Strategie di Trading Online

Strategia Trend Reversal

Avatar di Alessandro Calvo
Written by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali
Avatar di Alessandro Calvo
Fact checked by TradingOnline.com
TradingOnline.com si distingue come il pioniere globale nel campo del trading online, attivo in Italia fin dall'anno in cui la CONSOB ha introdotto la normativa specifica, ovvero il 1999. Il marchio TradingOnline.com® è stato ufficialmente registrato il 5 settembre 2022, a seguito della domanda di registrazione presentata dalla società proprietaria, ALESSIO IPPOLITO S.R.L. Editore, il 15 dicembre 2021.
Scopri i nostri principi editoriali

Le strategie di trend reversal sono strategie di trading online basate sulla previsione dell’inversione di un trend. In questo caso il trader va contro il consiglio comune di cavalcare le tendenze già in corso: un approccio che può risultare in rischi maggiori, ma anche in maggiori risultati nel caso in cui si riesca ad applicare con successo.

La teoria classica del trading online suggerisce che continuare a seguire i trend sia solitamente l’approccio che porta ai risultati maggiori, ma prevederne l’inversione è una capacità molto importante. Questo sia perché prevedendo correttamente l’inversione della tendenza del mercato si può cogliere la nascita del trend opposto fin dalla prima candela, sia perché nel caso in cui si utilizzino delle strategie di trend following rimane comunque importante sapere quando stia per invertirsi il mercato.

Il trading con reversal ha dunque due grandi applicazioni: quella di fare effettivamente delle operazioni basate su questo approccio, e quella ancor più popolare di identificare il momento in cui uscire dal mercato in un approccio basato sul cavalcare i trend già in corso. Si tratta anche di un mondo molto ampio, all’interno del quale trovano spazio tantissimi setup diversi.

Cos’è:Strategia basata sul prevedere l’inversione di un trend
👍Efficacia:Abbastanza efficace – 7.5/10
👨‍🎓Come imparare:Esercitarsi con denaro virtuale (trading demo)
🔍Dove fare scalping:eToro / Capital.com / FP Markets 
👶Semplicità:Moderata – 7/10
🤔Opinioni:⭐⭐⭐⭐⭐
Cos’è e come funziona la tecnica di Trend Following – tabella di introduzione all’argomento

Strategia trend trading reversal: cos’è?

Si definisce strategia di reversal qualunque strategia che abbia come fulcro centrale la previsione dell’inversione di un trend. Dunque, se un certo asset ha dimostrato una tendenza rialzista fino a questo momento, chi fa trading con reversal cercherà di indovinare il momento in cui il mercato diventerà ribassista.

La stessa parola “reversal”, di origine inglese, si può tradurre in italiano come “ribaltamento”. Ma come è facile intuire, si tratta di una definizione molto generica: esistono infiniti modi possibili di studiare un trend per andare alla ricerca del punto in cui potrebbe invertirsi. Proprio per questo, esattamente come nel caso del trend following, sarebbe più indicato definire il reversal come un approccio e non come una strategia specifica.

infografica sulle principali caratteristiche della strategia di trading con reversal
Spiegazione della strategia di reversal: guida pratica e operativa a cura di TradingOnline.com®

I due approcci sono anche molto complementari tra loro: tutto parte dallo studio di un trend in corso. In alcuni casi si arriva alla conclusione che questo abbia il potenziale per continuare, dunque si opta per il trend following. In altri casi, un trader potrebbe giungere alla conclusione che il trend stia perdendo forza. Magari ci sono anche dei segnali da parte dell’analisi fondamentale o forniti da indicatori di trading che suggeriscano la concreta possibilità di un’inversione, e in questo caso può aver senso puntare proprio sul reversal.

Come funziona la strategia di reversal

Alla base di una strategia di reversal c’è sempre un trend netto: può essere di breve o di lungo termine, ma deve essere chiaro che il mercato sta puntando in una certa direzione. Se il grafico si trova in una fase laterale e non fa altro che rimbalzare all’interno di un range, cambiando direzione continuamente, non ci sono le basi per usare questo approccio.

Una volta che si è identificato un trend chiaro, il passo successivo è studiarlo: qui è dove effettivamente si differenziano le varie strategie di reversal. Alcuni preferiscono studiare il trend usando indicatori di analisi tecnica, altre persone preferiscono utilizzare l’analisi fondamentale, altri ancora vogliono dare la precedenza agli strumenti di disegni sul grafico.

Dallo studio del trend possono emergere tre conclusioni: la più comune è semplice incertezza. Nel caso non si riesca ad arrivare a un’idea chiara di quello che potrebbe succedere al trend, è semplicemente meglio passare oltre. Uno degli errori più comuni dei principianti è proprio quello di essere precipitosi e non attendere di avere le dovute conferme prima di investire sulla continuazione o sull’inversione del trend.

Le altre due conclusioni possibili sono quelle che effettivamente possono portare all’apertura di una posizione. Può darsi che un trader si renda conto che il trend sta guadagnando forza, investendo dunque sulla sua continuazione; infine è possibile che si notino dei segnali di inversione, dunque permettendo a tutti gli effetti di poter passare a una strategia di reversal. A quel punto si può aprire la posizione subito, oppure si può attendere che il trend cominci a tutti gli effetti la sua inversione di rotta.

Risk Management

La gestione del rischio è un elemento sempre estremamente importante nelle strategie di trading. Fortunatamente, gestire il rischio nelle strategie di reversal è più semplice che in molte altre strategie. Questo perché, se l’inversione non dovesse verificarsi come previsto, si possono tagliare le perdite molto presto; al tempo stesso, nel caso in cui la previsione si rivelasse corretta, il trader avrà la possibilità di continuare a cavalcare il trend fino alla sua successiva inversione. Di conseguenza, visto che prevedere correttamente le inversioni è difficile, il vero punto chiave di questa strategia è proprio tagliare rapidamente le perdite e lasciare correre il più possibile i profitti.

Solitamente lo stop loss viene posizionato a distanza di pochi pips dall’apertura della posizione, limitando fortemente la possibile perdita dell’operazione. Fin dal principio è molto importante stabilire il punto che, se raggiunto dal trend, indica chiaramente il fatto che l’inversione non si sia verificata. Fermare le perdite in questo punto è molto importante, anche se significa accettare che nella maggior parte dei casi i trade verranno chiusi in perdita: quello che conta non è chiudere in profitto oltre il 50% delle operazioni, ma assicurarsi che le operazioni in profitto generino una redditività nettamente maggiore rispetto alle minusvalenze causate dalle operazioni perdenti.

Per quanto riguarda il take profit, invece, vale esattamente il discorso inverso: senza esagerare, ma l’obiettivo è quello di posizionare il take profit il più lontano possibile da dove si è aperta la posizione. Si continua a seguire il trend fino a che non si ottenga un nuovo chiaro segnale di inversione. Spesso questo significa che la distanza tra il punto di apertura della posizione e il punto dove è posizionato il take profit è 5-10 volte più grande rispetto al punto di apertura e lo stop loss. In questo modo ci si può permettere una percentuale anche elevata di posizioni chiuse in perdita, mantenendo comunque un risultato complessivo positivo.

Come impostare una strategia di Reversal: Cosa ci serve

Per impostare una strategia di reversal completa è necessario, prima di tutto, avere degli strumenti tecnici e delle competenze pregresse. Malgrado non si tratti di una delle strategie più avanzate nel mondo del trading, è comunque molto importante assicurarsi di avere delle solide basi prima di lanciarsi nell’operatività pratica sui grafici. Ecco tutto il necessario per iniziare al meglio:

  • Una piattaforma di trading completa e professionale, come quelle messe a disposizione da eToro e FP Markets (qui il sito);
  • Conoscenza delle cause dei trend di mercato e della differenza tra un mercato in trend e un mercato in fase laterale;
  • Competenze di livello almeno intermedio sullo studio dei trend con l’analisi tecnica e/o fondamentale;
  • Esperienza con l’utilizzo del take profit e dello stop loss.

Dal momento che il reversal è considerato come un “cappello” al di sotto del quale ricadono tantissime strategie operative, è un approccio che premia la competenza. Maggiori sono le competenze tecniche di un trader e migliori sono i risultati attesi, soprattutto nel momento in cui si approfondiscono questioni di operatività pratica. Riuscire a combinare analisi tecnica e fondamentale, riconoscendo in ogni momento lo strumento più efficiente con cui studiare il mercato, è uno dei requisiti più importanti per diventare realmente esperti del trading con i reversal.

Strategia reversal: Migliori piattaforme da utilizzare

Di seguito sono riportate le migliori piattaforme per fare trading con i reversal, accuratamente selezionate dalla redazione di TradingOnline.com® in base a caratteristiche molto precise: autorizzazione Consob, livelli di sicurezza avanzati, crittografia dei dati degli utenti, qualità dei grafici e degli strumenti di analisi e facilità di utilizzo.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

48% of retail CFD accounts lose money.

ETORO

eToro è il broker di Social & CopyTrading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios & Staking Crypto
  • Azioni Reali (estere) + ETfs a 0 commissioni

Inizia ora

67% of retail CFD accounts lose money.

SKILLING

Nuova piattaforma rivoluzionaria, con strumenti per auto-trading, analisi e copy trader a zero commissioni per trading CFD su azioni, crypto, ETF, indici, commodities e forex.

  • Spread da 0.1pips
  • cTrader, MetaTrader 4 e Segnali
  • Copytrading incluso gratis

Inizia ora

73% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • TradingView + MetaTrader4
  • App educativa gratuita
  • Trading con algoritmi [New]

Inizia ora

78,1% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,90% of retail CFD accounts lose money.

Tutte le piattaforme elencate sono utilizzate quotidianamente dai membri della redazione, e sono broker con cui operiamo ormai da anni. Inoltre aggiorniamo regolarmente l’elenco delle piattaforme raccomandate in base all’evoluzione del settore, in modo da riflettere sempre la situazione attuale del mercato.

Trading con Reversal: Impostazione grafica

L’impostazione grafica del trading con i reversal può avere un aspetto molto differente in base all’approccio specifico che si decide di utilizzare. Un trader che si basa molto sugli indicatori di analisi tecnica, ad esempio, tenderà ad avere un’impostazione grafica estremamente diversa da un trader che si basa principalmente sull’analisi fondamentale. Di seguito è riportato un esempio pratico di un grafico sul cambio EUR/USD, in cui l’impostazione grafica è stata limitata al minimo utilizzando solo livelli di supporto e resistenza.

esempio di impostazione grafica di una strategia di reversal
Il grafico mostra una possibile applicazione pratica del trading con reversal sul cambio EUR/USD

Si può notare che il grafico, dopo un lungo trend rialzista, è tornato a testare un livello di resistenza che aveva già toccato in passato. A quel punto sarebbe stato possibile che il trend passasse con forza la sua precedente resistenza e continuasse a correre verso l’alto, ma fin da subito il livello è stato solo sfiorato e poi ritestato senza un breakout per diverse volte. A questo punto, un trader interessato a fare trading con reversal tenderà a seguire un processo molto logico:

  • Aprire una posizione di vendita allo scoperto;
  • Posizionare lo stop loss oltre il livello di resistenza precedente;
  • Decidere dove posizionare il take profit, che in questo caso avrebbe potuto essere piazzato in prossimità del primo supporto dove aveva rimbalzato il trend precedente.

Come si può notare, la distanza tra take profit e punto di apertura è decisamente più ampia rispetto a quella tra il punto di apertura e lo stop loss. Se anche si avesse ragione soltanto una volta su quattro, con questo squilibrio tra perdite potenziali e profitti potenziali ci sarebbero comunque tutti i presupposti per costruire una strategia di successo nel suo complesso.

Strategia Reversal: come individuare segnali Buy/Sell

Individuare i segnali operativi di tipo buy e sell è, in definitiva, il punto chiave di ogni strategia di trading. Dal momento che il reversal è però più un approccio che una strategia specifica, esistono potenzialmente tantissimi modi per andare a valutare delle opportunità. Nel caso dell’esempio pratico di prima, è stato usato un approccio basato su supporti e resistenze senza indicatori o altri strumenti. Tra le infinite opportunità a disposizione, vale la pena di valutarne almeno due: l’uso degli indicatori e l’uso dell’analisi fondamentale.

  • Approccio con l’analisi tecnica

La prima strada possibile è quella di utilizzare degli indicatori di analisi tecnica. Nell’esempio riportato più in basso e tratto dal grafico dell’oro alla fine del 2023, si può notare un oscillatore stocastico utilizzato come unico strumento per fornire dei segnali buy/sell. In questo caso specifico, si può notare come lo stocastico abbia segnalato una zona di forte ipervenduto in prossimità della fine di un trend ribassista di lungo termine, che aveva guadagnato forza nella sua ultima fase.

esempio di segnali ottenibili con il reversal e l'analisi tecnica
Esempio di segnale BUY ottenuto con l’analisi tecnica in una strategia di reversal

Dal momento che il grafico è segnalato come ipervenduto, si apre l’opportunità di investire a rialzo. Si apre la posizione e si piazza immediatamente lo stop loss, in un punto che realisticamente è troppo basso per essere raggiunto da un trend che sta per invertirsi: il grafico è già ipervenduto, e se il punto che è stato indicato come stop loss fosse realmente raggiunto dal grafico significherebbe che il trend ribassista sta prendendo ulteriore forza.

Invece ci si può aspettare che, se il trend si invertisse, il trend proseguirebbe a rialzo fino a che lo stocastico non raggiungerebbe nuovamente un livello di ipercomprato. In prossimità di questo livello si può piazzare il take profit, nuovamente garantendosi un rapporto rischio/rendimento favorevole.

  • Reversal con l’analisi fondamentale

Nel caso in cui si utilizzi l’analisi fondamentale, l’impostazione grafica diventa una variabile non importante. In questo caso un trader si limita esclusivamente a osservare l’andamento delle notizie e a decidere le proprie operazioni in base a come stiano andando gli eventi macroeconomici. Più che il grafico, in questo caso è importante utilizzare soprattutto il calendario economico: in questo modo si può sempre rimanere aggiornati sull’andamento dell’economia.

Altri due strumenti che possono essere estremamente utili sono il calendario degli utili e il calendario della pubblicazione dei dati sulle commodities. Il calendario degli utili è importante soprattutto per chi fa trading sulle azioni, essendo un calendario che riporta la data di pubblicazione dei risultati trimestrali di tutte le società quotate. Esistono anche dei calendari specializzati nel riportare i dati che riguardano le materie prime, ad esempio report sul raccolto di cereali o sui livelli di scorte di petrolio.

Pro e contro del trend following nel trading

Tutte le strategie di trading hanno i loro pro e contro. Nel caso del reversal, il principale punto di forza della strategia è la possibilità di cogliere i trend sul nascere e di poterli seguire potenzialmente fino al loro esaurimento. Questo significa che, rispetto al trend following, le entrate sul mercato sono anticipate e non si “spreca” la possibilità di seguirlo dal principio.

Al tempo stesso, il principale punto di debolezza è l’oggettiva difficoltà nel determinare il momento dell’inversione di un trend: le tendenze di mercato possono andare avanti per decine di candele, ma si invertono in un momento solo. Inoltre è difficile distinguere le vere inversioni del trend dai rintracciamenti, che sono invece inversioni momentanee e passeggere dopo le quali il trend principale riprende forza.

Riassumendo tutti i pro e contro principali e secondari, i lati positivi del trading con reversal sono:

  • La possibilità di massimizzare il ritorno che si può ottenere da un nuovo trend;
  • L’ampia scelta di strategie operative da utilizzare, basate tanto sull’analisi tecnica quanto su quella fondamentale;
  • Il fatto di poter adattare la strategia molto bene sia a orizzonti brevi che orizzonti lunghi di tempo;
  • La sua ottima adattabilità a tante categorie di asset;
  • Una gestione del rischio relativamente facile da imparare.

Bisogna tenere conto, però, anche delle criticità di questa strategia:

  • La probabilità elevata di falsi segnali;
  • La necessità di riuscire a distinguere i punti di rintracciamento da quelli di reale inversione del trend;
  • L’elevato numero di operazioni in perdita, che come già spiegato devono essere compensate non da un numero maggiore di operazioni in profitto, ma dai maggiori profitti medi per ogni operazione vincente;
  • Una redditività media storica inferiore a quella del trend following, anche se le due strategie possono essere utilizzate in modo complementare (e non alternativo) tra loro.

Su quali asset funziona meglio

Essendo una strategia molto flessibile, il trading con reversal si può davvero applicare a quasi tutte le asset class. Qualsiasi mercato mostra dei trend, e tutti i trend presto o tardi si invertono. Questo è un dato di fatto, dopodiché rimane comunque vero che su alcuni strumenti ci sono dei trend più forti e dei ribaltamenti più evidenti.

Una asset class che si presta molto bene all’utilizzo delle strategie di reversal è quella delle materie prime. Questo perché, solitamente, si tratta di un mercato che va incontro a dei trend molto forti e che tende a manifestare delle inversioni molto nette. Solitamente sono inversioni che possono essere identificate in modo efficiente sia con l’analisi tecnica che con l’analisi fondamentale, e combinando entrambi i segnali diventa decisamente più probabile riuscire a identificare i momenti in cui un trend sta per invertirsi.

Un altro campo di applicazione molto comune è il Forex, dove nuovamente è molto probabile che si manifestino dei trend di lungo termine e delle inversioni evidenti. Ci sono, ad esempio, delle situazioni in cui una banca centrale comunica apertamente di voler investire la propria rotta sulla politica monetaria. Questo si verifica, ad esempio, quando si passa da una fase di tassi d’interesse in rialzo a una fase di tassi d’interesse in ribasso; un altro chiaro esempio è quando cambia il governatore di una banca centrale, e al posto del governatore precedente ne entra uno con idee diametralmente opposte.

Molto interessante anche valutare l’utilizzo delle strategie basate sui reversal nel campo delle criptovalute. Questa asset class sta emergendo come una delle più popolari in assoluto per chi fa trading a favore dei trend o sulla loro inversione, perché il mercato ha storicamente alternato dei momenti di boom a dei momenti di forte depressione. Nel caso in cui si riesca a comprendere quando il mercato sta per investire la propria rotta, c’è la possibilità di cavalcare il nuovo trend per moltissimo tempo.

  • Peggiori asset per il trading con reversal

Esattamente come ci sono degli strumenti su cui il reversal è un approccio assolutamente legittimo, ci sono anche degli strumenti su cui tende a performare male. In particolare, è sconsigliabile utilizzare questa strategia sul mercato azionario a meno che non si tratti di provare a intercettare il momento in cui il trend passa da ribassista a rialzista.

Il motivo per cui il trading con reversal sulle azioni è estremamente delicato è che, al contrario di altri strumenti, il mercato azionario tende a crescere sempre su archi lunghi di tempo. Statisticamente il mercato azionario passa più tempo tendendo a rialzo che a ribasso: questo è un semplice dato di fatto. Investire sul fatto che un lungo trend rialzista possa invertirsi e tendere a ribasso, da un punto di vista storico-statistico, ha un’altissima probabilità di rivelarsi una scelta errata.

Strategie trend following alternative

Esistono infinite alternative per applicare le strategie di reversal. Ogni trader mette a punto le sue tecniche in base alla propria esperienza, al proprio approccio ai mercati e agli asset su cui vuole investire. Detto questo, tra le tante alternative ne esistono alcune classiche che è indubbiamente utile conoscere.

  • Reversal con Fibonacci

Una delle possibilità è quella di utilizzare i livelli di Fibonacci, che sono strumenti molto interessanti per chi vuole anticipare le inversioni di un trend utilizzando l’analisi tecnica. In questo caso si parte dallo studio dell’ultimo trend importante già formatosi completamente, posizionando alla base e alla fine del trend i livelli 0 e 100 di Fibonacci. In automatico compariranno gli ulteriori livelli, segnalati come delle linee orizzontali sul grafico. Quello che questi livelli segnalano sono i possibili punti di inversione del trend.

  • Reversal con zig zag

L’indicatore zig zag è uno dei più facili con cui familiarizzare per un trader alle prime armi, essendo un indicatore in grado di posizionare da solo dei livelli chiari di supporto e resistenza sul grafico. Può essere utilizzato in maniera efficace in abbinamento a una strategia di reversal. In questo caso, quando un trend si sta avvicinando a uno dei livelli chiave segnalati dall’indicatore zig zag, investe sull’inversione della tendenza di mercato. Se il trend dovesse superare in modo significativo il supporto o la resistenza, la posizione viene chiusa -ci si può aiutare con lo stop loss-. Se invece il grafico rimbalza vicino al livello chiave e il trend si inverte, si cerca di cavalcare il nuovo trend che si è formato sul grafico fino alla fine.

grafico con indicatore zig zag che mostra un esempio di trading con reversal
Qui si può notare molto bene come il supporto identificato dall’indicatore zig zag abbia segnalato molto bene il punto di inversione del trend ribassista
  • Reversal con dati trimestrali

Anche se le strategie di trend reversal non sono le più indicate per investire sul mercato azionario, è possibile sfruttare l’analisi fondamentale per applicare questo approccio con successo anche sulle azioni. Lo si può fare, ad esempio, in occasione della pubblicazione dei dati trimestrali. Se un titolo stava andando molto bene in passato ma la pubblicazione di dati trimestrali rivela problemi e risultati sotto la media, allora potrebbe innescarsi un forte trend ribassista e si presenta un’opportunità per investire sul reversal della fase rialzista precedente. Lo stesso vale anche al contrario: se una società sta andando male ma i risultati trimestrali sono molto positivi, allora potrebbe innescarsi un forte trend rialzista.

Considerazioni finali

Il trading con i reversal è un modo per trasformare i trend che stanno perdendo forza in una possibile opportunità per aprire una nuova posizione. Anche se si tratta di una strategia rischiosa, che può portare a una percentuale elevata di operazioni chiuse in perdita, la possibilità di seguire fin dall’inizio il nuovo trend permette di compensare questo problema con un numero inferiore di operazioni ma dal maggior rendimento.

Storicamente il trading con reversal è stato visto come una scelta poco conveniente rispetto al più gettonato trend following, per il semplice fatto che seguire un trend sia più facile e statisticamente abbia una maggiore probabilità di successo. Invece è bene vedere questi due approcci come due lati della stessa medaglia, da utilizzare congiuntamente per massimizzare le opportunità di entrata sul mercato e studiare ogni trend in un modo completo. Gestendo in maniera appropriata il rapporto tra potenziali perdite e potenziali profitti, anche il trading con reversal può dimostrarsi una strategia assolutamente efficace.

Come sempre, è molto importante scegliere bene i propri strumenti e non soltanto le proprie strategie. Per questo è molto utile avere un buon broker a cui fare riferimento, che abbia anche un conto demo con cui esercitarsi, come nel caso di eToro. Da quando eToro ha introdotto anche i grafici di TradingView per migliorare ancora le sue funzionalità di analisi tecnica, è diventato un broker ancora più valido per il trading con i reversal.

FAQ – Day Trading: Domande e Risposte frequenti sulla strategia di reversal

Cos’è il trading con reversal?

Il trading con i reversal è un approccio che si basa sulla previsione dell’inversione di un trend. Si aspetta che il trend si stia per invertire, e si cerca di cavalcare tutto il trend opposto che ne dovrebbe nascere.

La strategia di reversal funziona?

La strategia di reversal può indubbiamente funzionare, anche se prevedere correttamente l’inversione di un trend è difficile. Bisogna essere consapevoli che, rispetto a seguire i trend già in corso, è più complesso prevedere le inversioni.

Quali sono le migliori piattaforme per il trend following?

Le strategie che funzionano meglio per il trading con i reversal, a nostro avviso, sono eToroCapital.com e FP Markets. Tutti e tre sono broker registrati Consob, molto sicuri e con ottime funzionalità per studiare i trend.

Guadagnare con i reversal è possibile?

Tanti trader anche a livello istituzionale utilizzano con successo le strategie di reversal. Come sempre, però, non bisogna mai pensare che una strategia sia infallibile o che possa avere un tasso di successo del 100%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *