RBA ha alzato i tassi per paura di un’inflazione persistente

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

La decisione della banca centrale dell’Australia di aumentare i tassi di interesse a giugno è stata descritta come accuratamente bilanciata, ma è stata ritenuta necessaria per evitare che l’inflazione elevata si radicasse nelle aspettative salariali e dei prezzi.

I verbali della riunione di politica monetaria del 4 giugno, pubblicati martedì, hanno mostrato che il consiglio della Reserve Bank of Australia (RBA) ha valutato la possibilità di mantenere i tassi invariati, considerando il rallentamento evidente della spesa dei consumatori. Tuttavia, si è ritenuto che i rischi per l’inflazione si fossero spostati verso l’alto.

Immagine di copertina, "RBA, La decisione di alzare i tassi è stata dettata dalla paura di un'inflazione radicata", sfondo di alcune banconote da 100 dollari australiani.
Il verbale pubblicato martedì mostra come la RBA aveva valutato di mantenere i tassi invariati.

12 rialzi consecutivi

Il dollaro australiano ha registrato una diminuzione di quasi mezzo centesimo di dollaro statunitense, scendendo a circa 68 centesimi di dollaro americano, in seguito alla pubblicazione dei verbali, indicando che gli investitori stavano rispondendo al tono più accomodante riducendo le loro aspettative riguardo a quando e di quanto aumenteranno i tassi di interesse.

Secondo i verbali, durante la decisione di aumentare nuovamente i tassi, i membri del consiglio hanno riconosciuto l’incertezza considerevole riguardo alle prospettive della spesa delle famiglie e alle difficoltà finanziarie che alcune famiglie stanno affrontando. Hanno anche ribadito la loro determinazione nel riportare l’inflazione al target desiderato e la loro disponibilità a fare tutto il necessario per raggiungere tale obiettivo.

Negli ultimi 13 mesi, la RBA ha alzato i tassi di interesse di quattro punti percentuali in 12 mosse, iniziando il ciclo di incremento dei tassi durante le elezioni federali di maggio 2022. Tuttavia, i critici hanno avvertito che gli effetti ritardati di questi aumenti – considerando che le banche impiegano un po’ di tempo per trasferire tali cambiamenti ai mutuatari – potrebbero rischiare di danneggiare eccessivamente la domanda, portando così l’economia a una brusca frenata.

Grafico che mostra l'andamento dei tassi di interesse negli ultimi 30 anni in Australia.
Quello del 6 giugno è stato il dodicesimo rialzo consecutivo del tasso di interesse.

La disoccupazione continua a calare

Dopo la riunione del consiglio, sono stati pubblicati i dati relativi al mercato del lavoro di maggio. Tali dati hanno mostrato un inaspettato calo del tasso di disoccupazione al 3,6% rispetto al 3,7% di aprile, con l’aggiunta di oltre 70.000 nuovi posti di lavoro, quattro volte in più rispetto alle previsioni degli economisti di mercato.

Il verbale della riunione ha dedicato molto spazio agli argomenti a favore di un immediato aumento dei tassi. La principale preoccupazione della RBA riguarda infatti la persistenza dell’inflazione e la possibilità che non si riduca al 3% entro metà del 2025, come auspicato dalla banca.

Tra le ragioni di tale persistenza nei prezzi, si individua il fatto che alcune aziende stanno legando i propri prezzi, in modo implicito o esplicito, all’inflazione passata. Inoltre, si ipotizza che gli aumenti salariali potrebbero essere anch’essi collegati all’inflazione elevata del passato, e vi è il rischio che questa tendenza si diffonda su larga scala.

L‘inflazione generale continua a essere elevata al 7,0%, mentre la disoccupazione si mantiene vicina ai minimi degli ultimi 50 anni, con un tasso del 3,6%, alimentando così le pressioni salariali. La bassa produttività e l’incremento dei salari sono stati motivo di particolare preoccupazione, con l’organismo di governo che ha rilevato che l’incremento salariale nazionale per i lavoratori a basso reddito è stato superiore alle aspettative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *