News, Economia

Norvegia: ricavi di petrolio e gas toccano un record storico

Lo scorso anno la Norvegia ha registrato un introito record di 528 miliardi di corone norvegesi (50 miliardi di dollari) dal possesso diretto di licenze di petrolio e di gas. Il guadagno è più di cinque volte superiore all’ammontare solitamente incassato in un anno normale per il Paese. Questo risultato è stato raggiunto anche grazie alla posizione di maggior fornitore di gas naturale in Europa, dopo l’invasione russa in Ucraina.

Petoro, la società che gestisce gli interessi finanziari diretti dello stato norvegese in 36 campi di produzione di petrolio e gas, ha riportato un risultato di 342 miliardi di corone norvegesi superiore a quello dell’anno precedente. La produzione di gas naturale è stata di 109 milioni di metri cubi standard al giorno, il 7% in più rispetto all’anno precedente, come è stato dichiarato martedì 14 marzo.

immagine di presentazione della notizia sulla Norvegia che annuncia un record di ricavi da petrolio e gas
Petoro, la società di proprietà statale norvegese, guadagna 528 miliardi di corone dal petrolio e dal gas nel 2021

La Norvegia diventa il principale fornitore di gas naturale in Europa

Questo successo ha portato la Norvegia a diventare il maggiore fornitore di gas naturale in Europa, coprendo ora il 30% della domanda di questo combustibile del continente. Questo guadagno viene utilizzato per il fondo sovrano del Paese, del valore di 1,3 trilioni di dollari, e ha fornito al governo la possibilità di aumentare la spesa durante i periodi di recessione.

L’amministratrice delegata di Petoro, Kristin Fejerskov Kragseth, ha affermato martedì che gli sforzi a lungo termine compiuti sulla scaffale norvegese hanno permesso di contribuire al rifornimento di grandi volumi di gas in Europa. Ha anche aggiunto che questo aumento è stato possibile grazie alla produzione aumentata da diversi campi multipli.

La produzione totale di Petoro è stata di 1,04 milioni di barili equivalenti di petrolio al giorno, basata su attività come il gigantesco campo di Troll, uno dei più grandi giacimenti di gas naturale e petrolio del Mare del Nord, che rappresenta circa il 60% delle riserve di gas naturale sullo scaffale continentale norvegese e può produrre fino al 2070.

L’unità statale gestisce un portafoglio che copre circa un terzo delle riserve di petrolio e gas sullo scaffale continentale norvegese. Questa è stata creata nel 2001, quando la parziale privatizzazione di ciò che ora è Equinor ASA, il gruppo petrolifero numero uno in Scandinavia, ha reso necessario il trasferimento della gestione delle partecipazioni statali al di fuori della società.

La Norvegia dipende dal petrolio nonostante investimenti nelle energie rinnovabili

La Norvegia è sempre stata conosciuta per la sua vasta ricchezza in petrolio e gas naturale. Tuttavia, il Paese sta ora cercando di ridurre la sua dipendenza dal petrolio e punta a diventare una realtà a basse emissioni di carbonio. Nonostante la ricchezza economica che queste risorse forniscono ai Paesi che le possiedono, infatti, l’estrazione e il consumo di petrolio e gas naturale hanno un impatto significativo sull’ambiente e sul clima globale, come l’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria e le emissioni di gas serra.

immagine di industria di combustibili fossili
L’economia norvegese dipende principalmente dal petrolio, nonostante il Paese stia cercando di investire nelle energie rinnovabili

Per ridurre l’impatto ambientale dell’industria petrolifera e del gas naturale, quindi, la produzione di gas naturale non è l’unico settore in cui la Norvegia sta cercando di eccellere: sta anche investendo in energia eolica offshore, idroelettrica e solare. Proprio in Norvegia, infatti, l’azienda italiana Fincantieri, il più grande costruttore di navi d’Europa, ha dichiarato che il settore offshore potrebbe generare ricavi fino a 1,7 miliardi di euro entro il 2027, grazie alla svolta dall’industria petrolifera ai parchi eolici, che vede come protagonista l’attività offshore di Vard in Norvegia.

Tuttavia, nonostante questi sforzi, i proventi dall’industria del petrolio e del gas continuano a rappresentare una parte significativa dell’economia norvegese, almeno per il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *