News, Obbligazioni

Una delle più grandi banche cinesi emette $4,15 miliardi in bond per assorbire le perdite sui prestiti

Avatar di Alessandro Calvo
Written by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali

La Industrial and Commercial Bank of China è pronta a emettere $4,15 miliardi in obbligazioni TLAC, un tipo di obbligazione che le banche utilizzano per finanziare le riserve per assorbire eventuali perdite sui prestiti. In un momento in cui l’economia cinese continua a non ritrovare il suo ritmo di crescita pre-pandemia, soprattutto a causa della flessione del mercato immobiliare e del crescente protezionismo di Europa e Stati Uniti, le banche si trovano in una situazione complicata. I prestiti alle imprese immobiliari presentano un rischio molto grande di perdite, così come quelli alle imprese sanzionate che non riescono più a esportare verso Europa e Stati Uniti.

Fino a questo momento le banche cinesi hanno affrontato la situazione di petto, ricorrendo alle loro riserve per tappare i buchi lasciati dallo stato precario dell’economia. Ora, però, è necessario ricorrere al debito per mantenere i requisiti di liquidità internazionali e soprattutto per poter avere le riserve con cui aumentare l’erogazione di prestiti e aiutare l’economia a riprendersi. Sempre con l’obiettivo di mantenere la solidità dei gruppi bancari, la banca centrale cinese ha chiesto alle banche private di vendere obbligazioni considerate rischiose e ha favorito la fusione tra piccoli istituti di credito provinciali e grandi gruppi bancari.

presentazione della notizia su prima banca cinese che emette obbligazioni TLAC
L’emissione di obbligazioni TLAC è permessa in Cina dal 2022

Prima emissione di TLAC da una banca cinese

In Europa e negli Stati Uniti non è così raro che una banca decida di emettere obbligazioni TLAC, ma in Cina questa è la prima emissione di sempre. La Industrial and Commercial Bank of China punta a vendere bond per $4,15 miliardi, dando inizio alle danze: si prevede che seguano molte altre emissioni di questo genere nel corso dei prossimi mesi, soprattutto considerando che tutte le principali banche in Cina risultano sotto-capitalizzate rispetto ai requisiti internazionali di liquidità. Questo può favorire la fuga dei capitali e scoraggiare le imprese straniere dall’investire nel paese, entrambe situazioni che il governo cinese in questo momento sta provando ad arginare in tutti i modi.

Le obbligazioni TLAC (Total Loss-Absorbing Capacity) sono strumenti finanziari emessi dalle banche per aumentare la loro capacità di assorbire perdite in caso di insolvenza. Sono una componente importante delle regolamentazioni bancarie internazionali, soprattutto per ridurre il rischio di un contagio tra le banche in caso di crisi finanziaria. Le obbligazioni TLAC devono essere facilmente convertibili in azioni o liquidate per sostenere la solvibilità della banca in caso di crisi. Questo significa che gli investitori che detengono obbligazioni TLAC possono essere tenuti a sopportare perdite o a convertire le loro obbligazioni in azioni della banca in situazioni di stress finanziario. Per questo motivo, i rendimenti richiesti dal mercato sono più elevati rispetto a quelli richiesti nel caso delle obbligazioni tradizionali.

foto di Bank of China
Bank of China è attualmente la banca cinese con la maggior necessità di liquidità per poter assorbire eventuali perdite

Prevista un’ondata di emissioni

Tutte le principali banche controllate dal settore pubblico cinese hanno una necessità evidente di rifinanziarsi in questo momento. Le 5 banche più grandi del paese hanno tutte formulato dei piani per iniziare a emettere obbligazioni TLAC nel corso dell’anno: complessivamente gli analisti si aspettano che vengano emessi oltre $60 miliardi di questi bond in Cina durante il 2024. Inoltre Fitch ritiene che saranno necessarie emissioni per oltre quattro volte tanto entro la fine del prossimo anno, se i colossi bancari cinesi vogliono rimanere conformi alle regole internazionali. La banca più sotto pressione è Bank of China, che dovrà emettere almeno $21 miliardi di bond TLAC per rimanere conforme. Questa è una possibilità che fino a poco tempo fa nessuno avrebbe considerato in un paese come la Cina, con un’economia che fino alla pandemia stava stracciando qualunque record storico di crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *