News, Materie prime

Israele: i partner Leviathan investono nel terzo gasdotto

I partner del progetto di gas offshore israeliano Leviathan hanno dichiarato nella giornata di ieri (domenica 2 luglio) che investiranno 568 milioni di dollari per costruire un terzo gasdotto che consentirà una maggiore produzione ed esportazione di gas naturale.

Leviathan, un giacimento in acque profonde con enormi giacimenti, è entrato in funzione alla fine del 2019 e attualmente produce già 12 miliardi di metri cubi (bcm) di gas all’anno per la vendita a Israele, Egitto e Giordania. L’idea è di aumentare la capacità per includere volumi considerevoli per l’Europa mentre cerca di ridurre la dipendenza dall’energia russa. L’obiettivo della compagnia è quello di diventare un nuovo punto di riferimento per l’approvvigionamento energetico dei paesi europei.

Partner di Leviathan in Israele investono 568 milioni di dollari nel terzo gasdotto
Partner di Leviathan in Israele investono 568 milioni di dollari nel terzo gasdotto

I dettagli del nuovo investimento di Leviathan

Il nuovo gasdotto collegherà il pozzo con un impianto di produzione a circa 10 km dalla costa mediterranea di Israele. Secondo i piani delle compagnie coinvolte nell’iniziativa, il nuovo impianto entrerà in funzione nella seconda metà del 2025. Per quell’anno la produzione di Leviathan salirà a 14 miliardi di metri cubi all’anno, hanno affermato le società. Il consorzio Leviathan comprende l’operatore Chevron (CVX.N) e le israeliane NewMed Energy (NWMDp.TA) e Ratio Energies (RATIp.TA).

Il CEO di NewMed, Yossi Abu, ha affermato che l’espansione della capacità produttiva e i futuri rifiuti prodotti tramite un impianto di liquefazione designato consentirà di fornire più gas naturale al mercato locale, regionale e molto presto anche globale. Risulta evidente lo sguardo verso mercato il mercato europeo che si trova ad affrontare da diverso tempo una complicata situazione con uno dei principali fornitori di energia, la Russia. A lungo termine, la produzione di Leviathan dovrebbe raggiungere circa 21 miliardi di metri cubi all’anno. Il gruppo ha annunciato piani per un terminale galleggiante di gas naturale liquefatto (GNL) al largo della costa israeliana con una capacità annua di GNL di circa 4,6 milioni di tonnellate, che corrispondono a 6,5 miliardi di metri cubi.

Il CEO di Ratio, Yigal Landau, ha aggiunto che la domanda record dello scorso anno è continuata nel primo trimestre e che si è creato lo spazio per espandere l’uso della rete di esportazione anche in Giordania. Landau ha dichiarato che le società coinvolte nel partenariato stanno attualmente esplorando l’opzione di potenziare le infrastrutture di trasmissione in Giordania per trasportare ulteriori quantità di gas verso i mercati in Giordania ed Egitto

I mercati guardano con fiducia ai nuovi investimenti previsti per espandere il progetto di Leviathan. Infatti, le azioni di Ratio sono state scambiate in rialzo dell’1,4% a Tel Aviv dopo l’annuncio e le azioni di NewMed sono aumentate dello 0,7%.

Azioni Ratio e NewMed in rialzo dopo l'annuncio del nuovo investimento del consorzio Leviathan
Azioni Ratio e NewMed in rialzo dopo l’annuncio del nuovo investimento del consorzio Leviathan

Il consorzio di Leviathan

L’esistenza dei giacimenti di gas Leviathan ha posto diverse sfide agli stati di quell’area del Mediterraneo orientale, in termini di cooperazione tra di loro, nonché per il più ampio contesto energetico del Mediterraneo. Subito dopo la scoperta dei giacimenti di gas Leviathan nel 2010, il Libano ha sostenuto che il giacimento si estendesse nelle acque libanesi. Successivamente, nell’agosto 2010, il Libano aveva presentato alle Nazioni Unite il suo punto di vista ufficiale in merito al confine marittimo, indicando che considerava i giacimenti di gas Tamar e Leviathan al di fuori del territorio libanese. Ponendo fine ad eventuali dispute legali tra i due paesi coinvolti.

Il giacimento di gas Leviathan è un grande giacimento di gas naturale nel Mar Mediterraneo al largo della costa di Israele, 29 miglia (ovvero 47 chilometri) a sud-ovest del famoso giacimento di gas Tamar. Questo giacimento di gas si trova a circa 130 chilometri a ovest di Haifa in acque profonde 1.500 metri nel bacino levantino, una ricca area di idrocarburi in uno dei più grandi giacimenti di gas naturale offshore. Secondo alcuni commentatori, la scoperta del gas ha il potenziale per cambiare le relazioni internazionali di Israele con i paesi vicini, tra cui la Turchia e l’Egitto. Insieme al vicino giacimento di gas di Tamar, il giacimento di Leviathan è visto come un’opportunità per Israele di raggiungere l’indipendenza energetica in Medio Oriente.

A partire dal 2017, anche secondo stime prudenti, Leviathan detiene abbastanza gas per soddisfare il fabbisogno interno di Israele per 40 anni. Il giacimento presenta 7 trilioni di metri cubi di gas naturale recuperabile. L’impianto ha iniziato la produzione commerciale di gas il 31 dicembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *