Canada: nuove regole per le navi da crociera

Avatar di Stefano Mancuso
Written by Stefano Mancuso
Conclusi gli studi con un doppio master in Relazioni Internazionali presso l'Università di Torino e la Tongji University di Shanghai, ho intrapreso un'esperienza professionale in Portogallo nel settore della gestione dei social media per le imprese. La mia collaborazione con Tradingonline.com ha rappresentato l'incontro perfetto tra il mio interesse per l'economia verde e la gestione delle materie prime su scala globale, allineandosi inoltre al mio approccio di vita come nomade digitale.
Scopri i nostri principi editoriali

Nella giornata di venerdì, il Canada ha vietato alle navi da crociera di scaricare acque reflue e acque sporche vicino alla costa e ha affermato che imporrà multe fino a 250.000 dollari canadesi (che corrispondono a 190.000 dollari statunitensi) per le navi responsabili di questo tipo di azioni.

Una serie di misure per limitare l’inquinamento delle acque sono state introdotte su base volontaria nell’aprile 2022. Omar Alghabra, ministro dei trasporti dell’attuale governo canadese, afferma che questi provvedimenti legislativi diventeranno presto obbligatori con effetto immediato. I gruppi ambientalisti hanno affermato che Ottawa ha ignorato la più grande fonte di inquinamento liquido delle navi da crociera: l’acqua utilizzata per pulire i sistemi di pulizia dei gas di scarico, o scrubber, che rimuovono lo zolfo dal carburante delle navi.

Il Canada ha vietato alle navi da crociera di scaricare acque reflue e acque sporche vicino alla costa
Il Canada ha vietato alle navi da crociera di scaricare acque reflue e acque sporche vicino alla costa

Le navi da crociera sulle coste canadesi

Il ministro dei trasporti, Omar Alghabra, afferma che le navi da crociera sono una parte importante dell’economia del paese e del settore turistico, ma risulta necessario una migliore regolamentazione affinché le aziende operino in modo più sostenibile. Inoltre, ha aggiunto che le navi da crociera generano più di 4 miliardi di dollari canadesi all’anno per l’economia nazionale.

Le norme vietano lo scarico delle acque reflue e delle cosiddette acque grigie (che comprendono lo scarico da lavandini, lavatrici, vasche da bagno e docce) entro tre miglia nautiche dalle coste canadesi. Inoltre, le navi in acque non artiche dovranno rafforzare i trattamenti delle acque reflue e delle acque grigie scaricate tra le 3 e le 12 miglia nautiche dalla costa. Esistono regole separate per quanto riguarda l’inquinamento delle navi da crociera nelle acque artiche.

Gli ambientalisti affermano che le navi da crociera che viaggiano da e verso l’Alaska da sole hanno scaricato 31 miliardi di litri di inquinamento trattato in modo inadeguato nelle acque del Pacifico del Canada nell’anno 2019.

Nelle dichiarazioni, la legge ambientale della costa occidentale e i gruppi stand.earth green hanno entrambi accolto con favore l’annuncio del ministro Alghabra. Tuttavia, hanno richiesto regolamenti più severi in merito all’acqua dedicata alle operazioni di lavaggio delle navi. Questa tipologia di acqua rappresenta oltre il 90% dei rifiuti liquidi delle navi da crociera.

Le navi da crociera generano più di 4 miliardi di dollari canadesi all'anno per l'economia nazionale
Le navi da crociera generano più di 4 miliardi di dollari canadesi all’anno per l’economia nazionale

Il settore turistico per l’economia canadase

Già nel 2019, il governo del Canada ha lanciato il progetto Creating Middle Class Jobs: A Federal Tourism Growth Strategy. L’obiettivo della strategia era liberare il potenziale del turismo per promuovere la crescita economica e la creazione di nuovi posti di lavoro in tutte le regioni del paese.

Il contesto in cui quella strategia è stata elaborata è molto diverso da quello odierno. Il settore del turismo canadese era in forte espansione, portando un numero record di visitatori internazionali nel 2017 e nel 2018 e rappresentando un posto di lavoro su dieci. La strategia è stata progettata per sfruttare questo slancio.

Tuttavia, il settore del turismo canadese è stato influenzato dalla pandemia di COVID-19. Fin dall’inizio, i lavoratori e le imprese del turismo hanno subito il pieno impatto delle misure di salute pubblica e della chiusura delle frontiere. Grazie a un sostegno stimato di 23 miliardi di dollari statunitensi, fornito attraverso i programmi di emergenza del governo federale, il settore è sopravvissuto e conserva il suo potenziale come importante motore di crescita economica, posti di lavoro e prosperità per le comunità di tutto il paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *