L’AUD recupera le perdite dopo la pausa dei rialzi della RBA

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Nella decisione molto attesa di martedì, la banca centrale dell’Australia ha mantenuto stabile il tasso ufficiale di interesse al 4,10%. Prima dell’annuncio, gli economisti erano divisi sulle aspettative: 16 dei 31 esperti intervistati da Reuters prevedevano un aumento di 25 punti base, mentre gli altri 15 si aspettavano che la banca centrale mantenesse il tasso invariato.

Secondo il governatore della RBA, Philip Lowe, potrebbe essere necessario un ulteriore rialzo della politica monetaria per garantire un ritorno dell’inflazione al target nel tempo previsto. Lowe ha anche osservato che l’inflazione rimane ancora elevata e continuerà a esserlo per un periodo considerevole.

Il dollaro australiano ha subito una leggera diminuzione dello 0,4% raggiungendo il valore di $0,6647. Tuttavia, in seguito ha recuperato tutte le perdite ed è attualmente scambiato a $0,67. Questo recupero è attribuito alle aspettative dei trader che prevedono almeno un altro aumento nel ciclo attuale. Attualmente, il mercato indica una probabilità equamente divisa del 50-50 per un aumento al 4,35% previsto per agosto, mentre si sta riducendo il rischio di ulteriori incrementi fino al 4,6%.

Immagine di copertina, "AUD, La RBA mantiene invariati i tassi ma il dollaro australiano resiste", sfondo di alcune banconote di dollari australiani.
Il mercato stima una probabilità del 50% di un nuovo rialzo ad agosto.

Fase di osservazione

Lowe ha dichiarato nella nota di martedì che la decisione di mantenere stabili i tassi di interesse questo mese era finalizzata a dare alla Banca più tempo per valutare lo stato dell’economia, le prospettive economiche e i rischi associati.

Inoltre, ha aggiunto che la banca centrale continuerà a monitorare attentamente gli sviluppi dell’economia globale, le tendenze della spesa delle famiglie e le previsioni sull’inflazione. Secondo l’analista di mercato di IG in Australia, Tony Sycamore, la decisione della banca centrale di mantenere i tassi fermi è finalizzata a valutare gli effetti dei numerosi rialzi fatti finora.

Sycamore ha spiegato a CNBC che la decisione della RBA di mantenere i tassi invariati oggi era basata in parte su ragioni simili a quelle che avevano portato a una pausa nel mese di aprile, al fine di valutare l’impatto complessivo di un aumento cumulativo di 400 punti base dei tassi negli ultimi quattordici mesi. All’ultima riunione di giugno la RBA aveva invece deciso di alzare i tassi di 25 punti base.

Grafico che mostra l'andamento dei tassi di interesse in Australia negli ultimi 25 anni.
Negli ultimi mesi la RBA ha continuato ad alzare i tassi di interesse e adesso aspetta di vederne i risultati sull’inflazione.

Possibile un nuovo aumento ad agosto

Molti economisti ritengono probabile un aumento dei tassi ad agosto dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione del secondo trimestre a fine luglio, i quali probabilmente confermeranno un livello persistente di inflazione.

Secondo Marcel Thieliant, economista senior presso Capital Economics, con il mercato del lavoro ancora molto stretto, un forte rimbalzo dei prezzi delle case e un’impennata dei costi unitari del lavoro, è probabile che ci sia un altro aumento dei tassi dello 0,25% ad agosto, seguito da un ulteriore aumento a settembre.

Attualmente, la banca centrale prevede che l’inflazione generale, che nel primo trimestre ha raggiunto il 7%, tornerà al limite superiore dell’obiettivo del 2-3% entro metà 2025.

Nonostante gli aumenti dei tassi effettuati nell’ultimo anno, i responsabili politici globali stanno ancora lottando contro un’alta inflazione. Sia la Federal Reserve che la Banca Centrale Europea sono quasi certe di aumentare i tassi di interesse di un quarto di punto questo mese, il che potrebbe esercitare ulteriore pressione sul già debole dollaro australiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *