potrebbero diventare anche nel giro di poche settimane completamente fuori fase rispetto a quello che siamo abituati a vedere sulla borsa italiana.

  • Il rischio dell’economia

Quando stiamo investendo in un titolo bancario come Unicredit, stiamo in realtà puntando anche sulla tenuta del sistema economico che rappresenta e dunque nello specifico del sistema economico italiano. Questo rende la scommessa, se vogliamo, ancora più rischiosa. Ne è dimostrazione d’altronde l’ampia forbice che abbiamo incontrato anche per i target price del gruppo Unicredit, che denotano alta incertezza anche tra gli analisti.

  • Il rischio si può controllare

Come abbiamo visto poco sopra, in realtà il rischio può essere contenuto. Basta muoversi con le giuste strategie e inserire in portafoglio titoli di diversi comparti, così da spalmare i rischi di settore su diversi tipi di strumenti. Questo è un passaggio fondamentale per ridurre il rischio di qualunque titolo e non solo per le azioni di Unicredit S.P.A.

👍Azioni Unicredit: Opinioni e recensioni reali

Prima di chiudere raccogliamo anche opinioni e recensioni, terze e della nostra redazione, sulle azioni Unicredit. In aggiunta, indicheremo anche i migliori forum dove possiamo condividere le nostre analisi – o leggere quelle altrui. Dopotutto Unicredit è e rimarrà uno dei titoli più importanti della borsa italiana e dunque discusso anche nelle piazze digitali straniere.

Azioni Unicredit Migliori Forum

Ci sono diversi forum che possono essere utili per chi vuole rimanere aggiornato sulle azioni Unicredit e iniziare magari anche a scambiarsi opinioni e strategie su questo specifico titolo. Essendo un titolo che è quotato alla borsa italiana, i forum da preferire saranno quelli del nostro paese che si occupano prevalentemente o anche in modo accessorio di azioni.

  • FinanzaOnline

È il forum italiano per eccellenza quando si parla di investimenti finanziari. Nello specifico è anche uno dei più attivi quando abbiamo interesse ad informarci su quanto avviene sulla borsa italiana. Per noi uno dei forum più importanti da seguire anche per le azioni Unicredit.

  • Borse.it

È da sempre uno dei più istituzionali tra i forum che parlano di finanza in Italia. E dato che in questo approfondimento ci stiamo per l’appunto dedicando ad uno dei principali titoli della borsa italiana, è uno dei forum da seguire. Qui l’ambiente è sicuramente più ingessato rispetto a quello che troviamo su altri forum, ma ne vale comunque la pena.

  • FinanzaOnline

Altro importantissimo forum che ci permetterà di scambiare informazioni e di seguire thread sulle azioni Unicredit. Anche qui gli iscritti, soprattutto tra i trader indipendenti, sono tantissimi. Le azioni dei gruppi bancari italiani sono da sempre tra le più discusse: un ottimo punto di partenza per chi sta per investire o ha già investito in azioni Unicredit.

  • Investing.com

Sì, è un sito che principalmente utilizziamo per le quotazioni, ma questo non vuol dire che non sia utile anche per altro. La sezione Chat e Forum è utilissima per chi investe o per chi vuole più informazioni prima di iniziare a farlo. Un altro dei siti e dei forum da consultare spesso quando il nostro interesse è per le azioni Unicredit.

  • Reddit /r/investing

Anche se le azioni italiane sono poca cosa, almeno rispetto a quelle statunitensi, Reddit può essere comunque un buon forum da consultare per chi vuole saperne di più sul mondo degli investimenti su Unicredit. Qui la dicussion eè rigorosamente in inglese, anche se mediamente di ottima qualità. Da seguire soprattutto se gestiamo anche dei portafogli relativamente articolati e che contengono azioni anche americane.

Investire in azioni Unicredit: la nostra opinione

Investire all’interno del settore bancario oggi è un’operazione relativamente complicata, soprattutto quando sul tavolo mettiamo il settore del nostro Paese, che come è noto è afflitto da una cronica sotto-capitalizzazione e da un mai avvenuto recupero dalla crisi del 2009. Dall’altro canto però, soprattutto chi è alla ricerca di un buon titolo del comparto e non vuole scegliere i soliti gruppi americani, potrebbe trovare in Unicredit una buona base di appoggio.

Abbiamo visto nella nostra guida come i fondamentali di Unicredit siano in realtà molto solidi e con l’arrivo di un nuovo AD, proiettato verso una crescita importante del gruppo, le cose potrebbero mettersi anche molto bene per il futuro.

Unicredit rimane un gruppo di fondamentale importanza per tutto il capitalismo italiano e pertanto dovrebbe essere sempre tenuto in considerazione quando siamo alla ricerca di buoni titoli azionari bancari. Soprattutto se il gruppo, come si vocifera ormai da tempo, avrebbe delle mire non troppo nascoste verso MedioBanca, la vera cassaforte del capitalismo di relazione italiano.

Investire in questo tipo di titoli comporta comunque sempre dei rischi, che nel nostro approfondimento abbiamo imparato a valutare e riconoscere. Se comunque bancario sarà, ovvero se il nostro portafoglio dovesse avere bisogno di esporsi verso questo settore, anche a scopo di diversificazione, Unicredit rimane uno dei più importanti a livello nazionale ed europeo.

Considerazioni finali

Le azioni Unicredit sono tra le più importanti della borsa italiana, una borsa che oggi è relativamente ridotta per quanto riguarda la capitalizzazione e l’importanza sugli scenari internazionali. Tuttavia i presupposti per Unicredit, come abbiamo visto sia in termini di analisi tecnica che di analisi fondamentale, sono più che interessanti.

Oggi puntare su Unicredit può essere una strategia giusta, soprattutto per quei trader e quegli investitori che possono correre qualche rischio e che puntano sulla riuscita delle grandi manovre che il gruppo sta organizzando.

Non possiamo ancora sapere quanto verrà realizzato dal gruppo, con così tanti progetti che al momento bollono in pentola anche in virtù dell’arrivo di un nuovo amministratore delegato. Come scenario di contorno abbiamo il settore bancario italiano, un comparto che ormai da tempo è in relativa sofferenza, sottocapitalizzato e almeno sulla carta incapace di competere con i grandi gruppi internazionali.

Una situazione che potrà cambiare sul breve? Difficile. Ma è altrettanto vero che fare shopping, in un mercato così depresso, potrebbe essere facile per banche con un’ottima liquidità come Unicredit.

FAQ azioni Unicredit: domande e risposte frequenti

Conviene investire sulle azioni Unicredit?

Gli indicatori tecnici prevedono un trend con rialzo minimo senza eccessivi scossoni, almeno da qui ad un mese. Per quanto riguarda l’analisi fondamentale, il titolo potrebbe essere modernamente al rialzo, anche se ci sono sfide importanti per il gruppo. Unicredit è al momento una scommessa.

Quanto costano adesso le azioni Unicredit?

Si aggirano tra gli 8,5 e i 9,5 euro ormai da qualche tempo. Nel corso del 2021, almeno secondo i target price, dovrebbero uscire, in rialzo, da questo canale.

Come comprare le azioni Unicredit?

Possiamo rivolgerci ai broker specializzati in borse nazionali e internazionali, che offrono queste azioni in modalità CFD. Così da poter operare sul titolo sia tramite leva finanziaria che con vendita allo scoperto.

Quali sono le piattaforme migliori per le azioni Unicredit?

Le migliori piattaforme per le azioni Unicredit sono eToro e Capital.com. Con entrambe abbiamo a disposizione ottime piattaforme per il trading e un percorso semplice per acquistare titoli, come dimostriamo anche negli ordini di prova presenti nella nostra guida.

Qual è il target price delle azioni Unicredit?

Il Target Price Medio delle azioni Unicredit è di 10€. Le previsioni più rialziste prevedono invece un target di 12€. I più pessimisti fissano un target in ribasso a 8,5€.

Le azioni Unicredit sono rischiose?

Tutte le azioni sono, per loro natura, rischiose. Le azioni Unicredit sono state anche particolarmente volatili negli ultimi mesi e dunque costituiscono un rischio in più, soprattutto per chi opera con leva. All’interno del nostro approfondimento possiamo comunque trovare strategie per limitare questo rischio.

Quali sono le previsioni sul titolo Unicredit?

Le previsioni sulle azioni Unicredit sono fortemente incerte sul breve periodo. Per il medio e lungo periodo sono previsti invece dei moderati rialzi, che vanno comunque verificati con le nuove condizioni che si verificheranno a mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *