Goldman Sachs ritiene che il mercato sia troppo ottimistico

Avatar di Moreno La Guardia
Written by Moreno La Guardia
Durante le prime fasi della mia carriera giornalistica, mi sono concentrato prevalentemente sull'universo delle criptovalute. Successivamente, ho ampliato il mio campo d'azione approdando a TradingOnline.com, dove mi occupo attualmente delle tematiche legate al settore tecnologico e all'innovazione.
Scopri i nostri principi editoriali

Secondo gli analisti di Goldman Sachs Group Inc., l’inflazione negli Stati Uniti non si ridurrà così rapidamente come viene attualmente valutato dai mercati.

Gli investitori sembrano supporre che una brusca decelerazione della crescita porterà a una diminuzione più rapida delle pressioni sui prezzi e mostrano un atteggiamento più pessimista nei confronti dei prezzi dell’energia rispetto a quanto suggerito dai futures delle materie prime, come indicato dagli analisti guidati da Praveen Korapaty in una nota pubblicata venerdì.

Gli analisti ritengono che ci siano limitate possibilità che tali fattori riducano i prezzi e affermano che i mercati stanno anche ignorando la possibilità di un’inflazione a insorgenza ritardata in settori come l’assistenza sanitaria.

Secondo gli analisti, nonostante si prevedano ulteriori cali dell’inflazione in futuro, i mercati sembrano essere notevolmente più ottimisti rispetto a loro riguardo alla velocità del raffreddamento.

Immagine di copertina, "Goldman Sachs, L'inflazione non diminuirà così rapidamente negli Stati Uniti", sfondo della torre di Goldman Sachs.
Gli analisti di Goldman Sachs ritengono che gli investitori siano troppo ottimisti.

L’ottimisto del mercato USA

L’aumento del 15% dell’S&P 500 dall’inizio dell’anno sta attraendo di nuovo sul mercato gli investitori che erano inizialmente scettici. Molti di coloro che avevano ridotto la loro esposizione alle azioni durante la caduta del 2022 stanno ora cambiando strategia.

La scorsa settimana, l’indice di esposizione dell’Associazione Nazionale dei Gestori di Investimenti Attivi ha raggiunto il livello più alto da fine 2021, mentre i gestori dei fondi globali intervistati dalla Bank of America hanno registrato livelli di liquidità minimi dal gennaio 2022.

Secondo i dati di Deutsche Bank, gli investitori discrezionali, inclusi i gestori dei fondi e gli investitori individuali, hanno superato il livello neutrale all’inizio di questo mese per la prima volta da febbraio.

Nel frattempo, gli investitori di opzioni stanno acquistando opzioni di acquisto, scommettendo sull’aumento delle azioni, a livelli mai visti da anni. Giovedì sono state registrate un numero record di 1,8 milioni di opzioni di acquisto sull’S&P 500, contribuendo ad aumentare la media mobile delle opzioni di acquisto rispetto a quelle di vendita al livello più alto degli ultimi quattro anni, secondo i dati di Trade Alert.

Immagine del grattacielo della BCE.
La BCE a differenza della FED ha deciso di alzare i tassi di interesse di altri 25 punti base.

La FED continuerà ad alzare i tassi

Mercoledì, il Federal Open Market Committee ha deciso di sospendere la serie di aumenti dei tassi di interesse. Tuttavia, gli amministratori prevedono che i tassi saliranno oltre le previsioni precedenti a causa delle pressioni sui prezzi che persistono in modo sorprendente e della solidità del mercato del lavoro.

Nel frattempo, le aspettative di inflazione a breve termine negli Stati Uniti sono diminuite all’inizio di giugno, raggiungendo il punto più basso degli ultimi due anni. Questo ha contribuito ad aumentare il sentimento dei consumatori.

Il capo della ricerca di Fundstrat, Tom Lee, ha espresso l’opinione che gli aumenti dei prezzi potrebbero diminuire, probabilmente entro quest’anno, soprattutto se diminuirà la componente degli alloggi e degli affitti nell’indice dei prezzi al consumo. Secondo Lee, il mercato azionario sta gradualmente aderendo a questa prospettiva, e ciò potrebbe spiegare gran parte dei guadagni registrati finora.

Lee ha affermato che la Federal Reserve potrà concludere questa guerra all’inflazione o effettuare una svolta solo quando il pubblico in generale sarà convinto che l’inflazione sia sotto controllo. Secondo lui, questo potrebbe accadere nel corso del 2023.

Intanto, la BCE giovedì ha alzato i tassi di 25 punti base e ha previsto che ci vorrà più di un anno per raggiungere l’obbiettivo di inflazione media al 2%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *