FirstGroup: altri 117 bus elettrici alla flotta in UK

Avatar di Chiara Ricciato
Written by Chiara Ricciato
Animata da un vivo interesse per l'analisi fondamentale delle aziende e le dinamiche interne, questo individuo si distingue per la sua curiosità e versatilità. È costantemente alla ricerca di nuove informazioni per arricchire il proprio sapere, dedicandosi alla lettura di report finanziari trimestrali per mantenere un'aggiornata comprensione del mercato.
Scopri i nostri principi editoriali

La compagnia britannica di trasporto pubblico FirstGroup ha annunciato che aggiungerà altri 117 autobus elettrici alla sua flotta entro il prossimo anno, in linea con la mossa del Regno Unito verso viaggi più puliti.

Il Regno Unito sta investendo pesantemente in politiche che promuovono il trasporto pubblico, tra cui gli autobus, fornendo incentivi agli operatori per convertire i veicoli diesel in veicoli elettrici o a idrogeno. FirstGroup è in prima linea nella fornitura di soluzioni in quest’ambito, dichiarando che gli autobus elettrici emettono meno anidride carbonica rispetto a quelli alimentati a diesel, migliorando la qualità dell’aria e riducendo l’inquinamento acustico. Inoltre, questi autobus hanno costi operativi più bassi rispetto ai loro omologhi a combustibili fossili, in quanto richiedono meno manutenzione e l’elettricità costa meno del carburante.

immagine di presentazione della notizia di FirstGroup che aggiungerà altri 117 autobus elettrici alla sua flotta per ridurre le emissioni
FirstGroup aggiungerà altri 117 autobus elettrici alla sua flotta entro il prossimo anno

FirstGroup, leader nella transizione verso un mondo a zero emissioni per un futuro sostenibile

L’operatore di trasporto pubblico ha dichiarato nella giornata odierna che la spesa di capitale aumenterà a 120-125 milioni di sterline (149,6 milioni di dollari) nell’intero anno 2024, in quanto ha pianificato di investire ulteriori 35 milioni di sterline per espandere la flotta ed elettrificare l’infrastruttura. Inoltre, FirstGroup, che gestisce First Bus e First Rail, ha anche ottenuto l’approvazione del Dipartimento dei Trasporti (DfT) per potenziare i loro progetti esistenti di Zero Emission Bus Regional Area (ZEBRA) in quattro posizioni: 25 milioni di sterline di finanziamenti governativi in collaborazione con le autorità locali.

Ciò significa che l’azienda finanzierà insieme ai partner locali l’acquisto di altri 117 autobus elettrici nei depositi di York, Bramley nel West Yorkshire, uno dei depositi di Norwich in Norfolk e nel deposito di Hoeford nell’Hampshire. Il 58% del finanziamento sarà fornito da First Bus, mentre il restante 42% proviene dallo schema ZEBRA del governo del Regno Unito. Il nuovo finanziamento porterà il numero totale di autobus elettrici nella sua flotta a oltre 600 entro marzo 2024.

La società FirstGroup ha annunciato che i suoi depositi di York e Norwich diventeranno i primi depositi di autobus completamente elettrici del Regno Unito, al di fuori di Londra, entro marzo 2024. Inoltre, insieme ai primi due depositi completamente elettrici, il nuovo finanziamento per il deposito di Hoeford implica che tutte le rotte commerciali che partono dal deposito saranno completamente elettriche. Ciò porterà il totale della flotta di autobus elettrici del deposito a 62 unità grazie al finanziamento combinato di ZEBRA. First Bus continuerà inoltre a lavorare con il Consiglio comunale di Leicester sul progetto ZEBRA nel deposito della città, con la messa in servizio di 68 veicoli.

Alla conclusione dei progetti ZEBRA, First Bus avrà oltre 600 autobus a emissioni zero nella sua flotta. L’azienda convertirà i depositi e installerà l’infrastruttura necessaria per ospitare questi veicoli all’avanguardia in collaborazione con il distributore di energia elettrica locale e le autorità locali. L’obiettivo finale di FirstGroup è quello di eliminare completamente i bus a combustibili fossili dalla sua flotta entro il 2035.

immagine di un autobus elettrico
L’obiettivo di FirstGroup è quello di eliminare completamente i bus a combustibili fossili entro il 2035

Il ministro dei trasporti Richard Holden ha dichiarato che gli autobus sono la forma di trasporto pubblico più popolare in Gran Bretagna, per cui questi nuovi autobus a zero emissioni supporteranno centinaia di posti di lavoro manifatturieri di alta qualità nell’Irlanda del Nord, faranno crescere l’economia e aiuteranno a pulire l’aria nelle città di tutto il Paese.

Al fine di ridurre le emissioni dei trasporti, inclusi i veicoli commerciali leggeri, i bus e i treni, l’Unione Europea ha stabilito obiettivi ambiziosi. Sulla stessa linea, il Regno Unito ha annunciato l’obiettivo di vietare la vendita di nuovi veicoli alimentati a benzina e diesel entro il 2030, in un tentativo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. In questo senso, l’investimento di FirstGroup nella flotta di autobus elettrici rappresenta un passo importante verso un futuro più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

FirstGroup riconosciuta per il quarto anno consecutivo nella lista Clean200 per la sostenibilità ambientale

La FirstGroup plc è stata inclusa nel rapporto Clean200 2023, un elenco dei maggiori fornitori di soluzioni energetiche pulite per la transizione a un’economia a basso contenuto di carbonio. La lista è stilata da Corporate Knights, un gruppo di media aziendali sostenibili, in collaborazione con l’organizzazione non profit americana As You Sow. Solo sei aziende del Regno Unito sono state selezionate, tra cui FirstGroup, che è l’unica società di trasporto passeggeri con sede in Europa ad aver ottenuto questo riconoscimento per il quarto anno consecutivo.

Il CEO della compagnia britannica, Graham Sutherland, ha commentato l’inclusione dell’azienda nella lista Clean200, affermando che la società è impegnata ad accelerare la transizione verso un mondo a zero emissioni di carbonio per affrontare le sfide dei cambiamenti climatici. Come principale fornitore di trasporti su bus e treni, l’azienda ha un ruolo chiave nel creare un futuro più pulito, più verde e più sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *