Il rublo scivola dopo il tentato colpo di stato di Prigozhin

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Durante la mattina di lunedì, il rublo russo ha registrato un temporaneo calo ai minimi livelli sin dal marzo 2022. Ciò è avvenuto mentre i mercati finanziari stavano elaborando le conseguenze dell’insurrezione fallita di Yevgeny Prigozhin contro la leadership militare russa.

All’inizio della sessione di negoziazione a Mosca, la valuta russa ha subito un crollo superiore al 2%, scendendo al di sotto di 87 rispetto al dollaro statunitense, raggiungendo il suo punto più debole dall’ultima volta avvenuta il 29 marzo 2022. Tuttavia, nel corso della sessione, il rublo è riuscito a recuperare parzialmente le perdite subite.

Negli ultimi 16 mesi, il rublo ha mostrato un’eccezionale volatilità a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, poiché l’Occidente ha mirato alle riserve di valuta estera di Mosca e alle cruciali esportazioni energetiche attraverso sanzioni progettate per colpire l’economia russa.

Immagine di copertina, "Russia, Il tentato colpo di stato fa sprofondare il rublo", sfondo di alcuni rubli.
La fallita insurrezione di Prigozhin scuote i mercati finanziari.

Il tentato colpo di stato

Dopo diciassette mesi di guerra, originariamente prevista per essere breve, la situazione attuale mette in luce come l’invasione in corso abbia completamente distrutto l’immagine di stabilità che Putin ha cercato di costruire per anni.

Prigozhin, un protetto di lunga data che si era distinto per il suo coinvolgimento negli eventi del Cremlino, ha dato inizio alla prima sfida militare diretta a un presidente russo dal 1993, un segno infausto in un paese in cui guerre fallite hanno spesso portato alla tragica fine dei leader che le hanno avviate.

Secondo Ekaterina Schulmann, una scienziata politica russa attualmente basata a Berlino, questo rappresenta il più grande fallimento pubblico di tutta la carriera politica di Putin. La rivolta di Prigozhin mette in evidenza la fragilità del regime politico russo.

Un’analisi riservata dell’intelligence europea suggerisce che Putin e la Russia usciranno da questa crisi più deboli, e ciò verrà percepito come una sua personale sconfitta. Nel frattempo, l’Ucraina, che sta lottando per rompere le linee russe con una controffensiva che rappresenta la sua migliore speranza di riconquistare i territori occupati, si è rallegrata del caos che ha colpito Mosca.

Secondo il vice ministro della Difesa Hanna Malyar, le truppe ucraine stanno facendo progressi su tutti i fronti, avanzando intorno a Bakhmut, dove le forze di Wagner hanno combattuto per mesi, e in altre aree a sud.

La possibile percezione di debolezza di Putin potrebbe incoraggiare coloro tra gli alleati dell’Ucraina che desiderano una risposta ancora più decisa all’aggressione russa, soprattutto in vista del prossimo summit NATO a Vilnius, dove l’Ucraina cerca impegni più importanti da parte dell’alleanza, secondo un alto funzionario occidentale.

Tuttavia, altri alleati dell’Ucraina sono più cauti. Esprimono preoccupazione che il caos potrebbe rafforzare le posizioni dei falchi che vogliono intensificare gli sforzi bellici, o che Putin potrebbe diventare più imprevedibile mentre reprime ulteriormente coloro che ritiene infedeli nel suo paese.

Stati Uniti ed Europa hanno consigliato ai loro funzionari di mantenere un tono pubblico cauto in mezzo all’attuale incertezza.

Immagine di un elmetto da guerra.
La guerra in Ucraina va avanti ormai da 17 mesi.

Le conseguenze della ribellione

Secondo Alexey Antonov di Alor Broker, la politica sta nuovamente influenzando negativamente il sentimento degli investitori. Sebbene il picco delle tensioni sia ormai passato, si prevede che resterà una sensazione di disagio per un certo periodo di tempo.

Durante il fine settimana, a causa della mancanza di negoziazioni del rublo, le banche russe hanno offerto tassi di cambio molto al di sopra del tasso ufficiale, superando i 90 rubli per dollaro. Tuttavia, tali tassi stanno gradualmente diminuendo man mano che le tensioni si placano.

Gli investitori a livello globale stanno monitorando gli effetti che potrebbero derivare da questa ribellione interrotta, e alcuni si aspettano un movimento verso luoghi sicuri come i titoli di Stato statunitensi e il dollaro.

L’evento ha anche riacceso una vecchia preoccupazione a Washington riguardo al destino delle scorte nucleari russe in caso di turbolenze interne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *