Strategie di Trading Online

Strategia trend following

Avatar di Alessandro Calvo
Written by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali
Avatar di Alessandro Calvo
Fact checked by TradingOnline.com
TradingOnline.com si distingue come il pioniere globale nel campo del trading online, attivo in Italia fin dall'anno in cui la CONSOB ha introdotto la normativa specifica, ovvero il 1999. Il marchio TradingOnline.com® è stato ufficialmente registrato il 5 settembre 2022, a seguito della domanda di registrazione presentata dalla società proprietaria, ALESSIO IPPOLITO S.R.L. Editore, il 15 dicembre 2021.
Scopri i nostri principi editoriali

La strategia di trend following si basa sul seguire un trend già in corso, investendo sulla previsione che la tendenza di mercato andrà avanti. Un detto storico tra i trader di Wall Street è “don’t fight the trend” (“non combattere il trend“): nella maggior parte dei casi, infatti, prevedere la continuazione di una tendenza in corso è più facile che prevedere il momento esatto in cui il mercato cambierà direzione.

Spesso, quando si parla di trend following si tende a pensare a una sola strategia. In realtà si tratta di un approccio ai mercati e non di un trading system in particolare: esistono diversi modi per studiare un trend in corso e capire se possa essere conveniente seguirlo, e questi modi possono essere completamente diversi tra loro. Inoltre è un approccio che può essere usato sia per trend molto brevi che per trend della durata di interi anni, cosa che rende il trend following uno dei modi più flessibili di operare sui mercati.

Non c’è dubbio sul fatto che il trend following sia una delle strategie più conosciute e con più storico in assoluto. Persino chi non ha competenze, istintivamente, tende a pensare che i mercati continueranno a fare ciò che stanno già facendo. Una previsione spesso corretta ma che, se non accompagnata dalle basi giuste, rischia di portare a commettere un grave errore: pensare che le performance passate di uno strumento siano indicative di quelle future.

Trend following – Introduzione alla strategia:

Cos’è:Strategia basata sul seguire un trend in corso fino alla sua inversione
👍Efficacia:Efficace – 8.5/10
👨‍🎓Come imparare:Usare conti virtuali (trading demo)
🔍Dove fare scalping:eToro / Capital.com / FP Markets 
👶Semplicità:Facile – 8/10
🤔Opinioni:⭐⭐⭐⭐⭐
Cos’è e come funziona la tecnica di Trend Following – tabella di introduzione all’argomento

Strategia trend following: cos’è?

Si definisce come “strategia di trend following” ogni approccio ai mercati basato sull’investire nella stessa direzione di una tendenza già in corso e ben definita, che ci si aspetta vada avanti ancora per un periodo significativo di tempo. Letteralmente qualunque mercato, persino non finanziario (es. immobiliare) si presta a strategie di trend following. Una tendenza di mercato si inverte raramente, mentre per la gran parte del tempo il prezzo di un asset continua a muoversi nella stessa direzione. Talvolta si parla anche di “strategie di momentum” (slancio), ed esistono persino fondi ed ETF che adottano esplicitamente questa specifica filosofia d’investimento per direzionare le proprie scelte.

infografica sulle principali caratteristiche delle strategie di trend following

All’interno del mondo delle strategie di trend following esiste un’infinità di modi per costruire dei trading system. C’è ad esempio chi si fida molto degli indicatori di analisi tecnica, ed esistono oscillatori specifici che misurano proprio la forza di un trend; c’è chi invece opta per gli strumenti di disegno sul grafico, operando con trend line e livelli di supporto e resistenza, e infine c’è chi invece si fida prevalentemente dell’analisi fondamentale. Come spesso accade, poi, i trader migliori sono quelli che riescono a combinare diversi segnali all’interno della propria strategia.

Come funziona la strategia di trend following

Le strategie di trend following partono sempre dalla presenza di una tendenza di mercato chiara e già in atto da un arco di tempo consistente. Non si parla di trend following se un trend si è appena invertito, con una piccola inversione che potrebbe essere solo un rintracciamento momentaneo. Una volta che si è accertata la presenza di un trend con queste caratteristiche, si passa alla fase di studio.

La fase di studio è quella in cui si va alla ricerca delle cause del trend e delle sue caratteristiche. Si cerca di spiegare se ci siano dei fondamentali e delle notizie che stiano influenzando domanda e offerta, si identificano dei livelli di supporto e resistenza ed eventualmente si utilizzano anche degli indicatori che possano studiare la forza del trend.

A questo punto ci sono due risultati possibili: il primo è che si ritenga il trend ormai giunto alla fine, o comunque prossimo a perdere forza. In questo caso si scarta il trend in questione e si continuano a studiare i mercati, alla ricerca di altre opportunità. In alternativa, può darsi che si confermi la forza del trend e che si entri sul mercato: in questo caso, il trader cerca di non perdere tempo e aprire la sua posizione il prima possibile.

Una volta aperta la posizione, si impostano anche i livelli di take profit e stop loss. Entrambi sono molto importanti per associare alle strategie di trend following una corretta gestione del rischio. Solitamente questi livelli si piazzano in prossimità di supporti e resistenze, dove è probabile che il trend possa invertirsi, rintracciare o appiattirsi.

Risk Management

Il risk management è sempre un argomento molto importante, che nelle strategie di trend following si riesce a gestire più facilmente che con altri approcci. Come sempre, la prima regola è limitare le perdite quando si verificano. Per questo si utilizzano soprattutto dei trailing stop loss, cioè degli stop loss che scattano quando il prezzo si muove in direzione contraria alla propria posizione per un certo numero di pips. Il vantaggio, in questo caso, è che finché il trend prosegue il trader continua a cavalcarlo e la posizione viene poi chiusa in automatico nel momento in cui il trend si inverte per un numero predefinito di pips.

Il take profit si può gestire in diversi modi: molti trader preferiscono lasciare semplicemente il tutto in mano al trailing stop loss, ma c’è anche chi preferisce stabilire un obiettivo preciso per le prese di profitto. In questo caso, solitamente si colloca il take profit in prossimità di una resistenza oltre la quale non ci si aspetta che il trend in corso possa proseguire. Nel caso di chi fa trading automatico, spesso è comodo utilizzare un certo valore di un indicatore come segnale per la chiusura della posizione.

Come impostare una strategia di Trend Following: Cosa ci serve

Per costruire una strategia efficace di trend following sono necessari sia degli strumenti tecnici, sia delle competenze pregresse che aiutino a comprendere cosa si sta facendo. Ciò di cui c’è bisogno è:

  • Una piattaforma con dei grafici chiari e prezzi aggiornati in tempo reale, come quelle messe a disposizione da eToro o da FP Markets;
  • Comprensione dei concetti di trend, inversione del trend, rintracciamento e mercato laterale;
  • Capacità di utilizzare le basi dell’analisi tecnica e dell’analisi fondamentale per studiare la forza di un trend;
  • Nel caso in cui ci si voglia esercitare con denaro virtuale e non iniziare da subito con denaro reale, è molto utile avere un trading online demo.

Come sempre, in ogni caso, maggiori sono le competenze di un trader e migliori sono i risultati che ci si può aspettare. Sommare altre skill a quelle strettamente necessarie, come può essere la capacità di fare trading algoritmico, non è mai nocivo.

Strategia trend following: Migliori piattaforme da utilizzare

Di seguito è riportato l’elenco delle migliori piattaforme, scelte dalla redazione di TradingOnline.com®, per applicare le strategie di trend following e non solo. Si tratta di broker registrati Consob, con ottimi strumenti per fare analisi tecnica e fondamentale, e con costi bassi. Tutte le piattaforme riportate sono utilizzate quotidianamente dalla nostra redazione, e l’elenco viene aggiornato regolarmente in base all’evoluzione del settore.

FP MARKETS

FP Markets è ideale per chi vuole una piattaforma ricca di strumenti per il trading automatico come EA, MT4/5 e segnali.

  • Spreads 0.0 pips
  • MetaTrader 4/5
  • Segnali trading

Inizia ora

48% of retail CFD accounts lose money.

ETORO

eToro è il broker di Social & CopyTrading leader al mondo, ideale per i giovani traders che vogliono fare trading automatico copiando i più esperti.

  • Copia i traders migliori
  • CopyPortfolios & Staking Crypto
  • Azioni Reali (estere) + ETfs a 0 commissioni

Inizia ora

67% of retail CFD accounts lose money.

SKILLING

Nuova piattaforma rivoluzionaria, con strumenti per auto-trading, analisi e copy trader a zero commissioni per trading CFD su azioni, crypto, ETF, indici, commodities e forex.

  • Spread da 0.1pips
  • cTrader, MetaTrader 4 e Segnali
  • Copytrading incluso gratis

Inizia ora

73% of retail CFD accounts lose money.

CAPITAL.COM

Capital.com è dotato di un sistema avanzato basato sull'intelligenza artificiale, utile a ridurre i rischi e massimizzare i profitti.

  • TradingView + MetaTrader4
  • App educativa gratuita
  • Trading con algoritmi [New]

Inizia ora

78,1% of retail CFD accounts lose money.

TRADE.COM

Trade.com è un broker multiassets per trading in CFD e DMA ricco di caratteristiche che lo rendono esclusivo.

  • MetaTrader 4
  • Segnali di trading
  • Corsi individuali gratuiti

Inizia ora

79,90% of retail CFD accounts lose money.

Trend following: Impostazione grafica

L’impostazione grafica delle strategie di trend following non è così importante quanto lo è in altri casi. Si possono avere degli approcci molto diversi, anche in termini di strumenti utilizzati. Ci sono dei trader che si basano anche soltanto sull’analisi fondamentale, per cui sul grafico non hanno nient’altro che delle candele. Di seguito è riportato un esempio tipico, in cui è stata utilizzata una semplice trend line.

esempio di impostazione grafica di una strategia di trend following
Il grafico è tratto dall’andamento delle azioni ENI alla fine del 2023

Qui si può notare chiaramente come il grafico dell’azione in questione abbia seguito un trend rialzista nel corso di diversi mesi, proprio a rappresentare come le strategie di trend following siano perfettamente adattabili anche al trading di medio-lungo termine. Anche da una semplice trend line appare evidente che il trend stesse seguendo una chiara direzione rialzista; la forza di questo si poteva confermare sia attraverso strumenti di analisi tecnica, sia attraverso dei chiari segnali di analisi fondamentale che arrivavano dal mercato del petrolio.

Questa si può considerare un’impostazione grafica piuttosto basica, ma più che sufficiente per avere a che fare con il trend following. Di questo setup, la cosa importante da notare è il fatto che l’entrata non sia posizionata in un punto ma in un’area. A seconda di come un trader si pone verso lo studio del trend, i segnali per l’entrata possono arrivare un po’più presto o un po’più tardi.

Strategia Trend Following: come individuare segnali Buy/Sell

Esattamente come esistono diversi modi per approcciarsi al trend following, esistono diversi modi per individuare dei segnali operativi. Uno, ad esempio, può essere quello di applicare indicatori e oscillatori di trading. In questo caso si utilizzano degli strumenti specifici e dei valori, come possono essere l’oscillatore stocastico o l’indicatore ADX. In altri casi si utilizzano degli strumenti completamente diversi, come può essere l’analisi fondamentale: in questo caso, tutto il processo di identificazione dei segnali dipende estremamente dal trader e molto poco da elementi oggettivi o numerici.

Anche per questo, è bene ricordarlo, si dovrebbe parlare di aree di entrata e uscita anziché di “punti”. A differenza di strumenti di analisi tecnica che si basano su dei valori molto precisi e specifici, il trend following ha un’elasticità estremamente grande.

esempio di impostazione grafica del trend following
Esempio di segnale di acquisto per il trend following basato su una media mobile

Nell’esempio riportato, tratto da un grafico del petrolio, si può notare chiaramente un trend rialzista che nasce da una candela giapponese tipica dei segnali di inversione. Il trend è diventato rialzista, fino al momento in cui ha tagliato a rialzo la media mobile a 50 periodi impostata sul grafico. In questo caso, la media mobile è ciò che agisce come reale metro di valutazione per la forza del trend: nel momento in cui il grafico taglia la media, si ottiene un segnale di acquisto. Lo stesso avrebbe potuto accadere con un segnale sell nel caso in cui il trend fosse stato ribassista, nel momento in cui il grafico avesse tagliato la media a ribasso.

È importante notare che tutto questo è un esempio molto specifico di un approccio estremamente ampio. Si sarebbe potuto utilizzare il taglio di un livello chiave, come un supporto o una resistenza, al posto della media mobile; in alternativa si sarebbero potuti utilizzare indicatori e oscillatori, o tutti gli altri strumenti che fanno parte del mondo dell’analisi tecnica e dell’analisi fondamentale.

Pro e contro del trend following nel trading

Come tutte le strategie, anche il trend following ha i suoi pro e contro. Bisogna avere sempre una visione completa di quali siano i limiti e i punti di forza di una strategia. Ed è importante soprattutto insistere sulla comprensione di quali siano i punti ciechi e le fonti di falsi segnali, due aspetti da non sottovalutare per evitare rischi non necessari.

I principali punti di forza del trend following sono:

  • La grande flessibilità di questo approccio, che si sposa con ogni orizzonte di tempo e con ogni tipo di analisi;
  • Una facile gestione del rischio, grazie ai trailing stop loss che sono estremamente utili nel seguire l’andamento di un trend;
  • Basso numero di falsi segnali, a meno che non si utilizzi un approccio completamente errato;

Mentre i principali punti di debolezza sono:

  • La necessità di studiare ogni possibile trend candidato all’applicazione della strategia, cosa che richiede molto tempo speso di fronte ai grafici;
  • Il fatto di dover conoscere molto bene tante diverse basi del trading online, in modo da poter studiare in modo approfondito ogni trend.

Questi sono punti di forza e di debolezza generici, che vanno poi corredati da quelli specifici di ogni trading setup. Uno basato esclusivamente sulle medie mobili, ad esempio, avrà sia i pro e contro delle strategie di trend following in generale, sia quelli specifici delle medie mobili. Lo stesso vale per i setup basati esclusivamente sugli oscillatori, sull’analisi fondamentale, e così via.

Su quali asset funziona meglio

Ci sono pochi dubbi sul fatto che le strategie di trend following siano tra le poche a potersi adattare molto bene a qualsiasi asset. I trend sono una caratteristica naturale del mercato, che si manifesta in tutti i contesti: dal Forex fino alle materie prime, passando per i mercati azionari. Ciò che cambia è il modo in cui si declina l’approccio del trend following in base alla specifica asset class che si sta analizzando.

Nel caso in cui si analizzi il Forex, ad esempio, ci sono due fattori importanti da tenere in considerazione: il peso maggiore che l’analisi tecnica occupa in questo mondo, e la politica monetaria delle banche centrali. L’andamento dei tassi d’interesse, dell’inflazione e dell’economia sono i fattori principali che sostengono la forza di un trend.

Il discorso cambia completamente quando si analizzano le azioni, un mercato dove il trend following è estremamente impiegato. In questo caso è essenziale andare ad analizzare il contesto specifico di una società per avere un’idea chiara della forza di un trend in corso: dati di bilancio, strategie del management, analisi dell’andamento del mercato in cui l’azienda opera e così via. Inoltre è importante valutare il sentiment generale degli investitori, che tende a influenzare tutte le azioni a prescindere dalla situazione specifica di ciascuna società.

Si può fare trend following anche nel mondo delle materie prime, e in questo caso quello che conta più di ogni altra cosa è lo studio di domanda e offerta. Nel caso del petrolio, ad esempio, il mercato tende a seguire dei trend che possono facilmente durare per settimane o mesi. Sono dei trend che tendono a formarsi in base alle decisioni dei produttori sulla quantità di petrolio da estrarre ed esportare, e in base alle previsioni sulla crescita economica -e dunque domanda di energia- dei paesi importatori. Inoltre il mercato delle materie prime tende a risentire della situazione geopolitica, in particolare quando si considerano i beni rifugio come oro e argento.

Strategie trend following alternative

Vale la pena analizzare quali siano i principali metodi per applicare le strategie di trend following, pur ricordando che si tratta di un cappello sotto al quale rientra un’infinità di trading systems. Quelli che vedremo sono dei trading system con una lunga storia alle spalle, che vengono utilizzati da decenni nel mondo delle trading rooms e degli hedge funds.

  • Trend following con breakout

Il trend following con breakout unisce due delle strategie tradizionalmente più utilizzate nell’analisi tecnica: seguire i trend in corso da una parte, e confermarli con l’interazione tra la price action e i livelli chiave dall’altra. In questo caso si comincia sempre con lo studio di un trend di base, che può essere rialzista oppure ribassista. Nel caso in cui il trend sia rialzista, si aspetterà che il trend si avvicini a una resistenza. Fino a questo momento non si entra ancora sul mercato, ma si attende il breakout rialzista: nel caso in cui il trend sorpassi con forza la resistenza, significa che sta prendendo forza e che può valere la pena di iniziare a seguirlo. Lo stesso vale con un trend ribassista, nel momento in cui la price action taglia a ribasso un supporto.

  • Trend following con trend line

Le trend line sono indubbiamente uno degli strumenti più utilizzati per studiare i trend, e sono uno dei più semplici con cui familiarizzare quando si inizia a fare trend following. In questo caso, il trader piazza la trend line sulle candele del trend che si sono già formate e poi la protrae in avanti. Quello che si ottiene è una linea che dovrebbe indicare la direzione futura del trend, dando al trader un’indicazione pratica di cosa aspettarsi andando avanti.

esempio di trading setup con trend line per costruire una strategia di trend following
La trend line indica come dovrebbe proseguire il trend in futuro

In questo caso, la strategia ha dei pro e contro molto specifici. Da una parte, più si aspetta che il trend sia consolidato, più diventa evidente come tracciare la trend line e cosa aspettarsi dal mercato andando avanti nel tempo. Dall’altra parte, più si aspetta per disegnare la trend line, più si perde l’occasione di iniziare presto a cavalcare il trend ed estrapolarne tutto il potenziale.

  • Trend following con analisi fondamentale

Malgrado il trend following sia solitamente una strategia basata sull’analisi tecnica, è perfettamente possibile renderlo compatibile con le strategie di analisi fondamentale. Questo è uno dei modi più concreti per evitare i falsi segnali, assicurandosi di allineare lo studio dei grafici con i fondamentali che determinano l’andamento di domanda e offerta.

Anche in questo caso si inizia nello stesso modo: si nota un trend in corso su un grafico che sembra avere del potenziale, e che possibilmente sia già in corso da molto tempo. A quel punto si lascia da parte il grafico per un momento, e si passa allo studio dell’analisi fondamentale. In particolare, si va alla ricerca delle cause del trend: nel caso di un’azione, ad esempio, potrebbero essere dei dati di bilancio o delle notizie riguardo ai prodotti e al settore in cui la società opera.

Ciò di cui si va maggiormente alla ricerca sono delle conferme, provenienti dall’analisi fondamentale, del fatto che il trend possa andare avanti. A quel punto, se c’è già entusiasmo sul mercato, è molto probabile che l’entusiasmo vada ancora crescendo e facendo prendere forza al trend.

Considerazioni finali

Il trend following è una delle strategie che hanno avuto più successo nel corso della storia del trading. Si tratta di un approccio che ha avuto grandi risultati sia per chi lo ha utilizzato nel trading di breve termine, sia per chi lo ha utilizzato su archi di tempo pluriennali. Allo stesso tempo è un approccio che può essere frainteso facilmente da chi ha poca esperienza: entrare in ritardo sui trend è uno dei modi più semplici per perdere denaro, soprattutto quando non si esce dal mercato al momento giusto.

Essendo un approccio estremamente ampio e ricco di sfaccettature, è molto importante fare tanta pratica e iniziare solo quando si ha una base di teoria molto forte. Al pari di molte strategie che hanno una lunga storia alle spalle, ci sono tanti occhi che controllano l’andamento del mercato e non è semplice riuscire a vedere i trend validi prima del resto del mercato.

Il trend following oggi è diventato più un concetto che una strategia vera e propria. Di fatto, di fronte a un trend, ci sono solo due scelte possibili: continuare a seguirlo, oppure aspettare che si inverta. Visti i risultati dei due diversi approcci, è ormai diventato evidente che seguire un trend porti a risultati migliori rispetto a cercare di indovinare il momento in cui cambierà direzione. Detto questo, esistono decine di modi per studiare la forza di un trend e per provare a trovare delle conferme significative della sua continuazione.

Come sempre, è bene tenere a mente che le strategie di trading hanno sempre dei limiti. Anche il migliore setup del mondo può sempre generare dei falsi segnali, e serve un occhio esperto per distinguere un trading system che funziona da uno che non ha potenziale.

FAQ: Domande e risposte frequenti sul trend following

Cos’è il trend following?

Il trend following è una strategia che prevede di entrare sul mercato quando si è già formata un’evidente tendenza, investendo sul fatto che il trend continuerà nella stessa direzione.

Il trend following funziona?

Il trend following è uno degli approcci ai mercati con uno storico di grande successo alle spalle. Detto questo, essendo un approccio e non una specifica strategia, ci sono tantissimi modi per declinarla: alcuni funzionano meglio e altri peggio, anche a seconda delle capacità del singolo trader.

Dove fare trading con il trend following?

Le piattaforme che riteniamo in assoluto più convenienti e professionali per fare trend following sono eToroCapital.comFP Markets. Tutte e tre sono regolamentate in Europa e hanno ottimi strumenti per analizzare la forza dei trend con indicatori e analisi fondamentale.

Guadagnare con il trend following è possibile?

Guadagnare con il trend following è possibile, anche considerando che si tratta di una strategia estremamente popolare tra gli investitori istituzionali. Detto questo, è sempre importante ricordare che i risultati dipendono in modo significativo dalle abilità del singolo trader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *