McDonald’s, le attese degli analisti per i dati del Q1: vendite in calo e meno visite ai ristoranti

Avatar di Alessandro Calvo
Written by Alessandro Calvo
Diplomato in Scienze Economiche presso l'Ateneo di Torino, mi dedico alla vita di nomade digitale con un focus particolare sugli investimenti azionari. Rivesto il ruolo di gestore e analista capo per il portfolio di azioni su TradingOnline.com. Come ricordato da Peter Lynch, è importante tenere a mente che investire in azioni non equivale a giocare alla lotteria; rappresenta piuttosto la detenzione di una quota parte di un'impresa
Scopri i nostri principi editoriali

McDonald’s presenterà i suoi dati trimestrali domani, ma in questo momento la speculazione sui dati è già al massimo. Gli analisti si chiedono se il re delle catene di fast food riuscirà a evitare il quarto declino consecutivo dei ricavi, in una fase storica in cui i consumatori si dimostrano sempre più attenti alla linea e i farmaci anti-obesità stanno riducendo la spesa dei clienti abituali di McDonald’s nei ristoranti dell’azienda. Dopo un ritorno ai ristoranti post-pandemia, ora sembra che il reddito disponibile dei consumatori sia sempre più speso per cose diverse dai celebri panini di McDonald’s, con Burger King che sta altrettanto attraversando un periodo molto complicato in termini di crescita e redditività.

I dati trimestrali di McDonald’s sono molto attesi anche perché daranno il via a una settimana molto intensa di pubblicazioni da parte dei grandi colossi della ristorazione: Starbucks sarà il successivo e poi arriverà la presentazione di Yum Brands, la holding proprietaria del marchio Burger King. Attualmente il consenso degli analisti di Wall Street non è positivo: ci si aspetta che l’azienda registri tanto un calo dei ricavi quanto un calo del traffico nei suoi ristoranti, entrambi fattori che rischiano di trascinare il titolo ancora più in basso. Attualmente le azioni McDonald’s sono in calo del 8% da inizio anno, mentre il resto dell’indice S&P 500 continua a performare in modo molto positivo.

presentazione della notizia su utili mcdonald's anticipati da pessimismo
L’azienda si aspetta di chiudere comunque il 2024 con una leggera crescita

Margini sotto pressione e poco interesse

Gli analisti ritengono che i margini di McDonald’s sul venduto potrebbero essere significativamente inferiori a quelli dello scorso anno per via della strategia di marketing che la società ha scelto di utilizzare per rivitalizzare il traffico nei suoi ristoranti. Dall’inizio dell’anno è stata introdotta una linea di prodotti da 1$, 2$ e 3$, con l’obiettivo di ottenere poi dei margini superiori sugli altri prodotti che i clienti acquistano insieme a quelli in offerta a basso prezzo. L’iniziativa, chiamata Dollar Menu, non convince i mercati: i dati preliminari mostrano che il numero di pasti serviti rimane al di sotto rispetto al primo trimestre del 2023, e inoltre la stessa strategia è stata replicata da Taco Bell e da altri competitor che hanno così vanificato l’unicità di questa mossa da parte di McDonald’s.

La società ha avuto anche i suoi problemi tecnici che possono pesare sui dati del primo trimestre, tra cui un aggiornamento fallito del software che gestisce le casse automatici e i totem. Il problema è durato solo 36 ore ma ha forzato migliaia di ristoranti a chiudere o ad accettare esclusivamente pagamenti in contanti fino alla sua soluzione. Per una società che opera 24/7 con sistemi altamente automatizzati come McDonald’s, in migliaia di location in tutto il mondo, un problema di questo genere può portare danni concreti ai ricavi di un trimestre.

foto di un menu McDonald's
Scelte sempre più salutari da parte dei consumatori stanno spingendo anche McDonald’s a cambiare gradualmente la sua immagine

Problemi anche sul fronte geopolitico

In alcuni paesi come Israele, pesa anche la situazione geopolitica. In molti paesi arabi c’è stato un boicottaggio di McDonald’s principalmente dovuto al fatto che la società non abbia voluto cessare le operazioni in Israele, mentre in altri si riscontra semplicemente un atteggiamento contrario alle imprese americane più in generale. Dal momento che l’azienda continua a essere in difficoltà a livello generale nella sua crescita, queste variabili apparentemente piccole sono sufficienti a cambiare un segno di crescita positiva in uno di crescita negativa. In ogni caso, viste le basse aspettative, dati migliori delle attese potrebbero far correre a rialzo significativamente il prezzo del titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *