Friedland: Il rame dovrebbe essere un minerale critico

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Robert Friedland, un importante investitore nel settore minerario, ha affermato che il governo degli Stati Uniti dovrebbe considerare il rame come un materiale critico ai sensi della legge storica sull’energia pulita del presidente Joe Biden.

Durante un’intervista a Bloomberg TV condotta da Alix Steel e Guy Johnson, Friedland ha sottolineato l’ovvietà di questa necessità, affermando che negli ultimi 40 anni gli Stati Uniti non hanno sviluppato una miniera significativa. Ha inoltre affermato che l’estrazione del rame è di importanza fondamentale.

Friedland, miliardario noto per aver scoperto alcuni dei più grandi giacimenti di rame al mondo, ha da tempo sostenuto l’importanza di questo metallo, ampiamente utilizzato in diversi settori, tra cui fili, tubazioni, missili e carri armati.

Immagine di copertina, "Rame, Il miliardario Friedman ritiene che dovrebbe essere un minerale critico", sfondo di alcune filamenti di rame.
Friedman si unisce alle principali aziende nel settore delle materie prime che hanno lanciato l’allarme di una possibile futura carenza di rame.

Stati Uniti sempre più dipendenti dalle importazioni di rame

Le principali aziende del settore delle materie prime, come Glencore e Trafigura, hanno da mesi lanciato l’allarme riguardo a una futura carenza di rame. Tale preoccupazione è dovuta all’aspettata crescita della domanda, stimolata dagli sforzi per la transizione energetica.

Secondo il CEO di Glencore, Gary Nagle, nonostante se ne parli molto, il prezzo del rame non riflette ancora l’imminente deficit. L’Unione Europea ha già classificato il rame come una materia prima critica, sottolineando l’importanza strategica di questo metallo.

Recentemente, anche Citigroup ha parlato di un’inversione di tendenza per quanto riguarda il prezzo del rame che ha attraversato un lungo periodo di calo.

Secondo la Copper Development Association Inc, circa la metà della produzione mondiale di rame lavorato al di fuori degli Stati Uniti proviene da paesi con i quali gli Stati Uniti non hanno relazioni amichevoli, come Russia, Cina, Iran e Corea del Nord.

La Cina ha un ruolo predominante nel settore della lavorazione dei minerali, responsabile della raffinazione di una grande quantità di nichel, rame, cobalto e altre risorse fondamentali per la crescita economica e le tecnologie green-energy. Al fine di ridurre la dipendenza globale dalla Cina, in un contesto di crescente competizione strategica tra le due nazioni, gli Stati Uniti stanno adottando iniziative come l‘Inflation Reduction Act.

Tuttavia, gli Stati Uniti sono sempre più dipendenti dalle importazioni di rame, con una quota di consumo di rame lavorato che dipende dalle importazioni nette che è aumentata dal 31% nel 2016 al 49,3% nel 2021. Questo indica una crescente dipendenza da fonti esterne per soddisfare il fabbisogno di rame del paese.

Immagine di alcune pale eoliche e pannelli fotovoltaici.
Il rame è fondamentale per la costruzione degli impianti che producono energia pulita.

I criteri per la classificazione dei minerali critici

Nel 2021, l’USGS ha apportato modifiche alla sua metodologia per identificare i metalli da considerare come minerali critici. Tuttavia, basandosi sui dati del 2018 disponibili all’epoca, il rame non soddisfaceva i criteri stabiliti.

Per classificare un materiale come minerale critico, l’USGS considera il potenziale di interruzione nell’approvvigionamento estero, l’esposizione commerciale e la vulnerabilità del settore manifatturiero statunitense a eventuali interruzioni nell’approvvigionamento. Con l’aumento dell’importanza dell’energia verde negli Stati Uniti, tali rischi diventano sempre più significativi. La CDA sostiene che i dati del 2021 confermino la qualificazione del rame come minerale critico..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *