BridgeBio attira l’interesse delle aziende farmaceutiche

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Secondo quanto riportato venerdì da Bloomberg News, BridgeBio Pharma Inc, la società specializzata nelle terapie geniche, è oggetto di interesse da parte di alcune grandi aziende farmaceutiche, stando a quanto hanno dichiarato fonti informate sulla vicenda.

Nel trading dopo la chiusura dei mercati, le azioni della società con sede in California sono aumentate di quasi il 13% a $16,82. Secondo i dati Refinitiv, la capitalizzazione di mercato di BridgeBio Pharma è pari a 2,18 miliardi di dollari.

Anche se sono in corso trattative per l’acquisizione, non è ancora certo che si concretizzeranno in una transazione. Secondo il rapporto, BridgeBio potrebbe scegliere di rimanere indipendente per un periodo più lungo per trarre vantaggio dai risultati delle prossime sperimentazioni sui farmaci.

Immagine di copertina, "BridgeBio, Aziende farmaceutiche in trattativa", sfondo di uno scienziato in laboratorio.
La società specializzata in terapie per malattie rare ha attirato l’interesse di diverse aziende farmaceutiche.

BridgeBio vuole rimanere indipendente

Il successo di BridgeBio nella ricerca e nello sviluppo di terapie innovative per malattie rare ha attirato l’attenzione di importanti aziende farmaceutiche, alla ricerca di nuove opportunità di crescita. La società ha già stretto alcune importanti partnership con aziende farmaceutiche, tra cui Roche e Novartis, e si prevede che l’interesse di altre aziende continuerà ad aumentare.

Tuttavia, nonostante il coinvolgimento delle aziende farmaceutiche per BridgeBio, l’acquisizione della società non sarà facile. Il CEO di BridgeBio, Neil Kumar, ha dichiarato che la società non è interessata a una vendita a breve termine e che ha intenzione di rimanere indipendente attualmente per continuare a sfruttare i risultati derivanti dallo sviluppo di terapie innovative per malattie rare.

Inoltre, BridgeBio è una società relativamente giovane, fondata solo nel 2015, e la sua pipeline di prodotti è ancora in fase di sviluppo. Ciò significa che qualsiasi potenziale acquirente dovrà valutare attentamente il rischio associato alle terapie in fase di sviluppo e alle eventuali complicazioni derivanti dall’approvazione da parte delle autorità regolatrici.

Grafico che mostra l'andamento del prezzo di BridgeBio degli ultimi 5 giorni.
BridgeBio ha toccato i 17 dollari venerdì dopo la chiusura dei mercati.

Su BridgeBio

BridgeBio Pharma Inc è una società di terapia genica con sede a Palo Alto, in California. Fondata nel 2015, si concentra sulla scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie innovative per le malattie genetiche rare.

La società utilizza una piattaforma tecnologica proprietaria per identificare nuove terapie per le malattie rare e spesso trascurate. La piattaforma si basa sulla comprensione delle basi molecolari delle malattie genetiche rare e sulla creazione di terapie mirate per affrontare specifici difetti genetici.

Attualmente, BridgeBio Pharma è impegnata nello sviluppo di un portafoglio di terapie innovative per malattie rare che attualmente non hanno opzioni di trattamento efficaci. La società è in fase di sviluppo di terapie per malattie come l’acromegalia, la sindrome di Cushing, la distrofia muscolare di Duchenne, la sindrome di Lowe e molte altre.

La società ha stabilito anche numerose partnership con altre aziende farmaceutiche per accelerare lo sviluppo di terapie per malattie rare. BridgeBio Pharma ha una forte presenza negli Stati Uniti, ma ha anche uffici in Europa e Asia.

Rimanendo in ambito medico, recentemente il farmaco di 89Bio per la steatoepatite non alcolica, una malattia con un’altissima prevalenza negli Stati Uniti, ha superato le prove intermedie e sembra promettere molto bene per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *