La Namibia valuta se acquisire quote di società minerarie

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Il ministro delle Miniere e dell’Energia della Namibia, Tom Alweendo, ha dichiarato che la Namibia, dove sono state fatte importanti scoperte di petrolio offshore nei mesi recenti, sta prendendo in considerazione l’opportunità di acquisire quote di minoranza in aziende minerarie e produttrici di petrolio nel paese africano, al fine di beneficiare maggiormente delle sue risorse naturali.

Alweendo ha affermato che si sta sostenendo l’idea che lo Stato, debba detenere la proprietà delle risorse naturali. Questa dichiarazione ha provocato una brusca diminuzione delle azioni delle aziende minerarie che operano in Namibia.

Immagine di copertina, "Petrolio, La Namibia valuta se acquisire quote di partecipazione societarie", sfondo della mappa politica della Namibia.
Il paese si dirige verso la nazionalizzazione delle materie prime.

Il prossimo grosso produttore di petrolio

Shell e TotalEnergies, due delle maggiori compagnie petrolifere e del gas, hanno recentemente effettuato importanti scoperte nell’Orange Basin al largo della Namibia. Nel corso dell’anno, Shell, in collaborazione con QatarEnergy e la compagnia petrolifera di stato della Namibia, NAMCOR, ha trovato petrolio leggero in un pozzo di esplorazione in acque profonde.

Inoltre, la compagnia francese TotalEnergies ha fatto una significativa scoperta di petrolio leggero con gas associato nel pozzo Venus 1-X nell’Orange Basin all’inizio dell’anno scorso. TotalEnergies ha definito Venus in Namibia una gigantesca scoperta di petrolio e gas durante una presentazione agli investitori lo scorso settembre.

Le enormi scoperte al largo della Namibia potrebbero fare del paese il prossimo grosso produttore di petrolio. La commissaria del petrolio della Namibia, Maggy Shino, ha dichiarato a Bloomberg nell’ottobre scorso che se le recenti scoperte di petrolio al largo si dimostrassero di dimensioni adeguate per uno sviluppo commerciale, la Namibia potrebbe considerare l’adesione all’OPEC.

Il paese si unisce all’ondata di nazionalizzazioni

La Namibia si distingue come uno dei principali produttori di diamanti in Africa e la più grande fonte di uranio nel continente.

Il Paese dell’Africa sud-occidentale, caratterizzato da un clima arido, si unisce ad altre nazioni come lo Zimbabwe, il Brasile, il Cile, l’Indonesia, le Filippine e il Perù, che stanno cercando di ottenere un maggior valore dalle loro risorse minerali o stanno considerando un intervento statale più incisivo, principalmente a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime.

Inoltre, la Namibia sta valutando la creazione di un fondo per l’esplorazione dei minerali, finanziato in parte dalle royalties pagate dalle aziende minerarie e petrolifere allo Stato. Come ha affermato Alweendo, questo fondo avrà lo scopo di sostenere gli imprenditori locali interessati ad investire nel settore minerario.

Immagine di una piattaforma petrolifera al tramonto.
Al largo della Namibia sono state fatte diverse importanti scoperte di nuovi giacimenti petroliferi.

Crollano in borsa le aziende minerarie della Namibia

Le azioni di Paladin Energy Ltd in Australia hanno subito un drastico calo, arrivando a una diminuzione del 24%, e di conseguenza sono state sospese dalle negoziazioni. Secondo i dati di Bloomberg, tutto quanto il fatturato dell’azienda proviene dalla Namibia.

Anche Bannerman Energy , impegnata nello sviluppo del progetto di uranio Etango, ha registrato una diminuzione del 7,4%, toccando il minimo degli ultimi trenta giorni, mentre Deep Yellow ha subito una brusca caduta del 13,4%, segnando la sua peggiore diminuzione percentuale giornaliera dal 9 maggio.

Al momento non è ancora chiaro quale percentuale il paese intenda acquisire nei progetti legati alle risorse naturali. Tuttavia, a marzo, Alweendo ha dichiarato al parlamento della Namibia che il governo affronterà questa questione con attenzione e prudenza.

È importante considerare attentamente il fatto che esiste un limite massimo oltre il quale gli investitori potrebbero essere riluttanti a investire. Pertanto, è fondamentale evitare di trovarsi in una situazione del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *