News, Economia

Economisti preoccupati dall’indebitamento USA: il deficit previsto per il 2024 ricorda la crisi del 2008

Avatar di Alessio Ippolito
Written by Alessio Ippolito
Attivo nel settore del digitale dal 2008, ricopro il ruolo di CEO e fondatore di ALESSIO IPPOLITO S.R.L. Editore, un'entità che possiede una rete di oltre 70 siti internet, concentrata sul mondo degli investimenti finanziari. Registrato presso l'Ordine dei Giornalisti di Roma dal 22/02/2022. Attualmente, sono il direttore responsabile della rinomata pubblicazione sulle criptovalute, Criptovaluta.it. A marzo 2023, ho assunto inoltre la direzione di TradingOnline.com, espandendo ulteriormente il mio impegno nel giornalismo finanziario.
Scopri i nostri principi editoriali
Avatar di Alessio Ippolito
Fact checked by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali

Un nuovo report del Congressional Budget Office (CBO), un ente non politico che riporta al Parlamento statunitense sulla situazione delle casse pubbliche, rivela che il boom di debito di questi anni è più grande di quanto molti investitori stessero pensando. L’indebitamento del governo federale in questo momento equivale al 120% del PIL e sta attraversando una visibile traiettoria di peggioramento dai tempi della pandemia. A marzo del 2020, il debito federale equivaleva a 23 miliardi di dollari; in appena quattro anni, è arrivato a 34 miliardi di dollari. Si parla di un aumento vicino al 50%, che ha sicuramente aiutato a favorire dei programmi di spesa pubblica per la crescita economica ma che dall’altra parte ora pesa sulla situazione del Tesoro pubblico.

Le grandi misure che gli Stati Uniti hanno approvato con l’amministrazione Biden per stimolare la spesa pubblica sono principalmente l’Inflation Reduction Act, il CHIPS Act e l’Infrastructure Act, tutte riforme con budget da decine di miliardi di dollari. Indubbiamente questo ha aiutato a rilanciare l’economia statunitense, al punto che lo scorso anno la crescita è stata superiore al 3%, e ha aiutato a riportare negli Stati Uniti delle filiere che in precedenza contavano solo o in gran parte sulle importazioni. Questo è sicuramente un fattore positivo, ma ora rimane un grande debito da pagare e la sensazione che l’amministrazione stia sottovalutando il problema per la credibilità finanziaria del paese.

presentazione della notizia su preoccupazioni per il debito pubblico USA
Lo scorso anno è arrivato uno storico downgrade del debito pubblico statunitense

Rally del debito pubblico americano

La crescita molto rapida del debito pubblico statunitense nel corso degli ultimi quattro anni ha inizialmente fomentato un rally azionario, mentre ora le grandi firme di Wall Street iniziano a chiedersi se ora il governo seguirà la strada opposta per abbassare i livelli di indebitamento, tagliando incentivi per le imprese. Questo è probabile soprattutto nel caso in cui alla prossima tornata elettorale emerga come vincitore Donald Trump, già più volte critico della politica economica fatta di deficit molto alti dell’amministrazione Biden.

Un dato particolarmente interessante, tra quelli divulgati dal CBO, è che una crescente parte del debito pubblico americano è in mano alle famiglie statunitensi. La quantità di buoni del Tesoro in mano ai risparmiatori americani era appena il 40% del PIL nel 2010, mentre oggi questa somma equivale al 100% del PIL e ci si aspetta di arrivare al 120% entro la fine di questo decennio. Il rally è andato avanti anche tra il 2010 e il 2019, quando i rendimenti dei bond americani erano prossimi allo zero. Riconoscendo l’importanza della situazione, Jerome Powell ha commentato alla stampa riguardo al fatto che bisogna fare qualcosa “prima o poi” per ridurre l’indebitamento e che “prima sarebbe meglio di poi”.

grafico debito federale USA
Il grafico del debito federale mostra come il post-pandemia abbia visto una rincorsa del deficit

Proiezioni 2024 come quella della Grande Depressione

Alcuni analisti parlano di “acque inesplorate” per la situazione economica attuale negli Stati Uniti. La previsione è che il deficit del 2024 equivalga a $1,6 triliardi, essendo già arrivato a $855 miliardi in questi primi cinque mesi dell’anno. In relazione al PIL, gli analisti fanno notare come questi livelli siano stati toccati poche volte nella storia: durante la Grande Depressione, nella Seconda Guerra Mondiale, nella crisi finanziaria del 2007 e durante il pieno della pandemia. Jamie Dimon, il CEO di JP Morgan, ritiene che la situazione sia destinata a causare problemi e chiede “cosa stiamo aspettando?” alle istituzioni. Secondo il vertice della più grande banca americana per asset in gestione, è il momento che gli Stati Uniti guardino al deficit pubblico come a una preoccupazione che riguarda tanto la nazione quanto il sistema finanziario mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *