Il Giappone punta a diventare una potenza eolica offshore

Avatar di Chiara Ricciato
Written by Chiara Ricciato
Animata da un vivo interesse per l'analisi fondamentale delle aziende e le dinamiche interne, questo individuo si distingue per la sua curiosità e versatilità. È costantemente alla ricerca di nuove informazioni per arricchire il proprio sapere, dedicandosi alla lettura di report finanziari trimestrali per mantenere un'aggiornata comprensione del mercato.
Scopri i nostri principi editoriali

L’associazione giapponese con sede a Tokyo che si propone di espandere la produzione di energia eolica al fine di migliorare la sicurezza energetica del Paese e allo stesso tempo contribuire alla soluzione dei problemi ambientali globali si è prefissata l’obiettivo di aumentare in modo massiccio la sua capacità nei prossimi trentacinque anni.

La Japan Wind Power Association (JWPA), infatti, ha annunciato lunedì 29 marzo di puntare a soddisfare un terzo della domanda di elettricità del Giappone e contribuire a raggiungere l’obiettivo di neutralità carbonica entro il 2050, aumentando la capacità a 140 GW dagli attuali meno di 5 GW.

immagine di presentazione della notizia sul Giappone che cerca di aumentare la sua capacità di energia eolica offshore
L’Associazione giapponese per l’energia eolica JWPA svela piani ambiziosi per l’espansione dell’energia rinnovabile

Sono necessarie azioni chiare

Il Paese del Sol Levante ha l’obiettivo di ridurre le emissioni del 46% rispetto ai livelli del 2013 e aumentare la quota di energie rinnovabili nel suo mix energetico al 36%-38%, pari al doppio rispetto ai livelli del 2019. Nonostante ciò, altri Paesi del G7 hanno già raggiunto gli obiettivi giapponesi per il 2030 e prevedono che le energie rinnovabili costituiranno la maggior parte della loro produzione elettrica entro il 2035.

Per questo motivo, il mese scorso la Japan Climate Initiative (JCI), un’organizzazione che rappresenta 303 organizzazioni, tra aziende giapponesi e i gruppi che si occupano del clima, ha chiesto al governo del Paese di accelerare l’adozione delle energie rinnovabili e di introdurre una tariffazione del carbonio al fine di contrastare il cambiamento climatico. Inoltre, il governo è stato esortato a favorire lo sviluppo dell’energia eolica offshore e ad adottare l’installazione obbligatoria di sistemi di produzione di energia solare nei nuovi edifici.

L’energia eolica offshore, dunque, dovrebbe giocare un ruolo centrale nell’espansione delle energie rinnovabili in Giappone; tuttavia, i progressi sono stati rallentati. L’obiettivo governativo di raggiungere fino a 45 GW di energia eolica offshore nel 2040, infatti, sembra meno ambizioso rispetto ai nuovi obiettivi della JWPA.

Alla fine del 2022, la capacità di energia eolica installata in Giappone, che era inferiore a 5 GW, comprendeva solo 0,14 GW di energia eolica offshore. Purtroppo, lo scorso anno il governo ha anche dovuto sospendere il processo di selezione degli sviluppatori per i progetti di parchi eolici per nove mesi mentre rivedeva le regole per le offerte per affrontare le critiche delle imprese sulla mancanza di chiarezza.

Jin Kato, il presidente dell’associazione giapponese per l’energia eolica, ha dichiarato ai giornalisti in una conferenza stampa che vi è la necessità di delineare un obiettivo chiaro per attirare fornitori stranieri di parchi eolici affinché investano in Giappone e costruiscano qui le catene di approvvigionamento locali.

immagine di pale eoliche in funzione al tramonto
L’energia eolica offshore dovrebbe giocare un ruolo centrale nell’espansione delle energie rinnovabili in Giappone

La JWPA ha affermato che il Giappone, il quinto maggior emettitore di anidride carbonica al mondo, dovrebbe aumentare la capacità di generazione di energia eolica offshore a 100 GW entro il 2050 per contribuire alla riduzione delle emissioni. Inoltre, è stato aggiunto che la creazione di un’industria dell’energia eolica competitiva a livello internazionale richiede la collaborazione tra il settore pubblico e quello privato per accelerare i progressi. Complessivamente, l’obiettivo è installare 40 GW di parchi eolici onshore, 40 GW di parchi eolici offshore fissi e 60 GW di parchi eolici offshore galleggianti.

Secondo le stime dell’associazione per l’energia eolica, tali installazioni avrebbero un effetto economico di 6 trilioni di yen (pari a 44,4 miliardi di dollari) ogni anno nel 2050, creando 355.000 posti di lavoro e riducendo i costi di approvvigionamento dei combustibili fossili di 2,5 trilioni di yen per anno (circa 1,8 miliardi di dollari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *